16 Agosto 2012
01:54

Andros, l’isola delle Cicladi per gli amanti delle escursioni

L’isola greca si trova in uno degli arcipelaghi più movimentati, ma mantiene un turismo per gli appassionati del trekking e della natura.

Torniamo a viaggiare sul Mar Egeo, il mare che bagna la Grecia e i suoi arcipelaghi costellati di isole più o meno grandi, molte delle quali sono delle vere e proprie perle nascoste. L'isola di cui vi parliamo oggi non è proprio invisibile dal momento che è una delle più grandi delle Cicladi: Andros nella parte più a nord dell'arcipelago, a differenza di alcune sue sorelle non è rincorsa dai turisti che ogni estate si dirigono verso le mete più gettonate, Mykonos e Santorini in testa. E questo, come ben sanno gli amanti delle vacanze al mare in totale relax, è solo un vantaggio. Lo ha capito bene l'amministrazione locale, che ha sviluppato un programma di turismo a bassa intensità, che valorizzi le bellezze del luogo senza dover subire i danni derivanti dalle frotte di viaggiatori.

Le spiagge di Andros fanno parte naturalmente delle principali attrattive dell'isola. E in un territorio così vasto se ne possono trovare a bizzeffe. Naturalmente c'è sempre il centro turistico più sviluppato dove si concentra la maggior parte dei bagnanti, e si chiama Batsi, una delle baie più grandi. Qui si trova la bellissima spiaggia di Agios Petros e qui, guarda caso, si concentra il maggior numero di hotel, villaggi e appartamenti. Le vie della città sono ricche di negozi di souvernir, locali e taverne, e presso la spiaggia ci sono centri per sport acquatici. Anche la cittadina di Gavrio ha il suo porto e i suoi lidi ben frequentati, sebbene come abbiamo detto l'industria turistica è meno sviluppata qui rispetto ad altre parti delle Cicladi. Lungo la costa troverete numerose baie e spiaggette sabbiose (alcune località: Hora, Kortyon, Fourni), alcune anche di sabbia dorata: la linea costiera è talmente frastagliata da ritagliare una serie di calette perfette per la vostra giornata di mare.

[Foto di Panos]

Un viaggio ad Andros è una meta sicura per il trekking. La bellezza principale dell'isola sta tutta nell'entroterra ricco di scenari variegati e paesaggi differenti. Foreste di quercie e pini si alternano a valli verdi e prati immensi, le montagne si intervallano agli altipiani, il blu acceso del mare si riflette sulla sabbia dorata di molte spiagge, e in mezzo scorrono ben undici fiumi che sono i responsabili della fertilità dell'isola, che appare meravigliosamente viva e rigogliosa agli occhi dei naturalisti più incalliti. Una rete di sentieri per le passeggiate all'interno è stata strutturata in modo da permettere agli escursionisti di godere di tutti i paesaggi più belli. I percorsi seguono il cammino dell'isola nella sua storia, dall'epoche preistorica, alle dominazioni straniere (persiani, romani, veneziani, bizantini) fino alla Seconda Guerra Mondiale, dove Andros subì enormi danni a causa dei devastanti bombardamenti tedeschi.

Ci sono molte cose da fare ad Andros per chi ama la cultura e le passeggiate. Oltre agli itinerari naturalistici una visita la meritano alcuni centri come Chora, il capoluogo dell'isola, con il suo museo archeologico e il museo nautico: la costruzione di imbarcazioni è stata all'inizio del ventesimo secolo un business molto importante per l'isola. Se volete farvi un'idea di come era Andros all'apice del suo sviluppo economico visitate i vari villaggi della valle di Messaria, che fu particolarmente florida sia nel periodo bizantino, che in quello dei cantieri. L'area è conosciuta per essere particolarmente fertile grazie all'enorme abbondanza di acqua dal sottosuolo: ne sono un esempio gli splendidi e curatissimi giardini del villaggio di Menites. Al periodo bizantino appartengono le chiese e il monastero di Panayia Panachrantou (Vergine Maria). Mentre ad Hora, il principale porto dell'isola, potete vedere numerose costruzioni neoclassiche che appartenevano a vari esponenti agiati dell'industria marittima. La città si immerge nella quiete più totale poiché le auto vengono bandite all'esterno e il centro è totalmente pedonalizzato. Se invece avete voglia di un po' più di movimento, la sera dovete recarvi a Batsi o a Gavrio, per godere di un po' di vita notturna: non ci saranno le discoteche di Mykonos o Santorini, ma la scelta di locali è vasta, e vengono organizzate varie serate musicali.

[Foto di Josè]

Per arrivare ad Andros bisogna necessariamente imbarcarsi dalla Grecia, poiché l'isola non dispone di un aeroporto. La soluzione migliore sono i collegamenti dal porto di Rafina, 34 km a est di Atene. In alternativa potete arrivare a Mykonos con l'aereo, e imbarcarvi da lì. All'interno dell'isola il servizio di bus è discreto, e collega i villaggi principali. Come sempre la soluzione migliore è quella di affittare un auto, soprattutto in questo caso che parliamo di una vasta area da visitare. Tra spiagge e sentieri per escursioni, poi, farete affidamento sulle vostre gambe per spostarvi nell'entroterra e godere delle bellezze che Andros ha da offrirvi.

Amorgos: l'isola del profondo blu nelle Cicladi
Amorgos: l'isola del profondo blu nelle Cicladi
Nasso, cosa vedere sull'isola più grande delle Cicladi
Nasso, cosa vedere sull'isola più grande delle Cicladi
Santorini, l'isola leggendaria
Santorini, l'isola leggendaria
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni