Low cost e lusso sono i due settori del consumo che godono di migliore salute in periodo di crisi. Da un lato la resistenza della clientela facoltosa, che non risente delle difficoltà economiche, dall'altra il ricorso alle tariffe economiche da parte di chi, sentendo più forte il peso della crisi, cerca di risparmiare. Le compagnie aeree seguono questi due trend e polarizzano sempre di più la loro offerta. Le cabine extra-lusso fornite dai vettori medio-orientali come Ethiad o australiani come Qantas diventano interessanti anche per l'europea Air France, che in settimana ha annunciato le "BEST cabins". Queste postazioni lussuose comporranno i Boeing 777-300 tra l'aeroporto parigino Charles De Gaulle e lo scalo di Dubai per 5-7 volte a settimana (a/r), fino ad assicurare una presenza quotidiana per la stagione estiva 2015. Dall'autunno dello stesso anno, saranno anche nei voli verso e da Beirut, Libano.

Un vero e proprio "bozzolo", secondo Air France, nel quale il viaggiatore può rinchiudersi in un ambiente protettivo, in cui la privacy è assicurata; può guardare la tv, stendersi, dormire o usare luci notturne sufficienti alle proprie necessità e che non arrecano disturbo agli altri ospiti. Intanto, anche nella Premium Economy sono state apportate delle gradite modifiche: un design nuovo che si accompagna ad elementi concreti di comfort, come un maggiore spazio per la distensione delle gambe, cuscini per la seduta e tavolini più grandi. Interessante anche uno degli strumenti usati da Air France per pubblicizzare il nuovo servizio. Non solo comunicati stampa, ma anche la possibilità di entrare nel nuovo Boeing usando Google Street View, grazie al quale è possibile fare una passeggiata sul volo in partenza verso Dubai. Qui sopra l'embed che ci dà modo di sentirci in viaggio verso Dubai… e di poterci permettere un biglietto extra-lusso. A proposito, un volo in BEST Cabin ci costerà almeno 8000 euro.