Bibbiano, frazione di Buonconvento, con il Castello – Foto Wikimedia Commons
in foto: Bibbiano, frazione di Buonconvento, con il Castello – Foto Wikimedia Commons

A 30 km da Siena, il borgo di Buonconvento è un gioiello sospeso nel tempo. Si presenta racchiuso dalle mura medievali, costruite tra il 1371 e il 1385, dove spicca la monumentale Porta Senese a testimonianza di un illustre passato.

Buonconvento – Foto di ho visto nina volare
in foto: Buonconvento – Foto di ho visto nina volare

Buonconvento è situato lungo la via Francigena, l'antica strada che da Canterbury conduceva a Roma, percorsa da migliaia di pellegrini nel Medioevo. La sua posizione strategica risultò favorevole agli scambi commerciali e questo regalò al borgo un periodo fiorente tra il XIII e il XIV secolo.

Buonconvento – Foto Wikipedia
in foto: Buonconvento – Foto Wikipedia

Il centro di Buonconvento è un angolo di Medioevo ancora intatto, con i suoi edifici in mattoni rossi tra cui spicca il Palazzo Podestarile, sormontato dalla torre campanaria e ricoperto dagli stemmi dei Podestà. Tra gli edifici religiosi troviamo la chiesa dei Santi Patroni Pietro e Paolo; di origine medievale ma ristrutturata nel XVIII secolo, conserva all'interno opere di Matteo di Giovanni e Pietro Orioli. Da vedere anche l'Oratorio di San Sebastiano, un edificio del XV secolo con volta a crociera, e la Chiesa dell’Arciconfraternita della Misericordia. Il Palazzo Ricci, esempio di architettura liberty, ospita il Museo di Arte Sacra della Val d'Arbia. Il percorso espositivo parte dal Trecento-Quattrocento ed è strutturato in sette sale che racchiudono opere pittoriche di scuola senese, ma anche arredi lignei e oggetti di oreficeria sacra. Tra gli artisti in collezione spiccano i nomi di Duccio di Buoninsegna, Pietro Lorenzetti, Sano di Pietro, Andrea di Bartolo, Matteo di Giovanni. L'antico granaio dell’ex Tinaia del Taja ospita invece il Museo Etnografico della Mezzadria.

Castello di Bibbiano – Foto Wikipedia
in foto: Castello di Bibbiano – Foto Wikipedia

Nelle vicinanze di Buonconvento spicca la frazione di Bibbiano. Il nome del piccolo centro deriva da "bibbio" o fischione, un uccello acquatico simile all'anatra che nidificava da queste parti. Fiore all'occhiello è il Castello di Bibbiano, fortilizio medievale che domina la valle dell'Ombrone. All'interno sono conservate interessanti opere artistiche, come l'Annunciazione di Pietro Lorenzetti e la Madonna di Baldassarre Peruzzi. Il complesso architettonico risale all'850. Era di proprietà del conte longobardo Guinigi di Reghinari, legato imperiale all'epoca di Ludovico II. Nei secoli successivi il castello passò di mano in mano, fino a divenire possesso della Repubblica Senese che ne accentuò le funzioni difensive. Nel 1345 il complesso divenne dominio dei Bichi, che avrebbero ospitato il pittore Pietro Lorenzetti. Nella prima metà del XVI secolo fu restaurato da Baldassarre Peruzzi per conto del cardinale Raffaello Petrucci, divenuto proprietario nel 1515. Divenne poi proprietà dei Borghese, dei Chigi e dei Malavolti di Siena. Nel 1922 venne dichiarato monumento nazionale e dal 2011 è proprietà privata, in attesa di essere destinato a fini turistico-alberghieri.

Chiesa di San Lorenzo – Foto Wikipedia
in foto: Chiesa di San Lorenzo – Foto Wikipedia

Nella frazione di Bibbiano ricordiamo anche la Chiesa di San Lorenzo. Le prime notizie risalgono all'epoca medievale, ma l'edificio venne completamente ricostruito nel 1822 poiché in precario stato di conservazione. In origine custodiva pregiate opere del Brescianino, Francesco Vanni e Ventura Salimbeni, oggi conservate nel Museo di Arte Sacra della Val d'Arbia a Buonconvento.

Bibbiano – Foto Wikipedia
in foto: Bibbiano – Foto Wikipedia

Se non siete ancora sazi di bellezza, potete fare un emozionante tour nei dintorni di Buonconvento. Scoprirete così gioielli come l'abbazia di Monte Oliveto Maggiore, Asciano e le Crete Senesi, suggestivo paesaggio collinare dall'aspetto brullo e argilloso. A soli 15 km da Buonconvento potrete visitare il delizioso borgo di San Quirico d'Orcia e immergervi in tutto il fascino della Val d'Orcia. Insomma, c'è l'imbarazzo della scelta: Buonconvento vi aspetta.