Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons

Caldaro è uno dei più affascinanti luoghi dell'Alto Adige. Situato tra filari di vigneti e paesaggi da sogno, è noto per i suoi splendidi scenari naturali. Con le sue sfumature dal blu intenso, il lago di Caldaro è un vero spettacolo per gli occhi e per il cuore: è facile restare incantati dai suoi colori e dal suo scenario fatato. Si tratta del più grande specchio d'acqua naturale della provincia autonoma di Bolzano. Le sue acque temperate, le più calde dell'arco alpino, conciliano un bagno rilassante. L'area offre diverse attrattive per tutti i gusti e per tutta la famiglia: lungo le sue rive si trovano numerosi alberghi, ristoranti, impianti balneari. Inoltre c'è la possibilità di praticare sport quali il windsfurf e la barca a vela.

Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons

Il piccolo centro di Caldaro colpisce per l'ospitalità e il senso di quiete che emana. Balconi fioriti, piazzette e botteghe contribuiscono a creare un'atmosfera piacevole e a misura d'uomo. Questo borgo vivace è sempre ricco di eventi, manifestazioni, concerti all'aperto di musica pop, tradizionale e classica. Tra gli edifici più importanti troviamo la chiesa parrocchiale menzionata per la prima volta nel 1191. L'interno presenta un altare maggiore dove spicca un bel tabernacolo di marmo policromo intarsiato, oltre a un organo con struttura lignea e  affreschi del pittore tirolese Josef Schöpf.

Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons

Immerso tra filari di vigneti, Caldaro è una tappa fondamentale della Strada del Vino e ospita il Museo Provinciale del Vino dell’Alto Adige. In questo borgo vitivinicolo è facile ritrovarsi in qualche cantina a sorseggiare un calice di Kalterersee, la specialità locale. Numerosi sono gli eventi a tema enogastronomico, come la Festa del Vino ad agosto o le Giornate del Vino a settembre.

Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Lago di Caldaro – Foto Wikimedia Commons

Il territorio si presta a numerose escursioni nelle frazioni di Caldaro. Si tratta di piccoli borghi sulla riva del lago, costellati da chiesette, tenute e castelli in rovina che puntellano i vigneti della zona. Il trekking è perfetto nel periodo che va tra marzo e novembre: in primavera è preferibile camminare a fondovalle, attorno al lago o alla ciclabile, mentre in estate si possono percorrere sentieri di montagna come quelli della Mendola o del Penegal. Un luogo davvero pittoresco è la Valle della Primavera, che collega i bacini dei laghi di Monticolo e di Caldaro. Lungo l'itinerario si possono visitare le Rovine di Castelchiaro e Castel Varco, due fortezze medievali dalla storia immersa nella leggenda. In località Castelvecchio sorge la chiesa più antica dell'Alto Adige: la Basilica di San Pietro. Un modo emozionante per spostarsi è la Funicolare della Mendola: si tratta della funicolare più ripida e lunga d'Europa, inaugurata nel lontano 1903.