Acquapendente – Foto Wikipedia
in foto: Acquapendente – Foto Wikipedia

Immersa nel verde, in un tripudio di vegetazione e cascatelle fluenti, sorge la bellissima cittadina di Acquapendente. Situata in provincia di Viterbo, la città è posta sulla Via Francigena, l'antica strada che percorrevano i pellegrini diretti da Canterbury a Roma. Ad accoglierli era la Torre Julia de Jacopo, che costituiva l'antico ingresso alla città. Di origine etrusca, Acquapendente venne invasa dai Romani e successivamente dai Longobardi.

Basilica del Santo Sepolcro, abside – Foto Wikimedia Commons
in foto: Basilica del Santo Sepolcro, abside – Foto Wikimedia Commons

La cittadina è considerata una Terra Santa in miniatura: Acquapendente viene definita "la Gerusalemme d'Europa" perché all'interno della Cattedrale ospita la più antica riproduzione del Santo Sepolcro. La fondazione del Duomo, secondo la leggenda, si deve a Matilde di Westfalia (895-968), madre di Ottone I il Grande: la sovrana era in viaggio dalla Germania verso Roma, ma giunta ad Acquapendente i suoi muli si sarebbero improvvisamente arrestati e inginocchiati, costringendola a fermarsi nella località. Avvertita da un sogno premonitore, ordinò la costruzione di una chiesa dedicata al Santo Sepolcro. Nel corso degli anni il Duomo ha subito diversi rimaneggiamenti: l'originaria struttura romanica del XIII secolo ha poi assunto elementi barocchi con la ricostruzione della facciata e della navata centrale. L'interno si sviluppa su tre livelli: il superiore del transetto con l’altare centrale e le cappelle di S. Ermete e del Sacramento; il mediano con le tre navate; l’inferiore con la cripta romanica del XI secolo. Nella stessa Cattedrale si trovano anche due bassorilievi quattrocenteschi attribuiti ad Agostino di Duccio: il primo rappresenta San Michele Arcangelo vittorioso sul drago, il secondo l'Arcangelo Raffaele con il giovane Tobia.

Cripta del Santo Sepolcro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Cripta del Santo Sepolcro – Foto Wikimedia Commons

Il vero gioiello della chiesa è la Cripta del Santo Sepolcro, ubicata nello spazio sotto il transetto e l'abside. Edificata nel XII secolo, costituisce una delle più importanti cripte romaniche mai realizzate. L'area è scandita da 24 colonne che la dividono in nove piccole navate. I capitelli, uno diverso dall'altro, presentano figure zoomorfe, motivi di vegetali, teste di ariete e volti umani. A lato della scalinata di accesso sono presenti affreschi del XII-XV secolo tra cui si riconoscono una Natività e le figure di Santa Caterina d’Alessandria e S. Michele Arcangelo. Una doppia scalinata scolpita nella pietra conduce a un sacello con la riproduzione del Santo Sepolcro di Gerusalemme: si tratta di un luogo dall'indubbio fascino, ricco di misticismo e ideale per il raccoglimento silenzioso. All'interno si trova un tabernacolo con piccole pietre incastonate che, secondo la tradizione, sarebbero state bagnate dal sangue versato da Cristo durante la Passione.

Cripta del Santo Sepolcro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Cripta del Santo Sepolcro – Foto Wikimedia Commons

Il centro storico di Acquapendente, di impianto medievale, presenta testimonianze del passato come la cinta muraria, di cui rimangono solo poche tracce, e diversi edifici religiosi. La chiesa di San Francesco, costruita nel 1149 con dedicazione all'Assunta, ma donata ai Francescani nel 1255, si distingue per il campanile rinascimentale e il portale dell'XI secolo. All'interno si trovano diverse opere d'arte, tra cui quattordici statue lignee raffiguranti gli Apostoli e i Santi Giovanni Battista e Giuseppe, scolpite nel 1752 da Giacomo Bulgarini. Interessanti anche gli affreschi del presbiterio risalenti al XVII secolo e realizzati da Francesco Nasini. Tra gli edifici più belli ed eleganti spicca Palazzo Viscontini, in stile rinascimentale con decorazione a bugnato. La Torre dell'Orologio è ciò che resta dell'antico castello di Federico Barbarossa, distrutto nel 1166 in seguito alla ribellione popolare. Il Museo della Città si trova dislocato in tre diverse sedi: la prima, nella Torre Julia di Jacopo, con maioliche arcaiche; la seconda, nell'ex convento dei frati Minori Conventuali, con opere d'arte che vanno dal XV al XIX secolo; nell’ex Palazzo Vescovile lungo Via Roma, è possibile ammirare le raccolte d’arte sacra diocesana e numerosi reperti ceramici; al secondo piano è presente una sezione dedicata alla Via Francigena.

Cripta del Santo Sepolcro – Foto Wikimedia Commons
in foto: Cripta del Santo Sepolcro – Foto Wikimedia Commons

Una delle ricorrenze più sentite ad Acquapendente è la festa dei Pugnaloni che si tiene la terza domenica di maggio. Questa festa folkloristica si celebra fin dal 1166 in onore della Madonna del Fiore per via di un evento miracoloso: due contadini assistettero alla fioritura di un ciliegio secco, che considerarono un segno della protezione della vergine. Il prodigio consentì agli abitanti di ribellarsi al giogo imperiale di Federico Barbarossa e riconquistare la libertà. Il nome dei "pugnaloni" deriva dall'antico attrezzo usato dai contadini per spronare i buoi durante l'aratura e impugnato dalla comunità per scacciare il tiranno. Oggi i pugnaloni consistono in splendidi mosaici, realizzati con fiori e foglie, che prendono la forma di scene allegoriche. Si tratta di opere collettive che coinvolgono tutta la comunità con grande passione. I festeggiamenti prevedono la presentazione e la sfilata dei pugnaloni con la premiazione dei più belli. Le opere rimangono poi esposte tutto l'anno nella cattedrale del Santo Sepolcro. Tra gli altri eventi nel corso dell'anno possiamo menzionare le celebrazioni in onore di Sant'Antonio da Padova nel mese di giugno, la Festa della Birra e la Festa del Pescatore a inizio agosto.

Oltre alle bellezze artistiche, Acquapendente presenta anche una natura rigogliosa e verdeggiante che ha il culmine nella Riserva Naturale del Monte Rufeno. Nei dintorni di Acquapendente, non perdete il meraviglioso centro di Torre Alfina, annoverato tra i Borghi più Belli d'Italia, con il suo castello incantato e il magico Bosco del Sasseto, che richiama il mondo delle fiabe. In più, per fare il pieno di romanticismo, a soli 10 km è presente un'altra meraviglia naturale, il lago di Bolsena.