L'ultimo week end di novembre è il periodo ideale per concedersi un fine settimana fuoriporta per iniziare ad immergersi nelle magiche atmosfere delle feste e lasciarsi andare a qualche peccato di gola in giro per l'Italia. Tante sono le sagre in programma questo week end, dalla festa del maiale a quella dell'olio, ma i veri protagonisti di questo periodo sono i mercatini di Natale. Dalle cime del Trentino Alto Adige fino alla Sicilia, più di 150 fra mercatini e presepi in tutte le regioni d'Italia attendono i turisti, che vanno a caccia di doni ed atmosfere magiche.

Feste popolari e prodotti tipici
Mercatini di Natale
Altri eventi e manifestazioni

 Feste popolari e prodotti tipici

[Foto di jmerolo]

L'ultimo week end di novembre inizia con la celebrazione dell'olio, la festa della Frasca. Questa manifestazione si tiene in Umbria, precisamente a Giano dell'Umbria, una zona rurale molto legata alla coltivazione delle olive. Un tempo questa festa veniva celebrata nei cortili dei casali rurali, dove i contadini appena terminata la raccolta organizzavano delle feste addobbando le case con tranci di olivo, detti appunto frasche. Oggi la festa della Frasca viene rievocata con una sfilata che attraversa le vie del piccolo borgo medievale di Giano dell’Umbria.  Un carro, tirato dai buoi, trasporta la frasca fino alla piazza principale del paese, accompagnata dai coglitori in abiti d’epoca e da un gruppo folkloristico che rievoca i canti e le danze della tradizione umbra.

Sulle colline livornesi, a Suvereto, si tiene la 46 esima sagra del cinghiale. Questa città è famosa per il vino e per l'olio, ed in questo periodo si aggiunge anche questo corposo ingrediente a deliziare i palati dei visitatori. La sagra suveretana, vera e propria, aprirà i battenti domenica 1 dicembre, ma il programma della manifestazione eno-gastronomica avrà inizio il 22 novembre con il convegno alla Tenuta di Rubbia al Colle in occasione del VII centenario della morte di Arrigo VII: “La Maremma al tempo di Arrigo”. Durante la sagra si potrà passeggiare nel borgo medioevale, tra monumenti, artisti di strada e cortei storici che faranno rivivere epoche passate ricche di fascino. Tutto degustando piatti tipici a base di cinghiale, salsicce, bistecche, ma anche polenta arrostita, olio e ottimo vino.

La fiera di Sant'Andrea è la festa popolare di Portogruaro, in occasione della quale si celebra il santo patrono della città. La manifestazione inizierà domenica 24 novembre, e continuerà fino al week end dal 30 novembre al 1 dicembre. In occasione della festa, i ristoranti e le trattorie locali offrono menù tipici della tradizione veneta, a base d'oca, abbinata a vini locali, reinterpretando in chiave moderna alcuni piatti tipici di un tempo. In particolare nel secondo fine settimana che chiederà la festa le strade del paese si riempiranno di stands e banchi espositivi con prodotti eno gastronomici locali, tradizione ed arte.

[Foto di Fiore S. Barbato]

Il 30 novembre, come ogni anno si tiene la notte di Sant'Andria a Bono in provincia di Sassari. La festa è legata all'antico culto di bacco,  Dio del Vino, che in sardo viene chiamato Sant’Andria. La manifestazione prevede dei riti e delle usanze particolari che si ripetono ogni anno e vengono tramandate da generazione in generazioni. Tra queste c'è quella della zucca. Infatti la tradizione vuole che  i giovani del paese si riuniscano di buon mattino per svuotare il più possibile delle zucche ed intagliarle in modo da rassomigliare a dei volti umani. Una volta costruite le zucche, le legano al collo e una grande processione affolla e illumina le vie del paese al grido di Sant’Andria Sant’Andria accompagnato dal suono delle campanelle. Si passa per le case e si raccolgono le offerte, fatte di dolci della tradizione sarda, noci e caramelle. Alla fine della processione le zucche vengono gettate in terra e distrutte e tutti si riuniscono nella piazza del paese dove si fa feste gustando caldarroste e vino nuovo.

Torniamo a parlare di cibo e di prodotti tipici con la sagra del fagiolo di Controne. Questa festa si tiene il 30 Novembre ed il 1 dicembre di quest'anno, ed il protagonista assoluto è il pregiato legume impreziosito dal buon olio locale. Durante la festa tutte le taverne vengono allestite a festa e diventano il luogo dove poter assaggiare i gustosi piatti, tutti rigorosamente a base di fagioli, compreso il gelato. 

Mercatini di Natale

[Foto di Guadette Gallant]

Il Mercatino degli Angeli di Sordevolo, è un evento molto atteso in tutto l'entroterra biellese. Questo mercatino ha aperto le porte il 17 novembre e chiuderà il 15 dicembre. In questo periodo il centro della cittadina di Sordevolo  viene invasa da piccole casette di legno, con banchi pieni di dolcezze, prodotti tipici, idee regali, balocchi, caldarroste, vin brulè e cioccolata calda. Per le strade non sarà difficile incontrare tanti artisti stravaganti e soprattutto Babbo Natale che regalerà dei momenti di allegria. Girare per i mercatini di Natale è un'ottima occasione per visitare il borgo di Sordevolo e tutte le bellezze naturalistiche che si trovano dintorno.

Altro mercatino molto atteso è quello di Brunico, famoso in tutt'Italia. E' uno dei più belli e più grandi del Trentino ed è amato per le atmosfere incantate che crea, avvolto tra dolci profumi e la neve che cade soffice tutt'intorno. Caratteristici sono i chioschi dove riscaldarsi con del buon vin brulè e con la possibilità di acquistare la stessa tazza dove si è bevuto il vino siglata con il logo del mercatino. Il mercatino offre i caratteristici prodotti artigianali che vengono creati proprio davanti agli occhi dei visitatori e dolcissime specialità da acquistare o semplicemente ammirare tra un concerto gospel, una sfilata musicale o una rappresentazione di un presepe vivente. Il mercatino si svolge in Via Bastioni e Piazza Municipio ma tutta la città sarà illuminata a festa, e ricca di presepi in legno a grandezza naturale, vetrine natalizie dei negozi e tutta la bellezza che questo centro nasconde.

[Foto di lendog64]

Ad Ornavasso si può visitare la vera grotta di Babbo Natale che ogni anno richiama tantissimi bambini provenienti da tutta Europa che vengono a far visita al loro beniamino, sperando di ricevere i doni desiderati. E sicuramente il luogo giusto dove andare in vacanza a Natale e far vivere ai propri bambini un'esperienza unica al mondo. Quest'anno l'area si amplia ancora di più arrivando a coprire ben 20 mila metri quadrati, con nuovi allestimenti e tante sorprese. La Grotta di Ornavasso, dove vive Babbo Natale, è proprio nel cuore della montagna, con una galleria di 200 metri sotto terra ed un grandioso salone di marmo, circondato da giochi giganteschi, dall'albero di Natale e da grandi proiezioni, che creano un clima indimenticabile. Un piccolo trenino porta a spasso nella grotta tra gnomi, troll, elfi, renne fino ad arrivare al Santuario della Madonna della Guardia, dove è allestito un presepe meccanico, tra i più grandi d'Italia, e dove le famiglie potranno sostare, passando attraverso il bosco incantato, per gustare la merenda di Natalina. Altre attrazioni sono il villaggio degli Gnomi, con le casette dove i bimbi possono giocare ed imparare a lavorare la lana con le Mastre Feltraie, l'elfo scultore, che lavora il marmo del Duomo di Milano, il Rifugio dei Troll, realizzato in veri cunicoli sotterranei utilizzati per la Prima Guerra Mondiale, che ospiteranno gli originali Troll Norvegesi, fino alla Grotta di Babbo Natale.

Candele a Candelara è il primo mercatino di Natale in Italia interamente dedicato alle candele. Quest'anno si svolgerà dal 30 novembre al 15 dicembre sempre nell'antico borgo medievale sulle colline attorno a Pesaro. Nei giorni della festa per 3 volte giorno nella cittadina sarà spenta tutta l'illuminazione artificiale e l'intero paese sarà illuminato da migliaia di fiammelle accese, creando un'atmosfera incantata, ma allo stesso tempo calorosa. Nel paese saranno allestite bancarelle che offriranno non solo candele, ma anche addobbi di natale, decorazioni, prodotti artigianali ed inoltre sarà allestita una tensostruttura riscaldata al cui interno si potranno degustare castagne, vin brulé, dolci. Oltre al mercatino si può visitare la Via dei Presepi, con presepi provenienti da ogni parte d'Italia, il Presepe vivente, l'Officina di Babbo Natale che attende centinaia di bambini.

Altri eventi e manifestazioni

A Roma nel week end tra il 29 Novembre ed il 1 Dicembre si tiene un evento dedicato a tutta la famiglia. Ludica Network dopo i successi nelle altre città italiane, continua il suo tour itinerante e fa tappa finalmente nella capitale all'interno dei padiglioni della Nuova Fiera di Roma. Gli eventi proposti in realtà saranno tre, tutto all'insegna dello svago e del divertimento. Ludica Roma, il Festival Italiano del Gioco & del Videogioco sarà affiancato da Ludica Model, il primo grande evento romano dedicato al mondo del modellismo statico e dinamico, e Ludica Bimbi, un'area giochi dedicata ai bambini da 0 a 10 anni. I piccoli appartenenti a questa fascia di età posso entrare e partecipare alle attività gratuitamente, mentre per i più grandi ci sono molte promozioni ed agevolazioni, come il biglietto cumulativo famiglia, 16 euro per due adulti e massimo due bambini sotto i 10 anni e gli abbonamenti individuali, 18 euro due giorni, 23 per tre giorni.

[Foto principale di Peter Griffin]