Flickr
in foto: Flickr

Cosa è lo Zip Line | Dove fare il volo dell'angelo

Credete che la Basilicata sia una regione tranquilla? Nell'immaginario comune si va per respirare aria buona tra i maestosi monti Lattari, mangiare bene e scoprire meravigliosi scorci incantati. Ebbene proprio dietro l'angolo si nasconde qualcosa di super avventuroso da fare. Così come in Basilicata anche in altri posti del mondo si più vivere un esperienza indimenticabile all'ultimo respiro. Se sognate l'ebbrezza di volare, lanciandovi da un punto all'altro di una valle, circondati da monti ecco alcuni luoghi dove poter provare il cosiddetto "volo dell'angelo". Un cavo d'acciaio sospeso tra le vette conduce i più temerari in un percorso sospesi sul vuoto che da un senso di libertà assoluto. Si può provare la sensazione di essere un falco che squarcia il cielo, basta liberare la mente e lanciarsi, non prima però, di aver indossato l'imbracatura.

Cosa è lo "Zip Line"

Flickr
in foto: Flickr

Si chiama volo dell'angelo, ed in effetti è un vero e proprio volo. Uno degli sport estremi più originali del mondo: un tuffo nel vuoto per vedere il paesaggio da un'altra prospettiva. Detto anche Zip Line, è formato da un cavo d'acciaio che unisce due punti tra due montagne. Una volta indossata l'imbracatura, il caschetto e agganciati, si può provare l'ebbrezza di lanciarsi nel vuoto, scivolando fra le cime. Il Volo dell’Angelo consiste in un volo di andata e uno di ritorno. Molte persone vogliono provare questa emozione unica, chi lo ha già fatto dice che si ha una grande sensazione di libertà. Il primo volo dell'angelo mai fatto risale a 30 anni fa. Nei boschi impervi dell'Australia fu inventato questo sistema a carrucole per trasportare materiali e persone all'interno della foresta. Successivamente lo stesso sistema fu utilizzato dai ricercatori ed archeologi per superare barriere naturali altrimenti insormontabili. Ad oggi è diventato uno sport estremo che può fare chiunque sia dotato di un po' di coraggio. Ogni stazione di "volo" ha delle regole leggermente diverse, ma in generale per poter partecipare il peso degli aspiranti superman deve essere compreso tra i 35 e i 120 chilogrammi. Da qualche anno il volo può essere effettuato anche in coppia, a condizione che la somma dei pesi non superi i 150 chilogrammi e che la differenza di peso tra essi non superi i 40 chilogrammi.

Dove fare il Volo dell'angelo

Flickr
in foto: Flickr

Dalle vette della Valtellina, in Trentino o in Basilicata, fino ad arrivare all'Alaska e al Sud Africa, i luoghi dove poter sfidare se stessi con questo sport estremo stanno aumentando. Con altezze e lunghezze diverse, ma tutti accomunati dall'incredibile sensazione di libertà. La tecnica usata nei diversi luoghi è sempre la stessa, solita imbracatura di sicurezza che si collega ad un gancio che è appeso ad un cavo sospeso tra due estremità e poi non resta che lanciarsi nel vuoto.

E' in Italia dove c'è il posto più celebre dove fare il volo dell'angelo. Parliamo della Basilicata dove un filo d'acciaio collega le vette di Pietrasanta e Castelmezzano. La struttura è composta da un doppio cavo d'acciaio lungo 1.550 metri collega sul quale si vola agganciati sorvolando un intero tratto di Dolomiti Lucane. Il salto nel vuoto dura solo 80 secondi che sprigioneranno tantissima adrenalina. Nel punto di massima altezza la distanza dal suolo è di 450 metri. Sfreccierete a una velocità di 120 chilometri orari nell'azzurro del cielo che sovrasta le Dolomiti lucane. Una struttura simile, ma molto più piccola, è sorta in Valtellina a Albaredo per San Marco. Questo volo unisce i comuni di Albaredo e Bema, attraversando la valle del Bitto. Anche qui è possibile fare il volo in coppia, oltre che da soli. In queste località se l'adrenalina non vi manca potrete anche avventurarvi nel rafting sull'Adda e il canyoning in val Bodengo.

Flickr
in foto: Flickr

La Zip Line più ripida d'Europa si trova anch'essa in Italia. Preciasamente si trova nelle Dolomiti dell'Alto Adige, vicino la Val Badia. Questo volo dell'angelo si fa a San Vigilio di Marebbe, in provincia di Bolzano. L'incredibile volo dura circa un'ora per un percorso lungo 3 chilometri sospeso ad una quota di 100 metri. Il parco dove sorge quest'attrazione si chiama proprio Adrenaline, e questa non manca proprio.

Nel nostro bel paese si può anche volare tra i boschi. Questo accade a Busana, in provincia di Reggio Emilia. Lo Zip Line qui è chiamato Grande Tirona e consiste in un cavo d'acciaio fissato a una decina di metri d'altezza fra due alberi, al quale è fissata una carrucola con la quale potete lanciarvi e attraversare una porzione di bosco fino a fermarvi in una rete. Questa attrazione fa arte di Cerwood, uno dei più grandi parchi avventura italiani. Un percorso simile c'è anche a San Vigilio di Marebbe, in provincia di Bolzano. In questo caso le carrucole consecutive sono cinque, per una lunghezza totale di 3.200 metri, ma la spettacolarità è ce la distanza dal suolo non è più di una decina di metri, ma di cento. Un'altra spettacolare zip-line vi aspetta tra le montagne venete, ai piedi del monte Civetta. Una teleferica vi permette di scendere a tutta velocità per circa 1600 metri, con un dislivello di 260 metri tra la stazione di partenza e quella di arrivo. La lunghezza dell'intero volo è di quasi 40 minuti percorsi ad 80 chilometri orari.

Anche all'estero esistono strutture di questo tipo, una si trova in Sud Africa. Qui si vola a circa 100 chilometri orari come se fosse trasportati dal vento. In Cina, invece, si può vivere questa emozione a Gubeikou Twon. Ma qui le l'avventura è ancora più al limite, infatti, l'unico modo per volare appesi alla fune è quello di scalare e percorrere la Grande Muraglia Cinese. La zip line arriva al Mandarin Duck Lake, offrendo una vista spettacolare delle montagne e della natura intorno alla muraglia. Ma il volo dell'angelo più grande del mondo si trova a Hoonah in Alaska. Questa speTtacolare attrazione è composta da 6 funi parallele che fanno volare 6 persone contemporaneamente. Il percorso è davvero mozzafiato: si sorvolano a grande velocità le montagne ricoperte di alberi fino ad arrivare al mare.