6 Ottobre 2010
10:47

I progetti dell’Expo di Milano: Moratti e Formigoni raggiungono l’accordo

Roberto Formigoni, Letizia Moratti e Guido Podestà trovano un accordo per Expo 2015, scegliendo come soluzione il comodato d’uso.
A cura di Barbara Vittoriosi
Formigoni Moratti expo 2015

Roberto Formigoni, Guido Podestà e Letizia Moratti sembrano aver trovato un accordo sulle trattative di Expo Milano 2015. Dopo gli innumerevoli contrasti, in una riunione a casa del sindaco, si è trovata una soluzione per i terreni di Rho-Pero, a meno di due settimane di scadenza dall'ultimato del Bie. Mentre il governatore era intenzionato a sostenere la Newco, la società pubblica aperta ai privati che avrebbe acquistato i terreni, garantendo agli enti locali futuri guadagni, la Moratti e Formigoni hanno continuato a sostenere, come unica soluzione, quella del comodato d'uso; scelta su cui finalmente tutti e tre hanno trovato un punto d'accordo per fornire una risposta a Parigi entro il 19 Ottobre.

Il comodato d'uso prevede condizioni precise: Fondazione Fiera e Gruppo Cabassi devono cedere i terreni in modo incondizionato e partecipare ai costi delle infrastrutture. Inoltre, un'ordinanza firmata dal presidente del Consiglio dei Ministri affida al sindaco di Milano superpoteri sui terreni e sui futuri appalti; scatenando reazioni negative del centrodestra.

il 13 settembre a Palazzo Marino veniva firmato il protocollo d'intesa volto alla realizzazione del progetto da Letizia Moratti, sindaco del capoluogo lombardo, da Mario Resca, direttore generale del Ministero per i Beni e le Attività culturali, in vece del Ministro Sandro Bondi e da Giuseppe Sala l’amministratore delegato di Expo Milano 2015. Il protocollo faceva riferimento al recupero e alla promozione di Milano nell'ambito del marketing e della tecnologia in vista dell’Esposizione Universale che coinvolgerà la città nel 2015. L'accordo lega il Ministero e il Comune in progetti di rivalutazione di numerose opere monumentali e luoghi di importante interesse culturale della città coma la Pinacoteca di Brera di Milano, Castello Sforzesco, le Biblioteche Nazionali, gli Archivi di Stato e i siti archeologici. Quest'attenta opera di promozione si avvalerà anche delle tecnologie multimediali per una migliore fruizione del patrimonio artistico e culturale del capoluogo lombardo.

MIND, ecco come sarà trasformata l'ex area Expo di Milano
MIND, ecco come sarà trasformata l'ex area Expo di Milano
Come sarà trasformata l'ex area Expo di Milano nel parco più grande d'Europa
Come sarà trasformata l'ex area Expo di Milano nel parco più grande d'Europa
Il progetto della Torre dei Moro, il grattacielo andato a fuoco a Milano
Il progetto della Torre dei Moro, il grattacielo andato a fuoco a Milano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni