5 Maggio 2019
12:00

Il borgo arroccato di Monforte d’Alba

Durante un viaggio tra i borghi delle Langhe, una tappa da non perdere è Monforte d’Alba, un paesino arroccato su una collina. Una delle zone più suggestive del borgo si trova proprio nel punto più alto, dove sorge l’auditorium Horszowski, un bellismo anfiteatro naturale che gode di un’acustica perfetta grazie all’inclinazione del terreno circostante.
A cura di Stefania Lombardi
Perno, Monforte d’Alba. Foto di <a href="https://www.flickr.com/photos/terzocchio/27360944478/" target="_blank" rel="nofollow noopener">aurelio candido</a>
Perno, Monforte d’Alba. Foto di aurelio candido

Il Piemonte regala dei paesaggi dalla bellezza incredibile. Uno dei luoghi più affascinanti della regione sono Le Langhe, che incanta con i suoi castelli e i suoi borghi incastonati tra le valli ricche di verde. Le Langhe si estendono tra le provincie di Cuneo ed Asti e sono famose in tutto il mondo soprattutto la produzione di vino, che attira ogni anno numerosi visitatori, sia dall'Italia che dall'Estero. Durante un viaggio tra i borghi delle Langhe, una tappa da non perdere è Monforte d'Alba, un paesino arroccato su una collina, il cui centro storico è un susseguirsi di stradine che si intrecciano su cui si affacciano casette colorate. Una delle zone più suggestive del borgo si trova proprio nel punto più alto, dove sorge l'auditorium Horszowski, un anfiteatro naturale con un'ottima acustica, molto spesso utilizzato per rappresentazioni teatrali e la famosa rassegna di musica Jazz, Monfortinjazz.

Visita a Monforte d'Alba

Anfiteatro di Monforte d’Alba. Foto di <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Monforte_anfoteatro3.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Andrea Marchisio</a>
Anfiteatro di Monforte d’Alba. Foto di Andrea Marchisio

Il borgo di Monforte d'Alba ha un aspetto davvero singolare dato che le abitazioni sono in gran parte arroccate lungo le pendici di un colle ripido. Il centro di Monteforte è rinomato in particolare per l'Auditorium Horszowski, un anfiteatro di origine naturale dove si gode di un'acustica perfetta grazie all'inclinazione del terreno. L'anfiteatro è intitolato al famoso pianista che vi tenne il concerto d'inaugurazione nel 1986.

Nel borgo arroccato è documentata anche la presenza di un antico castello risalente al XI secolo, di cui purtroppo non restano tracce visibili. Parte del castello è stato riedificato intorno al 1200, ma ha subito gravi danni nel 1703, quando fu conquistato dalle truppe savoiarde. Attualemente nel luogo dove sorgeva il castello si trova il Palazzo Scarampi edificato dopo il 1706 e ristrutturato nel 1833.

Nelle vicnaze del Palazzo Scarampi ci sono l'oratorio di S. Agostino e la torre campanaria. Da vedere nel borgo anche il museo intitolato al Colonnello Martina che raccoglie le collezioni ottocentesche del militare e artista.

Nella frazione di Perno di Monforte d'Alba, sono presenti delle strutture appartenenti ad un altro complesso fortificato probabilmente costruito nel XIII secolo. Il Castello di Perno ha subito vari rifacimenti fino ad essere sostituito con un palazzo residenziale. Quello che rimane del maniero originario sono le strutture murarie che circondano l'edificio.

Un borgo medievale tra i vigneti piemontesi: Monforte d’Alba
Un borgo medievale tra i vigneti piemontesi: Monforte d’Alba
Posada, un borgo arroccato affacciato su un mare cristallino
Posada, un borgo arroccato affacciato su un mare cristallino
Orvinio: un borgo fatato avvolto dalla natura
Orvinio: un borgo fatato avvolto dalla natura
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni