Lasciare tutto, fare i bagagli e partire alla volta del pianeta. Come il protagonista invisibile del filmato sovrastante, che si è licenziato, ha preso un aereo ed è tornato con migliaia di scatti dai quattro angoli del globo. Quanti avrebbero il coraggio di farlo? Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne per almeno un secolo è stato sinonimo di grande avventura, e comunque di impresa dispendiosa e difficilmente realizzabile. Oggi si può volare da un lato altro della Terra in meno di un giorno, e non bisogna essere miliardari per farlo. Basta solo avere un po' di organizzazione, e la consapevolezza che si sa quando si parte ma non quando si torna. Perché 80 gjorni ci stanno stretti, e almeno un anno sabbatico è necessario per il viaggio definitivo. Ma come organizzare il giro del mondo?

Viaggio intorno al mondo

Foto di huanjiahui

Il Round-The-World Ticket (RTW) è un biglietto aereo che vi permette di circumnavigare il globo viaggiando sui voli di un'alleanza di compagnie aeree. In teoria ogni percorso è possibile, ma sapere come funziona la prenotazione di un RTW permette di risparmiare molti soldi sul viaggio. Per esempio la Star Alliance, una coalizione di 28 compagnie, emette un RTW con un massimo di 15 scali. Le compagnie che ne fanno parte volano su 1.356 aeroporti in 193 paesi. Ma ci sono delle regole: bisogna seguire un'unica direzione, verso oriente o verso occidente, senza poter tornare indietro lungo il cammino. Bisogna partire e tornare nello stesso paese; e bisogna prenotare tutti i voli prima della partenza, anche se si possono modificare le prenotazioni in seguito (cosa che naturalmente comporta il pagamento di un extra).

Giro del mondo, Nepal

Foto di Prashant Shrestha

Quanto tempo dura un giro del mondo è qualcosa che solo voi potete stabilire. Volando no-stop potreste coprire tutti i paesi in un weekend: forse per evitare follie del genere si è stabilito che la durata minima di un RTW è di dieci giorni. Ma anche così, dove sarebbe il viaggio? A seconda delle vostre disponibilità cercate di accumulare più tempo che potete, se lavorate incorporate ferie e festività pubbliche: un'esperienza del genere può essere goduta a partire da due mesi, ma l'ideale sarebbe avere a disposizione un anno, che è poi la durata massima di un RTW. Se decidete di sfruttare tutti i 12 mesi, pianificate con cura l'itinerario in base a quelle che sono le stagioni migliori per ogni paese. Se volete scalare l'Himalaya non andate in Nepal durante il periodo dei monsoni, se volete nuotare con gli squali bianchi sulla costa ovest dell'Australia il periodo ottimale va da aprile a luglio. Accettate poi il fatto che per quanti calcoli possiate fare capiterà che incorriate in condizioni meteorologiche avverse. Le città sono invece godibili tutto l'anno: anche in caso di pioggia potete cercare riparo all'interno di un museo, di una cattedrale o di un teatro.

Giro del mondo, Singapore

Foto di Jimmy McIntyre

Dove andare nel mondo, con tante interessanti destinazioni da poter scegliere? Il classico biglietto RTW, nonché il più economico, si muove tra poche grandi città, come ad esempio Londra-Bangkok-Singapore-Sydney. Se volete aggiungere altri scali meno battuti (Baku, Kinshasa, Paramaribo e chissà quanti altri) i prezzi salgono considerevolmente. Il costo totale del biglietto si basa sulla distanza coperta o il numero di paesi visitati. Ma ricordate che non dovete per forza volare da un punto all'altro: potete decidere ad esempio di atterrare a Perth, viaggiare in auto per tutta l'Australia, e volare di nuovo via da Cairns. Oppure scendere a Mosca, attraversare la Russia in Transiberiana per arrivare fino a Pechino, e da lì ripartire. Scegliete dei punti forti e pianificate il vostro viaggio attorno a quelli. Ad esempio se siete degli escursionisti i trekking migliori potete farli in Perù (il cammino degli Inca), Nuova Zelanda (Milford Track) e Nepal (Campo Base dell'Everest), e a questi paesi associare il Sud America (Rio de Janeiro è un ottimo punto di partenza), l'Australia e il nord dell'India.

Giro del mondo, Brasile

Foto di Sami

Consigli per il vostro viaggio intorno al mondo. Innanzitutto la valigia. Uno zaino con le rotelle va più che bene per i vostri spostamenti: solo perché state via un anno non significa che dovete portarvi la casa con voi. Affrontate tutte le condizioni climatiche con una buona selezione dei vostri vestiti stagionali, e fate spesso il bucato. Un buon paio di scarpe per camminare, degli stivali e una giacca di pelle possono aiutarvi nei climi più freddi. I gadget tecnologici sono ormai ridotti al minimo con l'utilizzo di netbook e smartphone, ma non rinunciate a una macchina fotografica o una videocamera di buon livello, e caricate sempre tutto su una memoria esterna per prevenire perdite di dati accidentali. Un coltellino svizzero multiuso è indispensabile. Tutto l'occorrente può invece essere comprato sul posto: non è necessario quindi dotarvi di un'intera farmacia. Intanto avrete fatto tutte le vaccinazioni necessarie prima di partire, per il resto basterà un kit di primo soccorso.

Per quanto riguarda gli spostamenti interni, concedetevi libertà e prenotateli sul momento: potrete così decidere se preferite viaggiare in aereo, in bus o affittando un auto, piuttosto che porvi limiti pianificando tutto da casa. Siate furbi nelle vostre scelte: acquistare biglietti aerei infrasettimanali vi costerà di meno, e anche piccoli sacrifici come viaggiare il giorno di Natale possono significare un notevole risparmio di denaro. Siate flessibili ma non stupidi: se non vi imbarcate su uno dei vostri voli del RTW la compagnia potrebbe decidere di cancellare anche i successivi. Infine, cercate di pianificare il viaggio con i consigli di qualche esperto o di chi lo ha già fatto: anche su internet potrete trovare viaggiatori entusiasti pronti a darvi una mano.