1 Agosto 2013
12:11

Le 10 seccature peggiori per viaggiatori sull’orlo di una crisi di nervi

Le tanto agognate vacanze finalmente stanno arrivando, ci attendono relax, riposo e divertimento; ma non bisogna dimenticare che gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo e possono accadere anche in villeggiatura. Ecco le 10 seccature che possono rovinare le vacanze, da strani incontri a situazioni assurde e turisti che hanno dimenticato di portare il bon ton in viaggio.
A cura di Stefania Lombardi

Chi non si è mai imbattuto in una disavventura durante un viaggio. A tutti almeno una volta nella vita sarà capitato di vivere una situazione strana durante una vacanza; oltre ai più comuni contrattempi di viaggio, come il treno che non arriva o il bagaglio smarrito, ci si può imbattere in situazioni che a volte sfiorano l'inverosimile. Così dopo aver catturato l'offerta più vantaggiosa, e aver prenotato una bella vacanza, non è detto che una volta iniziato il viaggio, non ci saranno più fastidi di alcun genere. Coinquilini rumorosi, il vicino di aereo affetto da panico, il tassista pazzo che scorrazza all'impazzata per le strade della città, a chi, non conoscendo le leggi di un paese straniero ha rischiato di finire in cella, fino ad arrivare ai viaggiatori maleducati e molesti che possono rendere abbastanza irritante il viaggio. Quali sono, quindi, le situazioni e le persone che ci si augura di non incontrare per far partire le nostre vacanza con il piede giusto.

1 – Bambini urlanti

[Foto di Roby Ferrari]

L'incubo di molti viaggiatori è ritrovarsi dirimpettai di famigliole con bambini che urlano e fanno i capricci dalla mattina alla sera, con i genitori che li lasciano piangere e disperarsi impedendo agli altri poveri turisti di riposaree godersi il relax della vacanza. Sicuramente sono molto più fastidiosi gli adulti puzzolenti o maleducati, che comunque non mancano, o quelle comitive di turisti che passano tutto il viaggio a fare casino o a raccontarsi le avventure della loro vita, naturalmente con un tono da stadio. In vacanza è facile ed è giusto trasgredire un pò e lasciare più liberi i bambini di fare ciò che vogliono, ma un bambino maleducato può davvero mettere la pazienza degli adulti alle strette.

I bimbi in questione per un'eccessiva vivacità, spesso fuori luogo, si lasciano andare ad urla, parolacce, schiamazzi e capricci nelle stanze e negli spazi comuni. Spesso sembrano loro avere in ostaggio i genitori, che cercano di ribellarsi timidamente alle prepotenze dei bambini, senza alcun risultato se non grida ancora più forti. Essendo piccolo gli viene permesso di tutto, lanciare petardi, correre all'impazzata nella hall o bloccare l'ascensore, spargendo il panico tra i turisti. Ma il vero nemico non è il bambino ma chi lo educa, anche se non esistono regole precise per avere un figlio perfetto in vacanza, spesso il segreto sta proprio nell'esempio dei genitori.

2 – Vicino d'aereo affetto da panico

 [Foto di abdallahh]

L'incognita del vicino d'aereo è una preoccupazione che affligge molti viaggiatori, infatti imbattersi nel vicino sbagliato può rendere il viaggio insopportabile. Uno dei passeggeri che è meglio non incontrare durante i nostri voli è quello affetto da panico, che tormenterà la vostra pazienza per tutto il percorso. Purtroppo dall'aereo non si può scendere quando si vuole, non si possono aprire i finestrini per una boccata d'aria quindi non avrete via di scampo. Se il vicino comincia a diventare sempre più bianco in volto, stringe qualunque cosa abbia in mano, è irrequieto e comincia a sudare, iniziate a preoccuparvi. Comincerà a farvi mille domande, cos'era quel rumore? E' normale che l'ala si muova? L'unica vostra arma è cercare di parlarci  tentando di calmarlo per evitare che le paranoie crescano. Se non dovreste riuscirci il vostro potrebbe essere un viaggio infernale, tra urla, lacrime e richieste di scendere.

3 – Tassista pazzo

[Foto di Henning 48]

Una scena più da film, è quella di ritrovarsi in un taxi che scorrazza ad alta velocità per le strade della città senza seguire per niente le vostre indicazioni. Beh non è detto che non possa capitarvi davvero dato che come si sa i pazzi si trovano un pò dappertutto. Potreste essere accolti da un tassista stile East Enders, con un fare gentile ma un pò troppo invadente. Appena messa la macchina in moto inizierà il peggior viaggio della vostra vita, con il folle autista che corre all'impazzata con i finestrini spalancati, sorpassi azzardati, tutto a folle velocità, in un taxi sgangherato. Se il tassista mentre guida scrive anche messaggi sul cellulare, iniziate ad avere davvero paura per la vostra incolumità e forse fareste bene a chiedere di scendere il prima possibile.

4 – Indicazioni sbagliate

[Foto di Pietro]

Questa situazione in realtà è comune non solo in vacanza, ma un pò ovunque. Quando dobbiamo chiedere un'indicazione a qualcuno, per un motivo o per un altro, spesso le risposte sono strambalate. Sembra che alcune persone pur di non dire che non sanno come aiutarti, cercano comunque di darti una risposta ma mandandovi totalmente fuori strana. Quindi se siete dispersi in qualche luogo sconosciuto del pianeta e non sapete come raggiungere la vostra meta, la soluzione non è sembra chiedere al primo che passa, che pur di fare bella figura vi indirizzerà dall'altro lato della città e ve ne accorgerete solo dopo che il danno è stato fatto.

5 – Coppie rumorose

[Foto di Roberto Ferrari]

Una seccatura imbarazzante è quella di capitare in un alloggio adiacente a quello di una coppia un pò troppo rumorosa. I focosi innamorati, con urla, gemiti rumorosi, e imprecazioni a voce alta, possono disturbare e non poco la vostra permanenza. Le pareti degli alberghi e degli appartamenti sono spesso molto sottili e si ha quasi l'impressione di avere i vicini innamorati nella propria camera, quasi sul proprio letto. All'inizio può sembrare esilarante ascoltare il rumore delle abilità della coppia acrobatica. Ma in piena notte sentire questi rumori molesti diventerà seccante.

6 – Piedi puzzolenti in treno

[Foto di maja]

Le esperienze vissute a bordo dei treni sono a volte irrancontabili. Già i treni troppo spesso sono in condizioni pessime con i servizi igienici inutilizzabili, dove la puzza è tanta e la sporcizia abbonda, se a questo si aggiunge anche la maleducazione dei viaggiatori, un percorso in treno può diventare un incubo. Molti passeggeri usano gli scompartimenti per fare i propri comodi come se il treno fosse il loro. Molti passeggeri non molto educati usano i sedili per appoggiare direttamente le scarpe oppure i piedi puzzolenti. Infatti non è raro trovare il proprio vicino di sedile che con molta nonchalance si toglie le scarpe maleodoranti e ci mette i piedi in faccia in totale libertà. Il buon passeggero non si toglie le scarpe, soprattutto se ha il calzino bucato con l'alluce che gli spunta, non allunga i suoi piedi sul sedile davanti a sè e non appoggia la fronte sulla spalla del vicino, specie se prima non ha avuto la decenza di presentarsi. La nostra unica arma sarà quella di cambiare scompartimento.

7 – Ospiti indesiderati

[Foto di Giuseppe Scout]

Tutti abbiamo degli amici che nonostante non abbiano ricevuto alcun invito, cercano in ogni modo di autoinvitarsi nella vostra casa vacanze, diventando delle vere e proprie sanguisughe per tutto il periodo del soggiorno. Essere ospiti è sempre un argomento delicato sia per chi offre ospitalità sia per chi la riceve. Secondo il detto popolare, tre giorni di permanenza in casa altrui sono il limite massimo consentito per non recare troppo disturbo. Se desiderate ospitare in vacanza i vostri amici per passare qualche giorno insieme a loro, è meglio specificare chiaramente prima la durata che può e deve avere tale soggiorno, in questo modo eviterai spiacevoli incomprensioni con i tuoi ospiti.

8 – Vicini di ombrellone

[Foto di Zingaro]

Talvolta la convivenza con i vicini di ombrellone può rivelarsi più difficile del previsto. Tono di voce alto, pic nic improvvisati con ogni ben di dio, spazio vitale limitato, sono tutte cause che possono aumentare l'irritabilità. Le seccature in spiaggia possono essere davvero tante e di tutti i tipi: i maleducati che strepitano al cellulare, raccontando con dovizia di particolari le conquiste della sera precedente, gli irriducibili dei racchettoni, bambini allo sbaraglio in riva al mare che, correndo come pazzi riempiono di sabbia i corpi e borse dei vicini, le signore  che si scambiano pettegolezzi degni di una soap opera, coppiette spudorate che si scambiano effusioni esagerate. E’ di certo capitato a tutti di essere costretti a condividere almeno un giorno sulla spiaggia con una di queste speciali categorie di persone. Ma non dovete scoraggiarvi, di solito l'arma vincente è l'indifferenza oppure osservare il maleducato diritto negli occhi, mostrando una forte disapprovazione, il colpevole si sentirà a disagio e modererà il suo comportamento.

9 – Vicini di viaggio ingombranti

[Foto di Giulio GMBD]

Ci sono alcune persone che non sono in grado di rispettare gli spazi altrui, così in treno o in aereo ci troviamo a dover lottare con gambe troppo distese e e braccia allargate che superano i limiti del posto assegnato. Soprattutto se affrontiamo un viaggio lungo questo atteggiamento può risultare molto stressante, poichè non riusciremo a goderci in pace il nostro viaggio ed a riposarci. In aereo purtroppo i posti sono assegnati ed oltre a chiedere con gentilezza di spostarsi un pò purtroppo non si può fare altro. In treno invece, quando i posti non sono numerati possiamo adottare qualche stratagemma per evitare i vicini indesiderati. Il più banale è quello di poggiare una giacca o una borsa sul sedile a fianco in modo da scoraggiare chi dovrà sedersi accanto a voi. Metodi sicuramente più forte sono posizionate in bella mostra un sacchettino per il vomito sul vostro grembo, oppure ascoltare musica insopportabile, questo di sicuro vi terrà alla larga dai passeggeri indesiderati.

10 – Gaffe con gli usi del posto

[Foto di Roland zh]

È necessario acquisire familiarità con le usanze del paese in cui si va in villeggiature, così sarà più semplice non mettervi nei guai e fare gaffe con le persone del posto. Infatti alcuni gesti che ci sembrano normali ed amichevoli altrove potrebbero essere considerati gravi mancanze di rispetto e, viceversa, potremmo trovarci in situazioni apparentemente assurde che all'estero sono invece all'ordine del giorno. Se si va in Grecia è bene non rivolgersi agli altri con il palmo della mano, poichè viene usato per esprimere disgusto, tanto che per indicare cinque con le mani i Greci tengono sempre il palmo rivolto verso di se. In Cina, Thailandia e Filippine non fate gli ingordi e lasciate qualcosa nel piatto al termine di un pasto. Si tratta di un’offesa al cuoco, non lasciare del cibo vuol dire che non ce ne era abbastanza. Per le donne in Arabia Saudita non è il caso di salutare un uomo per strada, infatti per la loro religione è immorale e può portare a guai seri.

Se durante un viaggio in Russia dovete regalare dei fiori state attenti che siano dispari, poichè di numero pari si usano solo per i funerali. Inoltre ogni paese ha le sue tradizioni legate ai brindisi e al bere in generale. In Russia è importante essere in grado di bere una vodka tutta d’un fiato, in Francia è importante versare da bere agli altri prima di riempire di nuovo il proprio bicchiere, in America Latina non si deve mai versare da bere con la sinistra perchè porca sfortuna. Infine, dato che noi italiani siamo famosi per gesticolare molto mentre parliamo, dobbiamo stare attenti all'estero perché non sempre i gesti sono internazionali, e potrebbero essere interpretati in modo del tutto diverso dal nostro. Quindi meglio stare fermi ed evitare gaffe.

[la foto principale è di Mikamatto]

Le 10 peggiori seccature durante un viaggio in aereo
Le 10 peggiori seccature durante un viaggio in aereo
I comportamenti peggiori in spiaggia: quando è meglio cambiare ombrellone
I comportamenti peggiori in spiaggia: quando è meglio cambiare ombrellone
Ponte del 1° maggio: la crisi agevola la circolazione
Ponte del 1° maggio: la crisi agevola la circolazione
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni