Le temperature cominciano a salire, le nuvole lasciano più generosamente spazio al sole ed ecco che all'improvviso, quasi senza accorgercene, ci troviamo a pensare all'estate. Per molti è proprio maggio il mese più dolce dell'anno, quello in cui è possibile essere baciati dal sole senza necessariamente dover grondare sudore ed è per questo che il quinto mese dell'anno si presenta ideale per le prime vacanze, più o meno lunghe. L'Osservatorio trivago ha deciso di fornire al turista preziose informazioni per orientarsi tra le offerte di soggiorno in Italia, indicando le località in cui gli alberghi costano di più e quelle in cui costano meno.

Positano (Foto di Andrew K.).
in foto: Positano (Foto di Andrew K.).

Tra le località più costose troviamo Venezia, che del resto a maggio si concede in tutta la sua bellezza. Le strade si liberano dalla minaccia dell'acqua in eccesso e i canali si mostrano in tutta la loro bellezza. Un vantaggio che comporta un aumento del prezzo medio degli hotel del 40% rispetto ad aprile e che porta la tariffa a 335 € a notte per una camera doppia standard. Al secondo posto si attesta Positano (286 euro), mentre il terzo posto di Milano (232 euro) risente probabilmente anche dell'Expo. Chiudono la Top-5 Taormina (209 euro) e Firenze, che con 203 euro imprime una crescita delle tariffe alberghiere del 19% rispetto ad aprile. In generale il bel tempo che caratterizza maggio e che preannuncia l'estate porta il prezzo di tutte le località di mare ad aumentare. E' il caso appunto di Positano (+45% rispetto ad aprile) e di Taormina (+15%).

Tra le località meno costose troviamo Sassari, che con i suoi 60 euro per una camera doppia standard è la città più economica nonostante l'aumento del 7% delle tariffe rispetto ad aprile. Al secondo posto Trapani con 69 euro (+1%); seguono nell'ordine Pompei (76 euro, +2%), Pescara (78 euro, -7%) e Rimini (81 euro, +2%). Sebbene anche in questo caso il prezzo dei soggiorni delle località di mare sia in cresciuta in attesa dell'estate, la base di partenza è più bassa e le tariffe accelerano in maniera maggiore approssimandosi maggiormente all'estate.

[Foto di Andrew K.]