Il borgo di Caprarola, in provincia di Viterbo, sorge alle falde dei Monti Cimini in un territorio collinare nei pressi del lago di Vico. Uno spettacolo naturale che racchiude numerosi tesori artistici e architettonici. Tra questi ci sono edifici come la Chiesa di S. Teresa eretta nel XVII secolo, o la Chiesa della Consolazione risalente al XVI secolo. Ma il vero fiore all'occhiello è Palazzo Farnese, una meravigliosa fortezza a struttura pentagonale.

Palazzo Farnese, Cortile Circolare – Foto Wikimedia Commons
in foto: Palazzo Farnese, Cortile Circolare – Foto Wikimedia Commons

Il progetto fu abbozzato nella prima metà del Cinquecento dal Sangallo per il cardinale Alessandro Farnese il Vecchio, futuro papa Paolo III, ma alla morte dell'architetto i lavori vennero sospesi. Vennero poi ripresi e concretizzati nel 1559 da Alessandro Farnese, nipote di papa Paolo III, che affidò il cantiere al Vignola.

Al palazzo si accede attraverso una doppia rampa di scale. Nel piano rialzato dominano le bellissime Stanze delle Stagioni con affreschi di Taddeo Zuccari sulla vita di Giove. Meraviglioso il Cortile Circolare realizzato dal Vignola con affreschi del Tempesta.

Il piano superiore si raggiunge attraverso una meravigliosa scala elicoidale. Si tratta della Scala Regia, che poggia su ben 30 colonne doriche. I suoi gradini sorprendono per l'ampiezza e si racconta che Alessandro vi salisse a cavallo. Dalla scalinata si accede al Piano Nobile, dove è collocata la camera del cardinale, detta Camera dell'Aurora, e la camera delle celebrità, detta Stanza dei Fasti Farnesiani, con affreschi dedicati alla vita del Farnese. Tra le altre sale importanti ci sono la Sala dei Fasti di Ercole, la Sala del Mappamondo e la Sala degli Angeli o dell'Eco, dove si verificano particolari effetti sonori e acustici.

Ogni sala presenta meravigliose pareti affrescate con giochi visivi e illusioni ottiche. Gli affreschi sono opera di alcuni tra i più quotati pittori del tempo: tra i più importanti, i fratelli Zuccari, Jacopo Zanguidi detto il Bertoja allievo del Parmigianino, Antonio Tempesta nativo di Firenze, Raffaellino da Reggio, il fiammingo Bartolomeo Spranger, Giovanni De Vecchi.

Dal balcone al centro della facciata di Palazzo Farnese è possibile godere di una vista panoramica su Caprarola e sulle vette circostanti. Si possono scorgere infatti il Monte Soratte, il Terminillo, i Monti Sabatini, le vallate ed i boschi. Sul retro del palazzo si trovano gli eleganti giardini all'italiana, arricchiti da statue e fontane artistiche.

Palazzo Farnese è visitabile tutti i giorni, escluso il lunedì. Orari di apertura: dalle 8,30 alle 19 (ultimo ingresso alle 18,30). Nei mesi di novembre e dicembre, nei giorni festivi l’orario di apertura è il seguente: 8,30 – 13,30 (chiusura biglietteria ore 13,00). Costo del biglietto: intero € 5,00, ridotto € 2,50.