mozione di sfiducia a Bondi per il crollo agli scavi di pompei

Il ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, dovrà riferire in Parlamento sul crollo negli scavi di Pompei e in tale occasione, secondo quanto riferito da numerose agenzie stampa, il Partito Democratico chiederà una mozione di sfiducia nei suoi confronti.

Scende in campo contro Bondi anche il Fli di Gianfranco Fini che, in merito al crollo della Casa dei gladiatori agli scavi di Pompei, parla di pessima immagine dell'Italia all'estero collegando la vicenda negativa del sito archeologico allo scandalo che in questi giorni ha visto protagonista Silvio Berlusconi e il Bunga Bunga, in riferimento alle dichiarazioni  fatte dalla minorenne Ruby Rubacuori sulle abitudini sessuali del premier.

Della stessa opinione è l'Italia dei Valori che definisce quanto accaduto al sito archeologico di Pompei come la fotografia di quello che sta accadendo complessivamente all'Italia e chiede a gran voce le dimissioni del governo Berlusconi che, secondo Di Pietro, non è in grado di far fronte ai problemi del paese.