543 CONDIVISIONI
31 Luglio 2019
23:57

Pettorano sul Gizio: un borgo dalle mille sorprese

Pettorano sul Gizio è un pittoresco borgo incastonato nel verdeggiante scenario del Parco Nazionale della Majella. Il borgo è dominato dal maestoso Castello Cantelmo ed è ricco di affascinanti monumenti e palazzi. Le sue fontane artistiche, le porte urbiche e la bellezza dei suoi paesaggi vi conquisteranno.
A cura di Angela Patrono
543 CONDIVISIONI
Fontana di Piazza Umberto – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Pettorano_sul_Gizio_11.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Fontana di Piazza Umberto – Foto Wikipedia

Pettorano sul Gizio è una meraviglia tutta da scoprire. Questo borgo fortificato sorge a 625 metri sul livello del mare, sul Colle della Guardiola che si affaccia sul fiume Gizio. Incastonato nel verde tra le montagne, il suo paesaggio regala emozioni a non finire: anche per questo è stato inserito nel club dei "Borghi più belli d'Italia".

Castello Cantelmo – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Pettorano_sul_Gizio_–_Castello_Cantelmo_03.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Castello Cantelmo – Foto Wikipedia

Distrutto dal terremoto del 1706, il borgo venne ricostruito, ma dell'antico impianto medievale rimane il possente Castello Cantelmo, che sovrasta l'abitato con la sua torre di avvistamento. Oggi il castello ospita numerose mostre d'arte, rivelandosi un vero ponte tra passato e presente.

Scorcio di Pettorano sul Gizio – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Pettorano_sul_Gizio_05.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Scorcio di Pettorano sul Gizio – Foto Wikipedia

Considerando gli edifici religiosi più importanti, spicca la Parrocchia della Beata Vergine Maria e di San Dionisio, del XV secolo, voluta dalla famiglia Cantelmo. Meritano una visita anche la Chiesa di San Nicola di Bari, la Chiesa di Sant'Antonio da Padova e la Chiesa di San Rocco. Perla delle architetture civili è Palazzo La Castaldina, di gusto barocco, con facciata del 1794.

Un pittoresco angolo di Pettorano sul Gizio – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Pettorano_sul_Gizio_29.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Un pittoresco angolo di Pettorano sul Gizio – Foto Wikimedia Commons

Tra gli altri monumenti caratteristici figurano le porte urbiche: la più rappresentativa è Porta San Marco, costituita da un arco a tutto sesto con due pinnacoli laterali e una statua centrale di Sant'Antonio di Padova. Le altre sono Porta Cencio, Porta del Mulino, Porta San Nicola (1656), Porta di Santa Margherita. Pettorano sul Gizio è nota anche per le sue fontane artistiche. Tra queste, di grande bellezza risulta la Fontana di Piazza Umberto (1897), con due splendide statue in bronzo raffiguranti Nettuno ed Anfitrite. Degne di nota anche la Fontana dei Monaci (1871), la Fontana di Porta Cencio, la Fontana in Piazza San Nicola e la Fontana in Piazza Zannelli (XVII secolo).

Pettorano sul Gizio – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Pettorano_sul_Gizio_09.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Pettorano sul Gizio – Foto Wikimedia Commons
543 CONDIVISIONI
Roghudi Vecchio, il borgo fantasma dalle mille leggende
Roghudi Vecchio, il borgo fantasma dalle mille leggende
Rasiglia, il paese-presepe dalle mille sorgenti
Rasiglia, il paese-presepe dalle mille sorgenti
Ossana: la magia del borgo dei presepi
Ossana: la magia del borgo dei presepi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni