Night train leaving the station in Berlin
in foto: Night train leaving the station in Berlin

Una rivoluzione in volo: niente bagagli, voli prepagati, posti a sedere cedibili e brandizzati. Sembrerebbe la compagnia aerea ideale. Peccato che non esista. Poppi, questo il nome della compagnia fantasma, è in realtà una provocazione del team di Teague, uno dei più importanti studi di progettazione per l'aviazione civile. Lo studio è stato fondato negli anni '20 a Seattle e dal 1946 i suoi designer progettano i velivoli Boeing.

Il progetto è stato presentato nei giorni scorsi all'Airline Passenger Experience Association Expo di Portland, in Oregon. Uno dei manager di Teague, Devin Liddell, ha commentato così l'operazione:

La proposta è un "regalo" alle aerolinee esistenti, non lanceremo una startup. Poppi deve servire ad aprire una strada, anzi a suggerire quelle che le attuali compagnie non hanno mai considerato.

L'iniziativa di business punta ad adeguarsi alle prospettive future. Ai tempi di Uber e Airbnb, la compagnia aerea del domani strizza l'occhio ai giovani con alcune novità mirate. La prima innovazione è l'assenza dei bagagli: tutt'al più si ritirano a casa e si consegnano in hotel. Bandito il bagaglio a mano: in aereo si portano solo oggetti personali, giacca e borsa. Il design delle cappelliere si adeguerebbe di conseguenza e l'assenza di valigie permetterebbe di velocizzare le procedure d'imbarco del 71%. Un'altra ipotesi innovativa è quella di brandizzare i sedili: in questo modo celebri marchi potrebbero proporre gadget o servizi in volo o a terra.

Un altro punto di forza della compagnia consiste nei voli prepagati: pagando una quota fissa annuale, i viaggiatori potrebbero usufruire di servizi extra, come un pasto in volo a prescindere dalla classe di prenotazione. Ci sarebbe anche la possibilità di rivendere un posto già acquistato o di cambiare il proprio posto con quello di un altro passeggero. A questi privilegi si aggiungerebbero snack venduti in distributori automatici a bordo, una classe cinema e un sistema di merchandising che permetterebbe di vendere oggetti utilizzabili anche fuori dall'aereo. Utopia o realtà in divenire? Lo scopriremo solo vivendo. Nel frattempo, Poppi si candida a diventare la compagnia aerea più amata dai viaggiatori, nonostante non esista. Almeno, non ancora.