4.742 CONDIVISIONI
12 Marzo 2015
19:05

Riapre il cammino più pericoloso al mondo

El Caminito del Rey si trova in Spagna e permette di camminare su una passerella di un metro di larghezza sospesa a 100 metri di altezza.
A cura di Redazione Viaggi
4.742 CONDIVISIONI

El Caminito del Rey – il percorso del re – è uno dei sentieri più pericolosi al mondo, per alcuni il più pericoloso in assoluto. Si trova ad El Chorro, in provincia di Malaga, in Spagna, e permette agli amanti del trekking di risalire le pareti del Desfiladero de los Gaitanes con un brivido dietro alla schiena e lo stupore negli occhi. Il "caminito" è lungo tre chilometri e il piede lo percorre sempre con un po' di incertezza: la passerella si snoda affiancando una parete perfettamente verticale, è larga solo un metro ed è sospesa su un fiume fino ad un'altezza di cento metri. Il percorso fu inaugurato nel 1921 da re Alfonso XIII e, lungi dall'essere un'attrazione turistica, era un sentiero utile a portare materiale e tecnici a due centrali idroelettriche. Nel corso del tempo diversi tratti di balaustra sono crollati. Lo stato precario del Caminito contribuì al decesso di quattro escursioni nel 1999 e nel 2000. Le autorità andaluso disposero dunque la chiusura del sentiero, comminando una multa da 6.000 e 30.000 euro a chi avesse attraversate le gallerie ed i binari a piedi per giungere in loco. Ora, però, il caminito torna a vivere, perché una complessa opera di ricostruzione permetterà a breve di rendere nuovamente accessibile il percorso più pericoloso al mondo. Appuntamento per la primavera 2015, quando i coraggiosi torneranno ad affollare le pareti del Desfiladero de los Gaitanes.

4.742 CONDIVISIONI
Il sentiero più pericoloso del mondo è in Cina
Il sentiero più pericoloso del mondo è in Cina
In elicottero sui vulcani più attivi e pericolosi
In elicottero sui vulcani più attivi e pericolosi
Le spiagge più pericolose del mondo
Le spiagge più pericolose del mondo
70.926 di Travel Fanpage
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni