Ronda, Andalusia
in foto: Ronda. Foto di Klomiz

L'Andalusia è una meta perfetta per una vacanza on the road, tra spiagge, città storiche e borghi affascinati e particolari. Uno di questi è Ronda, una cittadina in provincia di Malaga, che emana un fascino incredibile. Ronda è posizionata su uno strabiombo di 200 metri ed è divisa in due parti da una gola, unita da un ponte, il Puente Nuovo. Non è un caso che questa città è stata amata da grandi scrittori come Ernest Hemingway e James Joyce che le hanno dedicato frasi d'amore. Ronda è celebre anche perchè ospita la più antica Plaza de Toros della Sapgna e la simbolica Mina del Rey Moro.

Cosa vedere a Ronda

Plaza de Toros a Ronda
in foto: Plaza de Toros, Ronda. Foto di Michel Wal

Ronda affascina al primo sguardo, grazie alla sua conformazione, ricca di suggestione. Il borgo si trova in cima ad una rupe, sulla gola di El Tajo, scavata dal fiume Guadelevin. Il paese è letteralmente diviso in dueparte, da un lato la parte più antica fatta di casette bianche, e dall'altra la città nuova chiamata El Mercadillo. A Ronda le tradizioni arabe e spagnole si fondono, portando i visitatori in un mondo a parte che non può non essere vissuto durante un tour in Andalusia. Infatti, il periodo più florido che ha lasciato le maggiori testimonianze a Ronda è quello arabo. I musulmani la conquistarono nel 713 e le diedero il nome di "Città Castello" (Izn-Rand Onda). Il regno musulmano durò fino al 1485 quando i Re Cattolici, Ferdinando e Isabella, conquistarono la città e la rimodellano costruendo la Plaza del Toros e il celebre Ponte, diventato simbolo della città. Questo ponte è qualcosa di unico al mondo e regala alla città un'atmosfera suggestiva e romantica.

Il centro storico di Ronda è molto grazioso, circondato da mura difensive, con casette bianche che si alternano a palazzi rinascimentali. La Plazza del Toros di Ronda è la più grande della Spagna con una capienza di circa 6000 persone, è considerata il regno della corrida. Nella piazza è presente il Museo Taurino dedicato alle famiglie dei più importanti toreri di Ronda. Nel museo sono anche conservate testimonianze sulla famosa Feria de Pedro Romero, una manifestazione che si svolge ogni anno nel mese di Settembre. Contemporaneamente alla Feria nella Plaza si svolge anche il Festival de Cante Grande, una delle più importanti manifestazioni dedicate al flamenco che culmina con le Corridas Goyescas, una grande corrida in abiti ottocenteschi. Accanto alla grande arena, si trova La Alameda del Tajo, un viale alberato che si affaccia sullo strapiombo.

Nella città andalusa si può visitare anche la Casa del Rey Moro, dove si trovano bellissimi giardini e la Mina del Rey Moro, una galleria scavata nella roccia che fu scavata per motivi di difesa. Da Ronda parte anche un suggestivo itinerario che porta tra i Pueblos Blancos, tipici paesini andalusi circondati dagli uliveti e tutti dipinti di bianco.