4.298 CONDIVISIONI
2 Febbraio 2016
18:14

Ryanair: “Chiudiamo le basi italiane a causa delle tasse”

Rotte tagliate a Pescara e ad Alghero, chiuso l’aeroporto di Crotone a partire da ottobre. La compagnia irlandese avverte: “sposteremo aeromobili e posti di lavoro Ryanair fuori dall’Italia verso altre basi Ryanair in Spagna, Grecia e Portogallo”.
A cura di Danilo Massa
4.298 CONDIVISIONI
Flotta Ryanair (Foto Uff. stampa).
Flotta Ryanair (Foto Uff. stampa).

Ha i toni duri del rimbrotto il comunicato stampa diffuso da Ryanair, la compagnia low cost che, secondo i dati dell'Enac relativi al 2015, conta il maggior numero di passeggeri in Italia. Oggetto della comunicazione è l'aumento delle tasse aeroportuali che imporrebbe al vettore irlandese di tagliare i voli per Alghero e Pescara (60 e 70%) e di chiudere tutti i voli di Crotone. La polemica era stata aperta non molti giorni fa dalla IATA (International Air Transport Association), che interpretando la voce di diversi vettori – tra i quali la compagnia irlandese ed easyJet – lamentava l'aumento delle imposte aeroportuali nel Bel Paese fino al 38%. Ryanair le approssima al 40% (da €6,50 a €9) e stabilisce il nesso causa-effetto: i proventi servono "per sussidiare il fondo per la cassa integrazione degli ex piloti Alitalia".

Una "illogica decisione del Governo", sentenzia la compagnia dell'arpa che "danneggia il turismo italiano, il traffico e i posti di lavoro". Infatti, si legge ancora nella comunicazione ufficiale, "a Ryanair non è stata lasciata altra scelta" se non chiudere le predette basi, ridurre i voli e spostare i "posti di lavoro in Spagna, Grecia e Portogallo (dove non vengono addebitate tali tasse per passeggero)". Una perdita che, considera ancora il vettore irlandese, si sentirà soprattutto sull'indotto, ossia su tutti i soldi che i turisti stranieri spendono per vitto e alloggio in Italia. Insomma, il Bel Paese potrebbe diventare meno bello e, in assenza della compagnia di O'Leary, vedere scendere drasticamente i propri turisti, a meno che non faccia "come hanno fatto i governi di Belgio, Irlanda e Paesi Bassi con tasse simili": ridurle (e sale così a sei il numero dei paesi-esempio". Segue nella comunicazione tabella che mostra le conseguenze disastrose della decisione di Ryanair, sintetizzabile in: 600 posti di lavoro persi e 900.000 passeggeri in meno sulle basi di Alghero, Pescara e Crotone.

Quella contro le tasse è una delle battaglie "ideali" del vettore low cost, ma non la sola: il 25 gennaio Ryanair annunciava una petizione per abolire il diritto allo sciopero dei controllori francesi ("40° sciopero dal 2009", informava dal suo comunicato stampa). Del resto, tiene a precisare la compagnia irlandese anche all'interno dello stesso comunicato stampa, sarà la concorrenza a fare giustizia e a spostare i turisti dall'Italia agli altri paesi mediterranei. A meno che la concorrenza non agisca diversamente, magari portando ad Alghero e Pescara i velivoli di qualche compagnia mediorientale.

4.298 CONDIVISIONI
Black Friday: anche su Ryanair impazzano gli sconti
Black Friday: anche su Ryanair impazzano gli sconti
Ryanair, tariffe semplificate per il bagaglio da stiva
Ryanair, tariffe semplificate per il bagaglio da stiva
Ryanair vuole farci viaggiare gratis... ecco come
Ryanair vuole farci viaggiare gratis... ecco come
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni