Strasburgo, turismo in Francia

Città della Francia oggi, ieri della Germania, Strasburgo è in primo luogo simbolo dell'Europa. Non tanto per le istituzioni che vi risiedono – Consiglio d'Europa e Parlamento europeo – quanto per il simbolo racchiuso nell'alternanza della città tra stirpi galliche e teutoniche, con le guerre conseguenti. E per dare veste giuridica e politico-istituzionale alla natura europea della città, Strasburgo sarà, secondo accordi tra Germania e Francia, uno dei primi distretti d'Europa.

Ricordare l'identità della piccola città (273 mila abitanti) è il modo migliore per dipingerne l'apparenza sospesa tra gusto moderno delle pareti a specchio del parlamento e gusto antico del centro storico, con le sue piccole case ed i suoi canali, posti ai margini di strade pavimentate con la sensibilità solida di un tempo.

Assolutamente da vedere, infatti, il centro storico (che risiede sulla Grand Ile), a cui è possibile giungere con i moderni tram. Gli amanti dello shopping, ma anche chi vuole semplicemente attraversare il centro storico percorrendo una delle arterie principali, devono percorrere la Rue des Grandes Arcadies, che collega Place Klèber a Place Gutenber. Sempre dalla città antica è possibile soffermarsi a guardare il panorama alla Grande Chiusa.

Tra i monumenti da vedere a Strasburgo, a parte il parlamento, vi è certamente la Cattedrale di Notre-Dame – finita di costruire nel XV secolo e, chiaramente, in stile gotico -, il Palazzo di Rohan – ex residenza dei principi-vescovi – ed i musei. Precisamente, il museo di arte moderna situato nell'ex dogana, dove è possibile osservare anche alcuni lavori di Rodin, Klimt e Braque, ed il museo di storia nell'antico mattatoio.