Tutte le foto del tour!

Questo è un luogo che potrebbe fare impazzire anche la più serafica delle persone. Soprattutto se si è amanti del cinema, e in particolar modo di una saga in particolare: quella di Harry Potter. Il celebre maghetto, protagonista per dieci anni della serie cinematografica più vista di sempre, non poteva essere dimenticato con l'ultimo film del 2011. Fu così che la Warner Bros ha pensato bene di non lasciare i fan insoddisfatti (e continuare a incassare soldoni) con la creazione di The Making of Harry Potter: la ricostruzione integrale di tutti i set originali della serie. Attenzione, precisiamo bene: quelle che si vedono sono le reali scenografie utilizzate nei film della saga, riassemblate all'interno dei Warner Bros. Studios di Leavesden, ed esposte al pubblico pagante. Camminerete sullo stesso suolo e toccherete le stesse cose che hanno utilizzato gli attori: e per qualche magica ora vi sembrerà davvero di essere protagonisti del mondo di Hogwarts. Di seguito vi diamo una descrizione dettagliata del tour e le informazioni per raggiungerlo: una tappa fondamentale nella vostra vacanza nel Regno Unito.

Museo set di Harry Potter a Londra

Foto di Karen Roe

La storia del tour
Il tour
Prezzi dei biglietti e prenotazione
Come arrivare ai Warner Bros. Studios
Foto Gallery 

La storia del tour

I Warner Bros. Studios di Leavesden sono attualmente l'unico studio cinematografico permanente di una casa di produzione di Hollywood su suolo europeo. Nati nel 1995 per la produzione del film di 007 GoldenEye, sono stati in seguito utilizzati interamente per la produzione della saga di Harry Potter. Tanto è vero che già allora una strada che intercorreva gli studi venne chiamata Privet Drive, dall'indirizzo originale di casa del mago. Altri film celebri che sono stati girati qui sono Il cavaliere oscuro, Inception e i due Sherlock Holmes. Con l'allestimento della mostra dedicata alla saga di Hogwarts, il 31 marzo 2012 gli studios hanno aperto i battenti al pubblico. La visita può essere effettuata solo su prenotazione, acquistando il biglietto online dal sito di The Making of Harry Potter.

Il tour

Prima di cominciare il nostro viaggio attraverso il tour, vi diamo una piccola avvertenza: se siete di quelli che amano le sorprese saltate la lettura di questo paragrafo e andate al successivo. Molti momenti sono davvero speciali e inaspettati. Ma anche a descriverli, possiamo assicurarvi che non renderebbero l'idea di quello che vi attende. Una visita al tour di Harry Potter lascerà impressionati non solo i fan della serie, ma chiunque ami scoprire la vera magia che c'è dietro la finzione cinematografica. Quella di centinaia di scenografi, pittori, scultori, modellatori, artisti e chiunque lavori per mettere in piedi scenografie così ben curate ed elaborate. Tanto da sembrare vere anche quando le vedrete con i vostri stessi occhi. Per qualche ora l'immersione in questa realtà parallela vi farà dimenticare il mondo reale e vi proietterà nell'immaginario fantastico della saga. Non fatevi prendere troppo la mano, però: non è possibile in nessun modo utilizzare l'oggettistica presente, e ci saranno dei cordoni ben piazzati a ricordarvelo. Ultima nota: le foto sono permesse ovunque, tranne nell'area degli schermi verdi; ma non si possono utilizzare apparecchiature professionali come flash e treppiedi.

The Making of Harry Potter Sala Grande

Foto di Karen Roe

Il bus speciale che vi porta dalla Watford Junction a Leavesden vi lascerà di fronte all'ingresso degli studios. Lì attenderete in fila l'orario di inizio del vostro tour, come riportato sul vostro biglietto. Potete ingannare l'attesa nel bar all'interno. Già prima dell'ingresso c'è una piccola sorpresa: il sottoscala dove dormiva Harry nella casa degli zii, prima di trasferirsi a Hogwarts. All'inizio del tour una guida vi spiegherà brevemente cosa vedrete e le regole. Dopo ci si trasferirà in una stanza dove si assisterà a un breve filmato sulla storia della saga e della ricostruzione dei set, presentato dagli stessi attori. Il filmato termina, ed ecco la prima sorpresa: lo schermo si alza e rivela il grande portone del salone di ingresso. Ultime parole della guida e finalmente la porta si apre dando accesso alla Sala Grande. Da lì comincia la magia.

La Sala Grande è il punto di partenza dell'intero tour. Lì la guida vi farà una breve panoramica sulle ricche decorazioni, e sugli abiti originali indossati dagli attori, ora dai manichini. In seguito sarete lasciati a voi stessi: il tour è infatti in totale autonomia, per permettere ai visitatori di osservare con attenzione e senza fretta la bellezza delle scenografie. Si prosegue per altri luoghi tipici di Hogwarts: il dormitorio dei ragazzi, la classe di pozioni magiche, l'ufficio del preside… Alcuni luoghi vi faranno sentire davvero parte del film: entrando nello studio di Albus Silente ci si sente quasi al suo cospetto. Altri invece potrebbero sminuire un poco il fascino della finzione cinematografica. In realtà se si è veri appassionati, non si può fare a meno di apprezzare tutti i meccanismi e i congegni creati per i vari effetti speciali. Alcuni vanno anche oltre l'immaginario, come la porta d'ingresso della Camera dei Segreti.

The Making of Harry Potter Classe di pozioni magiche

Foto di Dave Catchpole

La visita continua oltre i luoghi di Hogwarts. Si resta sbalorditi di fronte al lavoro minuzioso che c'è dietro al Ministero della Magia, qui rappresentato da un paio di camini, due uffici e l'imponente monumento sulla caduta dei babbani. Lungo tutto il percorso vari filmati ci istruiscono sul modo in cui sono state realizzate le colossali scenografie (il vero making of). Naturalmente non mancano le curiosità: ad esempio molti dei dipinti di Hogwarts rappresentano il volto di alcuni dei principali realizzatori delle varie pellicole. E passerete anche troppo tempo ad apprezzare la raffinatezza dell'oggettistica, soprattutto quella esposta nella bacheca dedicata a finti libri di magia, depliant, dolciumi e qualsiasi sciocchezza che si intravede anche solo per un attimo nei film. Il tutto intervallato dalla riproduzione di numerosi altri luoghi: la casa dei Weasley, la capanna di Hagrid, ecc…

A un certo punto si giunge all'esterno: un grosso atrio riserva delle sorprese davvero fantastiche. Il Nottetempo, il bus a tre piani che compare per la prima volta nel terzo film. Gli enormi scacchi magici utilizzati nella partita del primo film. Il ponte di Hogwarts, che scopriamo apparire solo su pellicola. La casa di Privet Drive e il cottage dei Potter a Godric's Hollow. Il tutto a una meravigliosa grandezza naturale. Rientriamo dentro, ed ecco la sala dedicata agli effetti speciali, con i modelli originali delle creature fantastiche e gli animatronics. Un filmato, tutto da vedere, spiegherà il funzionamento dei pupazzi meccanici in sala interagendo con essi. Si prosegue oltre e si arriva al set più bello di tutti: Diagon Alley. Tutta la strada delle botteghe magiche, ricostruita come si vede nel film, dal negozio di Olivander all'ingresso della Gringott Bank. L'interno del negozio di bacchette magiche è presente in un'altra saletta. Quando pensate che ormai avete visto il meglio ecco l'ultimo padiglione: l'elaborato modello del castello di Hogwarts, scala 1:24. La visita si conclude con l'immancabile, e costosissimo, negozio di souvenir: se volete fare un regalo o portarvi a casa un ricordo è l'occasione migliore, perché è un merchandising che non troverete altrove.

Prezzi dei biglietti e prenotazione

The Making of Harry Potter Castello di Hogwarts

Foto di Dave Catchpole

I biglietti possono essere acquistati solo prenotandoli sul sito del Warner Bros. Studio Tour. Il costo per il 2013 (in sterline) è di 29£ per gli adulti, e 21.50£ per i bambini dai 5 ai 15 anni. I bambini fino ai 4 anni compiuti non pagano, ma verrà richiesta una prova che attesti l'età all'ingresso. Si possono acquistare biglietti per famiglie, composte da due adulti più due bambini, o un adulto con tre bambini: costo 85£. Ogni biglietto riporterà la prenotazione del giorno e della fascia oraria della durata di un'ora alla quale ci si dovrà presentare. Ad esempio se si prenota tra le 16 e le 17 non si potrà entrare né prima né dopo quell'ora. All'arrivo bisognerà mostrare la propria prenotazione online alla cassa per raccogliere i biglietti. Ci si può anche far inviare i biglietti a casa, o regalarli a qualcuno come Gift Tickets: in questo caso, la persona a cui li regalerete avrà un anno di tempo per utilizzarli. Sul sito è possibile fare anche prenotazioni per gruppi da 10 a 24 persone.

Come arrivare ai Warner Bros. Studios

Leavesden è un sobborgo di Watford, città a 32 km dal centro di Londra. Per raggiungerla via treno occorre utilizzare la London Euston Line, facente parte del sistema ferroviario della London Overground. Raggiungete la stazione di London Euston alla fermata omonima della metro tramite la Victoria Line o la Northern Line. Lì acquistate i biglietti per la Watford Junction: acquistando un biglietto di andata e ritorno in giornata risparmiate. Una volta arrivati a Watford ci sarà pronto ad attendervi il bus shuttle che vi porterà direttamente agli studios: costo per un biglietto di andata e ritorno, 2£. Se il bus non c'è ancora, attendete: viaggia ogni trenta minuti.

Pianificate bene il vostro itinerario. Il viaggio è lungo, e occorre muoversi con largo anticipo per arrivare agli studios rispettando l'orario stampato sulla propria prenotazione. Se si dovesse essere in ritardo, l'ingresso potrebbe non essere garantito. Si consiglia di essere agli studios almeno venti minuti prima. A Watford, almeno 45 minuti prima: il bus parte ai minuti 20 e 50 di ogni ora, e impiega 15 minuti per arrivare. Il collegamento tra la Watford Junction è operativo dalle 9.20 alle 17.20. Quello dagli studios a Watford dalle 11.55 alle 21.35. Questo vi permetterà di regolarvi anche sull'orario della vostra prenotazione al momento dell'acquisto. Considerate che una visita dura mediamente tre ore. I Warner Bros. Studios aprono alle 10 e, a seconda del periodo dell'anno e delle festività, chiudono l'ingresso alle 16 o alle 18.30. Sono aperti tutto l'anno, esclusi Natale e il Boxing Day (festa del Regno Unito che cade il 26 dicembre).

Per avere un'idea della grandiosità delle scenografie, ecco qualche foto dal museo.