259 CONDIVISIONI
31 Gennaio 2019
23:11

Verona, cosa vedere nella città degli innamorati

Una città da batticuore. Questa è Verona, la patria di Romeo e Giulietta, che con il suo fascino senza tempo seduce migliaia di cuori innamorati. I suoi romantici ponti sull’Adige e i suoi monumenti la rendono davvero unica. Ecco le attrazioni da non perdere assolutamente nella città scaligera.
A cura di Angela Patrono
259 CONDIVISIONI
Verona – Foto <a href="https://www.flickr.com/photos/kimmomurmu/36805331572" target="_blank" rel="nofollow noopener">Flickr</a>
Verona – Foto Flickr

Verona: basta pronunciare questo nome per evocare gli scenari più romantici. Per quanto si sprechino le proposte di San Valentino alternative, le mete evergreen hanno sempre il loro fascino. Per questo abbiamo deciso di proporvi la città degli innamorati per eccellenza, resa immortale dal capolavoro di Shakespeare "Romeo e Giulietta". La città scaligera fa da cornice alla celebre tragedia e all'amore contrastato dei due protagonisti, ma Verona è senz'altro ideale per celebrare un'unione felice! Ricca di attrazioni culturali, presenta un centro storico Patrimonio UNESCO, un teatro famoso in tutto il mondo e dei panorami da sogno sul fiume Adige. E a San Valentino diventa ancora più romantica con Verona in Love, una serie di eventi per celebrare la festa dell'amore.

Che stiate progettando le vostre vacanze di San Valentino o una fuga romantica last minute, Verona riuscirà a sedurvi in un battibaleno. Vi conquisterà all'istante, senza troppi giri di parole o corteggiamenti estenuanti. Perché Verona è dotata di una sua magia naturale, percepibile in ogni angolo e in ogni monumento. E vi farà perdere la testa. Ecco le attrazioni da non perdere per innamorarsi della città degli innamorati.

Piazza delle Erbe

Piazza delle Erbe – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:2017–05–06_Piazza_delle_Erbe,_Verona.jpg" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Piazza delle Erbe – Foto Wikimedia Commons

Si tratta della piazza più antica della città, centro nevralgico della vita culturale, sociale e politica in epoca romana. Oggi è il tipico luogo di ritrovo dei veronesi che non rinunciano a un aperitivo in compagnia o che si incontrano per fare la spesa nel colorato e affolatlissimo mercato del weekend. L'atmosfera incantata che si respira in questo luogo è davvero unica. Qui si trova la Torre dei Lamberti, che domina il panorama dall'alto dei suoi 84 metri. Iniziata nel XII secolo, venne ultimata solo nei secoli successivi e perfino l'orologio è un'aggiunta settecentesca. Sul lato nord della piazza troviamo anche le Case Mazzanti, abitazioni dalle facciate finemente affrescate che valsero a Verona l'epiteto di urbs picta, città dipinta. Molto bella anche la Casa dei Mercanti, sede della Banca Popolare di Verona. Suggestivo Palazzo Maffei, impreziosito da diverse statue di dei greci: Giove, Ercole, Minerva, Venere, Mercurio e Apollo.

Arche Scaligere

Arche Scaligere – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Panorama_Arche_Scaligere.jpg" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Arche Scaligere – Foto Wikipedia

Le Arche Scaligere sono un complesso funerario dedicato ad alcuni membri della famiglia degli Scaligeri, che governò a lungo su Verona. Il monumento più antico, in stile gotico, risale al 1277. Il personaggio più illustre qui sepolto è Cangrande della Scala, amico e mecenate di Dante, ricordato con grandi elogi dal Sommo Poeta nel Paradiso.

Casa di Giulietta

Casa di Giulietta – Foto <a href="https://pixabay.com/it/verona–italia–casa–di–giulietta–1486497/" target="_blank" rel="nofollow noopener">Pixabay</a>
Casa di Giulietta – Foto Pixabay

Malgrado questo "luogo di culto" raggiunga pericolosi picchi di feticismo, la Casa di Giulietta è ormai assurta a icona turistica internazionale. Romeo e Giulietta sono solo un'invenzione letteraria? Può darsi, ma le famiglie Capuleti e Montecchi sono davvero esistite. L'edificio del XIII secolo presenta lo stemma di famiglia dei Capuleti, o meglio Cappelletti. Tra graffiti e bigliettini d'amore lasciati sul portico, il luogo trasuda di romanticismo. Nel cortile troneggia la statua in bronzo di Giulietta, mentre la casa è visitabile a pagamento ed è tradizione che gli innamorati si bacino sotto il balcone per assicurarsi un amore eterno. Se vi state chiedendo della controparte maschile, vicino alle Arche Scaligere si trova la Casa di Romeo, appartenente ai Montecchi. La Tomba di Giulietta si trova nei sotterranei dell'ex Convento di San Francesco al Corso, un antico complesso di frati Cappuccini del XIII secolo.

Piazza Bra e Arena di Verona

Scorcio dell’Arena di Verona – Foto <a href="https://picryl.com/media/arena–monument–verona–architecture–buildings–7585e9" target="_blank" rel="nofollow noopener">Picryl</a>
Scorcio dell’Arena di Verona – Foto Picryl

Nel cuore di Piazza Bra troneggia uno dei teatri più grandi del mondo: l'Arena di Verona. Un monumento dalla storia millenaria: nel I secolo ospitava lotte tra gladiatori e nel XVIII secolo giostre e tornei. Costruita con la pietra della Valpolicella, dalle sfumature rosse e rosa, può accogliere circa 20.000 spettatori. D'estate ospita il celebre Festival dell'Opera, che attira numerosi cantanti italiani e internazionali. Sul versante meridionale si trova la Gran Guardia, palazzo del Seicento che ospita mostre e convegni. Sul lato orientale, invece, si affaccia l'ottocentesco Palazzo Barbieri, sede del Comune di Verona.

Chiesa di San Zeno Maggiore

San Zeno – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Verona_Italy_San_Zeno_DSC08205.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
San Zeno – Foto Wikipedia

Notevole esempio di architettura romanica, la chiesa sorge sul luogo di sepoltura del vescovo Zeno, di origine africana. La struttura originaria risalirebbe al XII secolo. L'interno custodisce numerose opere d'arte che vanno dal XII al XVI secolo. Sull'altare maggiore della basilica spicca una splendida opera come la Pala di San Zeno di Andrea Mantegna.

Ponti di Verona

Ponte Pietra – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Ponte_Pietra_a_Verona.jpg" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Ponte Pietra – Foto Wikimedia Commons

Verona è attraversata da sette ponti sul fiume Adige. Purtroppo tutti i ponti vennero distrutti dai nazisti durante il secondo conflitto mondiale; in seguito, però, blocchi e mattoni originari vennero recuperati sul fondo dell'Adige e utilizzati per ricostruire i monumenti. La città può vantare antiche origini romane: testimonianza di questo glorioso passato è il Ponte Pietra, risalente al I secolo a.C. Il monumento collega il Teatro Romano con il centro cittadino e regala scorci meravigliosi sul fiume Adige e Castel San Pietro. Un notevole esempio di ingegneria trecentesca è Ponte Scaligero, o di Castelvecchio perché proprio di fronte all'omonima fortezza. Il ponte regala un'atmosfera particolarmente romantica, soprattutto al calar della sera. Interessante il museo annesso.

Castelvecchio

Ponte di Castelvecchio – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Verona_–_Ponte_di_Castelvecchio.jpg" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Ponte di Castelvecchio – Foto Wikimedia Commons

La costruzione di questo castello con funzioni difensive fu fortemente voluta da Cangrande II della Scala. Dopo la caduta degli Scaligeri ha attraversato vicende alterne. Sotto il dominio dei Veneziani divenne deposito d'armi, per poi trasformarsi in caserma sotto la dominazione francese e austriaca. Oggi il suo interno ospita un piccolo museo con una collezione di opere medievali, rinascimentali e moderne. Tra i dipinti più importanti, la Sacra Famiglia di Mantegna, il San Girolamo Penitente di Bellini e il Ritratto femminile di Rubens, ma in collezione troviamo anche opere di Filippo Lippi, del Veronese e di Tintoretto.

Duomo di Verona

Interno del Duomo di Verona – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Duomo_(Verona)_–_Interior_–_central_nave.jpg" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Interno del Duomo di Verona – Foto Wikipedia

Consacrato nel 1187, è stato costruito sulle rovine di una chiesa paleocristiana ed è dedicato a Santa Maria Matricolare. Spicca il magnifico portale decorato con figure di profeti e animali, sovrastato da una lunetta con un bassorilievo policromo che ritrae la Madonna in trono col Bambino, circondata dai Magi e dai Pastori. All'interno, costituito da tre navate, si trova un capolavoro d'arte come l'Assunta di Tiziano. Dal Duomo si accede al Battistero di San Giovanni in Fonte, una piccola chiesa longobarda con notevoli affreschi e un meraviglioso fonte battesimale del XII secolo. Adiacente si trova la piccola Chiesa di Sant'Elena, la cui pianta originaria risale all'800 d.C.

259 CONDIVISIONI
Livorno: cosa vedere nella città toscana
Livorno: cosa vedere nella città toscana
Malaga: cosa vedere nella città di Picasso
Malaga: cosa vedere nella città di Picasso
Cosa vedere a Chiusi, l'affascinante città etrusca
Cosa vedere a Chiusi, l'affascinante città etrusca
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni