Brutte notizie per i turisti di tutto il mondo. Presto i viaggiatori saranno costretti ad acquistare valigie, borse e zaini più piccoli. L'associazione internazionale che riunisce più di 260 compagnie aeree ha intenzione di ridurre le dimensioni dei bagagli a mano. L'8 giugno la International Air Transport Association (IATA) ha deciso di modificare le misure massime consentite, portandole a 55 x 35 x 20 centimetri (tasche, ruote e manici inclusi) con un volume di 38,5 litri. Si tratta del 39 per cento in meno rispetto agli attuali requisiti Iata (56 x 45 x 25 cm). Gli standard sono ridotti di gran lunga rispetto a una compagnia come Ryanair che consente fino a 40 cm di larghezza per il bagaglio. Le dimensioni proposte sono inferiori anche in confronto a compagnie come American Airlines, Delta, United, Southwest, British Airways, easyJet, Lufthansa, Air France e Emirates.

La ragione, secondo la Iata, sarebbe di carattere pratico perché con queste misure si avrebbe più spazio nelle cappelliere, accelerando le procedure d'imbarco. Un portavoce ha affermato comunque che quelle dettate dal consorzio sono solo linee guida e ogni compagnia è libera di stabilire i propri limiti. In ogni caso sono già otto le aziende che hanno deciso di adottare le nuove politiche sui bagagli: Air China, Avianca, Azul, Cathay Pacific, China Southern, Emirates, Lufthansa e Qatar. Altre 30-40 si dicono "interessate" alla proposta. Intanto sono in corso colloqui con i produttori di bagagli che dovrebbero produrre un'apposita linea certificata "IATA Cabin Ok". Nel frattempo il colosso dell'aviazione Boeing ha deciso di ridurre le dimensioni dei bagni per aumentare i posti a bordo del 777-300ER. Con un gabinetto più piccolo si guadagnerebbero 14 posti in più, per una capacità di quasi 400 passeggeri.

[Foto di George Armstrong]