in foto: Grotta del Flauto di Canne – Foto Wikimedia Commons

Spettacolari e suggestive, le grotte formano un mondo a parte. Queste meraviglie sotterranee sono state fin dalla preistoria deputate a rifugi, abitazioni o luoghi di culto. Oggi sono oggetto di studio da parte degli speleologi o delizia dei turisti con il pallino dell'esploratore. I loro maestosi interni sembrano cattedrali di un altro pianeta, le loro stalattiti e stalagmiti disegnano figure bizzarre e permettono alla fantasia di sbizzarrirsi. Oltre alle meravigliose grotte italiane, il mondo nasconde una serie di caverne sotterranee tutte da scoprire. Esploriamo questo favoloso universo attraverso dieci grotte molto speciali.

Grotta di Jeita – Libano.

Grotta di Jeita – Foto kcakdumanin foto: Grotta di Jeita – Foto kcakduman

La Grotta di Jeita consiste in due formazioni carsiche distinte ma interconnesse: la grotta superiore e quella inferiore. Nella grotta superiore si trova la più grande stalattite del mondo, che misura ben 120 metri. La galleria inferiore ha una lunghezza complessiva di 6200 metri; in più, è attraversata da un fiume sotterraneo e da un lago.

Son Doong – Vietnam.

Son Doong – Foto Wikimedia Commonsin foto: Son Doong – Foto Wikimedia Commons

La caverna più grande del mondo si trova nella provincia di Quang Binh ed è lunga 9 km. Fu scoperta nel 1991 ed esplorata per la prima volta solo nel 2009. Fa parte di un complesso di 150 grotte e si estende per circa 80 metri in altezza e in larghezza. Arriva a toccare un'altezza di 250 metri e una larghezza di 200. La formazione calcarea si è formata 2,5 milioni di anni fa in seguito all'erosione di un fiume sotterraneo. Vanta alcune delle stalagmiti più alte del pianeta, che possono raggiungere anche 70 metri.

Grotta del Flauto di canne – Cina.

Grotta del Flauto di Canne – Foto Bernt Rostadin foto: Grotta del Flauto di Canne – Foto Bernt Rostad

Questa grotta naturale calcarea si trova nella magica città di Guilin, situata nella regione di Guangxi, nel sud della Cina. Un percorso spettacolare tra stalattiti e stalagmiti, esaltato da coloratissimi giochi di luce artificiale. Da oltre 1.200 anni è una delle più celebri attrazioni della Cina e fin dall'VIII secolo poeti e altri visitatori hanno lasciato le proprie iscrizioni sulle pareti della grotta. Prende il nome da un tipo di canne che cresce all'esterno della grotta e, secondo la leggenda, può creare flauti melodiosi. Il punto più ampio raggiunge 18 metri, quello più ampio 93 metri. L'area venne riscoperta nel 1940, quando venne utilizzata come rifugio dagli assalti delle truppe giapponesi.

Grotte di Waitomo / Glow worm Caves – Nuova Zelanda.

Glowworm Caves – Foto 2il orgin foto: Glowworm Caves – Foto 2il org

A breve distanza dalla cittadina di Waitomo, le Waitomo Caves sono tra le principali attrazioni turistiche della Nuova Zelanda. Il complesso è composto da ben tre caverne: le più incredibili sono sicuramente le Glow worm Caves. Attraversate da un fiume, queste grotte ospitano i glowworms (letteralmente "vermi luminosi"), larve che irradiano luce bio-luminescente e creano l'effetto di un meraviglioso cielo stellato. Una visione spettacolare che incanta il cuore e affascina lo sguardo, sembra di poter ammirare la Via Lattea in tutto il suo splendore. La Ruakuri Cave è la grotta più profonda, con splendide stalattiti e stalagmiti, mentre la Aranui cave è la più piccola.

Carlsbad Caverns – USA.

Carlsbad Caverns – Foto Wikimedia Commonsin foto: Carlsbad Caverns – Foto Wikimedia Commons

Situate nell'omonimo parco nazionale, queste grotte sono situate nei pressi di Carlsbad, nel New Mexico. Il percorso sotterraneo di 116 grotte include la Big Room, che come rivela il nome stesso, è una grotta calcarea dall'ampiezza smisurata: 1219 per 190 metri con un'altezza massima di 107 metri. Facilmente accessibili grazie a un ascensore, le caverne comprendono una varietà di stalattiti e stalagmiti dalle forme bizzarre.

Batu Caves – Malesia.

Batu Caves – Foto Wikimedia Commonsin foto: Batu Caves – Foto Wikimedia Commons

Un imponente complesso di grotte che è anche un luogo di culto: all'interno sono presenti numerosi templi induisti, mentre all'ingresso spicca la più grande statua al mondo del dio Murugan, celebrato durante la tradizionale festa del Thaipusan. Per accedere alla grotta principale è necessario percorrere una ripida scalinata di 272 gradini.

Grotte di San Canziano – Slovenia.

Grotte di San Canziano (Skocjan) – Foto Wikimedia Commonsin foto: Grotte di San Canziano (Skocjan) – Foto Wikimedia Commons

Scoperte nel 1823, le Grotte di San Canziano (Skocjan in sloveno) sono state aperte al pubblico nel 1884 e nel 1986 sono state dichiarate Patrimonio UNESCO. Le formazioni carsiche sono state scavate per milioni di anni dal fiume Timavo (Reka in sloveno). Il complesso si estende per circa 5 km e riserva un'esplorazione abbastanza accessibile, della durata di un'ora e mezza.Davvero spettacolare il ponte sospeso sul fiume, in un'atmosfera che ricorda quella di un film fantasy come Il Signore degli Anelli: attraversarlo è un'emozione forte e un'esperienza adrenalinica. Il percorso si snoda tra numerose stalattiti e stalagmiti: tra queste ultime spicca il Gigante, dall'altezza di 15 metri.

Fiume Sotterraneo di Puerto Princesa – Filippine.

Fiume sotterraneo di Puerto Princesa – Foto Wikimedia Commonsin foto: Fiume sotterraneo di Puerto Princesa – Foto Wikimedia Commons

Il Fiume Sotterraneo di Puerto Princesa si trova nella costa settentrionale dell'isola di Palawan, nelle Filippine. Fino alla scoperta di un altro fiume sotterraneo nella penisola dello Yucatan, in Messico, era considerato il fiume sotterraneo più lungo del mondo, ma rimane tuttora il più lungo navigabile. Lungo 8,2 km, il fiume attraversa una grotta spettacolare prima di sfociare nel Mar della Cina Meridionale.

Grotta dei Cristalli – Messico.

Grotta dei Cristalli – Foto Wikipediain foto: Grotta dei Cristalli – Foto Wikipedia

La Grotta dei Cristalli è stata scoperta nel 2000 da alcuni minatori che stavano scavando un tunnel nella miniera di Naica, nello stato di Chihuahua, nel Messico settentrionale. La grotta principale comprende alcuni tra i più grandi cristalli mai trovati in una cavità sotterranea. A tutt'oggi, il cristallo di dimensioni maggiori misura 11 metri in lunghezza, 4 metri in diametro e pesa 4 tonnellate. La ragione dei cristalli extralarge è costituita dalle altissime temperature all'interno della grotta, che possono raggiungere i 58°.

Eisriesenwelt – Austria.

Eisriesenwelt – Foto Wikimedia Commonsin foto: Eisriesenwelt – Foto Wikimedia Commons

A 45 minuti da Grossarl si trova la grotta di ghiaccio più grande del mondo. Situata all'interno del monte Hochkogel, è lunga oltre 42 km. La grotta si è formata in seguito al passaggio di un fiume che ha eroso la roccia, mentre le formazioni di ghiaccio derivano dallo scioglimento della neve che è penetrata nella caverna e si è poi congelata. Lo scenario è surreale e indimenticabile.