in foto: Angkor Wat – Foto Max Pixel

Definita "la terra dei 3000 templi", la Cambogia è un paese avvolto da un alone di mistero. Davanti agli occhi del visitatore appariranno come per magia foreste lussureggianti, monumenti intrisi da antiche leggende, spiagge meravigliose.

Koh Rong Samloem – Foto di ilf_in foto: Koh Rong Samloem – Foto di ilf_

Questo paese del sud-est asiatico merita di essere conosciuto ed esplorato per i suggestivi paesaggi, le tradizioni culturali e il calore del suo popolo. Dilaniato da sanguinosi conflitti per decenni, oggi il paese vive una rinascita turistica e culturale. Ecco otto buoni motivi per visitare la Cambogia.

Il meraviglioso complesso di Angkor Wat.

Angkor Wat – Foto Christian Haugenin foto: Angkor Wat – Foto Christian Haugen

I templi di Angkor sono il vero fiore all'occhiello della Cambogia: compaiono perfino nella bandiera nazionale. La prima pietra venne posta nel 879 a.C. ma questo complesso dedicato al dio Vishnu venne riscoperto solo nel 1860 da Henri Mahout. Per la sua rilevanza storica, il sito archeologico è Patrimonio UNESCO dal 1992. La sua indescrivibile bellezza è esaltata dai tramonti, che avvolgono l'architettura dei templi in una luce dorata. Una curiosità: il grande giornalista e scrittore Tiziano Terzani ha incluso Angkor Wat nei suoi resoconti.

La bellezza dei suoi templi.

Koh Ker – Foto di Arian Zwegersin foto: Koh Ker – Foto di Arian Zwegers

Tralasciando Angkor Wat che merita un capitolo a parte, i templi cambogiani sono una riserva inesauribile di bellezza. Eppure molti di loro sono ancora sconosciuti al grande pubblico. L'impero Khmer ha lasciato diverse testimonianze del suo splendore, come i complessi di Koh Ker e Preah Vihear. Da quest'ultimo, in particolare è possibile osservare un panorama meraviglioso e scattare foto spettacolari. A Battabang, città più popolosa della Cambogia, si possono visitare i templi di Phnom Sampeau che comprendono un Buddha scolpito nella roccia alto 30 metri e una caverna in cui sono custodite le ossa di molte persone uccise dai Khmer rossi.

Il fiume Mekong.

Fiume Mekong al tramonto – Foto di Paul Arpsin foto: Fiume Mekong al tramonto – Foto di Paul Arps

La scrittrice Marguerite Duras lo definiva "il fiume più bello e selvaggio della terra". il fiume più lungo e importante dell'Indocina si presta a emozionanti escursioni in barca. Navigando sul Mekong, a Kratie, è possibile avvistare i rarissimi delfini dell'Irrawaddy.

La capitale Phnom Penh.

Phnom Penh, Palazzo Reale – Foto Max Pixelin foto: Phnom Penh, Palazzo Reale – Foto Max Pixel

L'affascinante capitale della Cambogia è situata sulle sponde del fiume Tonlè Sap, un affluente del Mekong. Passeggiando lungo il corso d'acqua è possibile sostare in romantici caffè o ristoranti dall'atmosfera parigina. Tra le principali attrazioni turistiche vi sono il Palazzo Reale, la Pagoda d’Argento, il Museo Nazionale, il Monumento dell’Indipendenza, il Monumento dell’amicizia fra Cambogia e Vietnam,  e il Wat Phnom, un complesso di templi, pagode e giardini situato su una collinetta alberata di 27 metri. Phnom Penh offre molte opportunità di svago ma anche spunti di riflessione: qui si trovano il Museo Tuol Sleng e il campo di sterminio Choeung Ek, che rievocano il tragico genocidio cambogiano ad opera del dittatore Pol Pot.

Le splendide riserve naturali.

Esemplari di gru antigone – Foto shankar s.in foto: Esemplari di gru antigone – Foto shankar s.

A nord ovest e a nord est di Siem Reap si trovano le riserve naturali di Ang Trapeang e di Tmatboey. Oltre a custodire una varietà di piante lussureggianti, sono un paradiso per gli amanti del birdwatching poiché ospitano numerosi esemplari di uccelli, come le gru antigone e gli ibis giganti.

Le spiagge da sogno.

Koh Rong Samloem – Foto di ilf_in foto: Koh Rong Samloem – Foto di ilf_

Nella zona meridionale della Cambogia si trovano spiagge davvero meravigliose e ricche di natura incontaminata. Le isole di Koh Rong e Koh Rong Samloem sono paradisi puntellati da spiagge con acqua cristallina dove immergersi per ritrovare un attimo di pace. Sihanoukville è la più importante città costiera, dove potrete sdraiarvi su spiagge bianchissime, fare snorkeling e godere del relax più assoluto.

L'accoglienza dei cambogiani.

Danza popolare cambogiana – Foto Wikimedia Commonsin foto: Danza popolare cambogiana – Foto Wikimedia Commons

Uno dei primi dettagli che vi sorprenderà non appena arrivati in Cambogia è l'accoglienza calorosa dei locali. L'ospite qui viene trattato come uno di famiglia: calore umano è la parola d'ordine dei cambogiani, che hanno saputo reagire al tragico passato con un sorriso e tanta gioia di vivere. Se vi sentite disorientati rispetto agli usi e ai costumi della Cambogia, non temete: ci sarà sempre un abitante del posto pronto a spiegarvi tutto con gentilezza.

Si spende poco (e si mangia tanto)

Amok, piatto tipico con il tradizionale curry cambogiano – Foto Wikimedia Commonsin foto: Amok, piatto tipico con il tradizionale curry cambogiano – Foto Wikimedia Commons

La Cambogia è una destinazione low cost, adatta a tutte le tasche. A differenza di altri paesi asiatici, qui è possibile vivere con un budget di soli €5 al giorno. Anche soggiornare in hotel è particolarmente economico. Un motivo in più per assaporare le deliziose specialità locali, tra cui spicca l'Amok, un filetto di pesce speziato e solitamente avvolto in una foglia di banano.