30 Novembre 2018
23:08

Commarin, un affascinante castello francese

In mano alla stessa famiglia da ben 26 generazioni, il Castello di Commarin è un affascinante gioiello francese. Situato nel cuore della Borgogna, questo monumento storico racchiude al suo interno numerose opere d’arte e un parco incantevole. Ecco tutte le informazioni su questo luogo.
A cura di Angela Patrono
Castello di Commarin – Foto Wikipedia
Castello di Commarin – Foto Wikipedia

Situato nel cuore della Borgogna, il Castello di Commarin è stato classificato come Monumento Storico francese. La fortezza si trova 40 km a ovest di Digione, lungo la Route Historique des Duques de Bourgogne, ossia l'Itinerario Storico dei Duchi di Borgogna. Diretto testimone del passato, il castello resiste saldamente nelle mani della stessa famiglia da ben ventisei generazioni, fin dal XIII secolo. Oggi il proprietario è il Comte de Vogüé, diretto discendente del nobile capostipite.

Il luogo ebbe probabilmente origine da una villa galloromana, ma la prima menzione in assoluto risale a un documento del 1216. Nel 1346 il castello venne riedificato con fortificazioni, mentre nel corso del XVI secolo la struttura subì una radicale trasformazione e venne arricchita dall'aggiunta di sculture, dipinti e arazzi.

Durante il XVII e XVIII secolo il castello venne riedificato, assumendo in sostanza l'aspetto attuale. Artefice di questo cambiamento fu Marie-Judith de Vienne, nonna del celebre politico Talleyrand. Fortunatamente l'edificio venne preservato durante la Rivoluzione Francese e oggi risulta quindi un prezioso esempio di autenticità storica.

Castello di Commarin – Foto Wikimedia Commons
Castello di Commarin – Foto Wikimedia Commons

Visitare il Castello di Commarin permette di fare un emozionante viaggio indietro nel tempo. Immerso nel verde, l'edificio si staglia nella sua imponenza, circondato da un ampio fossato. Il castello è una vera miniera anche per gli appassionati di arte, poiché conserva una notevole collezione di oggetti e arredi del XVI secolo. Di grande interesse i dipinti di scuola italiana e francese, ma anche gli arazzi con motivi araldici e alchemici. Catturano l'attenzione anche le sale di Marie-Judith de Vienne, la biblioteca e la cappella con soffitto a volta.

Sia il castello che il giardino sono aperti al pubblico e possono essere visitati tutti i giorni da aprile ai primi di novembre. Inoltre le sale del castello possono essere affittate per matrimoni o ricevimenti.

La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
Castello di Chambord: il gioiello francese con un tocco di genio
Castello di Chambord: il gioiello francese con un tocco di genio
Il simbolo di Ischia: il Castello Aragonese
Il simbolo di Ischia: il Castello Aragonese
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni