Parigi – Foto Pixabay
in foto: Parigi – Foto Pixabay

Italiani fanatici del calcio, tedeschi puntuali fino al midollo, inglesi pessimisti: i luoghi comuni sulle nazionalità si sprecano, ma in fondo ogni stereotipo cela un fondo di verità. Il team di Wimdu, noto portale di case vacanza, ha analizzato le abitudini di viaggio dei tifosi in vista degli Europei 2016 di Francia che avranno inizio il 10 giugno. I risultati avvalorano in buona parte i luoghi comuni, con qualche sorpresa. Scopriamo con quale spirito i tifosi europei affronteranno la competizione calcistica.

Spagnoli: entusiasmo alle stelle

Gli spagnoli hanno più di un motivo per essere ottimisti: del resto sono i campioni in carica per la seconda edizione consecutiva e figurano tra i grandi favoriti di Euro 2016. La positività è a mille al punto che il 72,6% delle prenotazioni totali da parte degli utenti spagnoli nelle città francesi che ospiteranno la manifestazione sono a Parigi, ovvero la sede della finale. Seguono Nizza con il 9,4%, Bordeaux con 8,1% e Tolosa con il 5,2%, tutte città dove si giocheranno le partite del girone della Spagna. Gli spagnoli si distinguono anche per la propensione a viaggiare in gruppo: il 16%ha prenotato alloggi per gruppi superiori. Il 16,7% infine ha prenotato un appartamento con parcheggio.

Gli inglesi vedono tutto nero

Gli inventori del calcio ci abituano a performance da urlo durante le qualificazioni per poi arrestarsi sul più bello nella fase finale, spesso per colpa dei "maledetti" rigori. Nonostante una squadra composta da giovani giocatori di talento, gli inglesi partono con il morale sotto i tacchi. Il pessimismo è tale che solo il 36,5% dei tifosi ha prenotato un appartamento a Parigi per la finalissima. Marsiglia con il 16,9% e Tolosa con il 13,5% risultano le altre città più prenotate. Gli inglesi spiccano anche per la loro indole pet-friendly: il 18% porterà in viaggio anche il proprio amico a quattro zampe.

Svizzeri: "paperoni" e solitari

In occasione di Euro 2016 la Svizzera può contare su un organico di rilievo e ha quindi tutte le carte in regola per rivelarsi una delle sorprese della manifestazione. Notoriamente considerati dei "paperoni", i tifosi svizzeri in effetti hanno pagato 50.7€ a persona a notte, molto di più rispetto alla media europea. Gli svizzeri sono anche più disposti a viaggiare in solitaria rispetto agli altri europei (3,7%).

Italiani romantici e ottimisti

Trapela un diffuso scetticismo sulla compagine italiana che prenderà parte a Euro 2016 e c'è chi sostiene che vedremo in campo la peggior nazionale mai vista. Tuttavia il popolo italiano è noto per la sua grande resilienza e la storia dimostra che l'Italia dà il meglio di sé proprio quando è data per spacciata. Sta di fatto che gli italiani credono nel miracolo e si rivelano la nazionalità più ottimista o comunque più appassionata alla manifestazione. Il 73,9% ha infatti prenotato un appartamento a Parigi nel periodo della competizione e in particolare della finale. Seguono le città di Lione con il 13,9% e Tolosa con il 6,1%. Gli italiani sono i tifosi più romantici (il 40,1% viaggerà in coppia) e i più oculati nelle spese (pagheranno in media 29.9€ a notte per persona).

La puntualità dei campioni del mondo

Tedeschi puntuali e italiani in perenne ritardo: non sono le macchiette stereotipate di qualche barzelletta antidiluviana, ma i riscontri oggettivi dell'analisi condotta da Wimdu. La maggior parte dei tifosi tedeschi ha prenotato nel novembre 2015, con ben quattro mesi di anticipo rispetto agli italiani. Il 57,1% dei tedeschi ha scelto di soggiornare in un appartamento family-friendly. I campioni del mondo in carica sono anche i fumatori più accaniti:  il 28,6%  ha optato per un alloggio dove è permesso fumare.

Niente internet, siamo svedesi!

La nazionale svedese punta sulle prodezze della loro stella incontrastata, Zlatan Ibrahimovic. Per assistere agli Europei in Francia, il 20,4% del campione intervistato ha deciso di viaggiare in gruppi superiori alle 4 persone, proprio come gli spagnoli: dato in controtendenza allo stereotipo che vuole lo svedese solitario. Una curiosità: gli svedesi dimostrano di fare a meno delle tecnologie, almeno quando sono in "ritiro" per tifare i propri beniamini. Solo l'86,1% infatti ha richiesto un appartamento dotato di connessione internet.

Olanda, la grande assente

L'Olanda è fuori dalla competizione: gli orange hanno fallito le qualificazioni a Francia 2016 e la loro è un'assenza che pesa. Per stemperare la delusione, però, gli olandesi hanno deciso di regalarsi una vacanza estiva nei luoghi più cool d'Europa. Le mete più prenotate a giugno e luglio sono Berlino, Barcellona e Roma, sebbene la maggior parte punterà su località spagnole come Ibiza, Palma di Maiorca e Valencia.

Le città che ospitano gli Europei 2016

Parigi
in foto: Parigi

Considerando le città che ospiteranno la competizione, notiamo che Parigi è la più prenotata ma anche la più cara. La capitale francese ha ricevuto il 60% delle prenotazioni totali, con i visitatori che in media spendono 38.4€ a notte. Seguono Bordeaux con 38.2€, Nizza con 37.5€, Marsiglia con 33.4€ e Lione con 32.4€. E la città più economica? Tolosa. Una notte costa 24.6€ per persona.