Flickr
in foto: Flickr

E' inutile cercare di far finta di niente, con l'arrivo di dicembre, l'atmosfera natalizia invade le città senza alcuna via di scampo. Luci, dolcezze e aria di festa colorano le città ed i piccoli borghi, trasformando ogni angolo d'Italia in qualcosa di magico. Tanti eventi e qualche fiocco di neve  sono un buon motivo per iniziare a fare le valige e pensare a qualche giorno fuori per le vacanze di Natale. Il mese di dicembre è ricco di appuntamenti e cose da fare, si parte dai caratteristici presepi viventi, mercatini natalizi e feste tradizionali, ma come ogni week end che si rispetti non manca il cibo. Infatti anche a dicembre l'Italia è ricca di sagre che invitano ad assaporare alcuni dei prodotti tipici più gustosi dell'anno. Inoltre, incontrare Babbo Natale sembra più facile che in Lapponia; il Babbo più famoso del mondo grazie alla sua magia comparirà contemporaneamente in più città italiane regalando gioia e dolcezze ai più piccini. Vediamo quali sono gli appuntamenti più interessanti per trascorrere un week end in Italia nel mese di dicembre.

4-6 dicembre
11-13 dicembre
18-20 dicembre
25-27 dicembre

4-6 dicembre

Flickr
in foto: Flickr

– Mercatini natalizi. Atmosfera di festa, luci e dolci sapori: sono i mercatini di Natale, che trasformano le città in veri e propri villaggi incantati dagli ultimi giorni di novembre fino al 6 gennaio. In tutta Italia se ne organizzano di bellissimi, ognuno con le sue caratteristiche e la sua magia. Ad Arezzo dal 4 al 27 dicembre si può entrare nella Città del Natale con un simpatico mercatino tirolese. Altro appuntamento da non perdere è quello di Bolzano, tra i mercatini natalizi più belli in Italia, per l'atmosfera tipicamente invernale, circondato dalle vette innevate. Ricordiamo quello di Trento, famoso per essere tra i più antichi e visitati d'Italia, con oltre 500.000 presenze. Scendendo per lo stivale si può fare una sosta anche al mercatino di Natale di Avezzano, che si trasforma in un vero e proprio villaggio, con chioschi in legno e luci colorate. Continuando si passa per Roma, che in questo periodo diventa ancora più magica, fino a Napoli la città dove i mercatini sono aperti tutto l'anno. Passeggiare a San Gregorio Armeno, tra le botteghe di artisti all'opera con i presepi, è davvero un’esperienza memorabile. Per scegliere dove andare potete dare un'occhiata ai "10 mercatini dovresti vedere in Italia".

– Le vie dei Presepi, Urbino. Nel centro storico di Urbino dal 6 dicembre al 6 gennaio si potranno ammirare tantissime natività realizzate da esperti artigiani. I presepi sono realizzati con tanti materiali, dai più tradizionali ai più originali, come per esempio in ferro battuto, in stoffa, scavati nel tronco di un albero senza alcun freno per la fantasia.

– Presepi, sapori e mercatini, Avella (Avellino). Natale in Campania non è solo San Gregorio Armeno o le luci di Salerno, ma ci sono dei borghi forse poco conosciuti che in questo periodo si trasformano svelando un volto incantato e magico. Il caos di Napoli ed il miraggio di un parcheggio a Salerno vi spaventano? Allora perché non andare ad Avella? Scoprirete che la magia del Natale vive nei piccoli luoghi ed il calore della gente. Per questo week end il Comune con la collaborazione delle associazioni locali organizza "presepi, sapori e mercatini". Durante le serate del 5, 6, 7 ed 8 dicembre potrete ammirare un "presepe vivente" organizzato dell'Associazione Ali della Vita, la mostra"PresepiArte" con  presepi artigianali, i "Mercatini"  e la "Festa del Libro". Tra gli stand potrete trovare proprio di tutto e se l'atmosfera natalizia vi risveglia l'appetito ecco servite tante bontà locali. Castagne, insaccati e tanti dolci natalizi tutto innaffiato dal buon vino locale. Durante la manifestazione sono inoltre previsti spettacoli e concerti tra cui l'esibizione di James Senese, nel magnifico scenario dell'Anfiteatro romano alle 17 e 30 di domenica 6 alla luce del tramonto. Ora trovate un motivo valido per non andare!

– Candele a Candelara. E' il primo mercatino di Natale in Italia interamente dedicato alle candele. Quest'anno si svolgerà dal 28 novembre al 13 dicembre sempre nell'antico borgo medievale sulle colline attorno a Pesaro. Nei giorni della festa per 3 volte giorno nella cittadina sarà spenta tutta l'illuminazione artificiale e l'intero paese sarà illuminato da migliaia di fiammelle accese, creando un'atmosfera incantata, ma allo stesso tempo calorosa. Nel paese saranno allestite bancarelle che offriranno non solo candele, ma anche addobbi di natale, decorazioni, prodotti artigianali ed inoltre sarà allestita una tensostruttura riscaldata al cui interno si potranno degustare castagne, vin brulé, dolci. Oltre al mercatino si può visitare la Via dei Presepi, con presepi provenienti da ogni parte d'Italia, il Presepe vivente, l'Officina di Babbo Natale che attende centinaia di bambini.

–  L'artigiano in fiera (Milano). Dal 5 al 13 dicembre a Milano si rivive la tradizione e la cultura dell’artigianato di tutto il mondo. La grande fiera si terrà nell'area espositiva di Rho – Pero. I visitatori potranno ammirare da vicino produzioni provenienti da mondi lontani facendo scoprire nuove ed antiche tradizioni e culture. Saranno presenti oltre 3000 espositori, alcuni dedicati all'incontro tra le piccole imprese artigiane ed il mondo del mercato, infatti questo evento è volto anche a favorire la crescita delle piccole realtà. La manifestazione è suddivisa in varie sezioni: oltre ai classici stand di artigiani, non mancherà l’area dedicata a Moda e Design con uno spazio riservato alle imprese sartoriali italiane e quelle dedicate al design. In esposizione tantissimi oggetti, ma non mancheranno le produzioni eno gastronomiche con profumi e sapori da tutto il  mondo.

– ChoccoBarocco, Modica (Ragusa). Nelle fredde giornate di dicembre non c'è niente di meglio che un buon cioccolato per riscaldare il corpo e lo spirito. Tre le feste del cioccolato in Italia, nel primo week end di dicembre si tiene il Chocobarocco, a Modica che vanta una grande tradizione cioccolattiera. La dolce festa si terrà dal 5 all'8 dicembre nel suggestivo centro storico con un ricco calendario di eventi. I quattro giorni saranno anche scanditi da degustazioni guidate, laboratori e attività culturali e didattiche.

– Tuscia Deliziosa, Bomarzo (Viterbo). Nello splendido scenario del palazzo Orsini nel primo week end di dicembre si terrà un evento finalizzato alla promozione dell'immagine culturale, artistica e delle realtà tipiche artigianali e agroalimentari della provincia di Viterbo. Tanti stand dedicati alle degustazioni e mostre e convegni che terranno occupati i visitatori che non potranno far altro che amare questa terra.

– Festa di San Nicolò e Krampus, (Val Gardena). Come da tradizione il 5 dicembre, si celebra la festa di San Nicolò in tutte le località che si trovano nella Val Gardena in Trentino. Durante le celebrazioni il santo viene fatto sfilare nei piccoli borghi, trasportato a spalla o su di un carro. Ma la vera attrazione della festa sono i diavoli, i Krampus, che seguono la processione armati di fruste e catene e vanno alla ricerca dei bambini che sono stati cattivi. Tra i paesi in cui si celebra questa festa ricordiamo Tarvisio, che si contraddistingue dalle altre poichè ogni frazione ha la sua sfilata. Ma tutte le città quando cala la notte vengono invase da esseri mezzi uomini e mezzi caproni dotati di corna e maschere diaboliche. L'arrivo dei Krampus si avverte dal suono dei campanacci e corni che portano legati al collo. Dopo la sfilata di San Nicolò i Krampus scatenano la loro cattiveria in giro per la città colpendo con i loro bastoni i passanti, inseguendo le ragazze e spaventando chi si trova a passare dinanzi a loro. I ragazzini non stanno con le mani in mano, ma sfidano i Krampus lanciando palle di neve e qualche petardo, fino a quando, nel cuor della notte, scompaiono per ritornare all’inferno.

– Festa del torrone e del croccantino, San Marco del Cavoti (Benevento). Dal 5 al 13 dicembre, ci sarà una delle feste più attese della Campania, la festa del Torrone e del Croccantino. L'evento richiama molti turisti che accorrono per assaporare il delizioso prodotto beneventano con nocciole, mandorle o cioccolato. Nei due week end della festa l’intero paese si anima attorno al simbolo della tavola natalizia, attendendo l'evento più atteso della manifestazione. La creazione del megacroccantino, entrato a pieno titolo nel Guinnes del Primati per la sua lunghezza. Ammirare questo dolce gigante sarà molto suggestivo, ma sarà ancor più emozionante quando sarà dato il via all'assalto del croccantino, durante la quale tutti potranno accaparrarsi di un pezzo del torrone gigante. In occasione della festa oltre a gustare le dolci prelibatezze, saranno celebrati anche gli altri prodotti tipici locali, come l’olio, il miele, il vin cotto ed i liquori artigianali, mentre gli appassionati di antichi mestieri potranno ammirare all’opera fabbri e ricamatrici, tra le strade del paese che per due settimane ritorna ad essere un antico borgo medievale.

–  Superzampone, Castelnuovo Rangone (Modena). A Modena la prima domenica di dicembre viene preparato lo zampone più grande del mondo. Un insaccato da guinnes dei primati che supera il peso di una tonnellata. Questa festa ogni anno richiama migliaia di visitatori che fanno la fila per aggiudicarsi un pezzo del zampone gigante distribuito gratuitamente accompagnato da fagioli.

– Fiera degli O bej O bej! (Milano). Questa è una delle fiere più attese dai milanesi, che si celebra in concomitanza con la settimana di Sant'Ambrogio. Dal 5 all'8 dicembre, la fiera degli "Oh Bej! Oh Bej!",ospiterà tantissimi visitatori che potranno girare tra le bancarelle di artigianato, antiquariato, abbigliamento di tutti i generi che si snodano attorno al Castello Sforzesco.

– Il desco Sapori e saperi lucchesi, Lucca. Questo sarà l'ultimo week end nel quale si potrà partecipare a questo evento. Presso le sale del Real Collegio di Lucca, si svolge una festa dedicata alle prelibatezze di terra toscana. L'evento è anche un'occasione per visitare Lucca partendo dai suoi gusti e dalle sue tradizioni culinarie.

– Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco, San Miniato (Pisa). In questo splendido borgo toscano si celebra una grande festa dedicata al tartufo con l'esposizione di tutto il meglio della produzione locale. Durate la fiera oltre alle tante e variegate degustazioni si potrà girare tra mercatini d'artigianato, assistere a gare dei cani da tartufo con partecipanti provenienti da ogni parte d'Italia, intrattenimenti musicale, gruppi folcloristici, percorsi tra arte, gastronomia e natura.

11-13 dicembre

Viaggio Routard
in foto: Viaggio Routard

– L'Albero di Natale più grande del mondo, Gubbio, (Perugia). Dal 7 dicembre fino al 10 gennaio Gubbio diventerà una città unica, qui infatti si trova l'albero di Natale più grande del mondo. Questa fantastica attrazione viene realizzata ogni anno con centinaia di di luci che vengono disposte sul monte Ingino creando la sagoma di un albero di Natale. Dal 1981 l'albero viene acceso il 7 dicembre ed èe ntrato sul guinnes dei primati con oltre 250 punti luminosi di colore verde che formano l'albero, alto oltre 650 metri con il corpo centrale disseminato di oltre 300 luci multicolore e con alla sommità installata una stella della superficie di circa 1.000 metri quadri disegnata da oltre 200 punti luminosi.

–  Fiera di Santa Lucia (Verona). Un mercatino di Natale che si tiene tra il 12 ed il 13 dicembre a piazza Bra. La festa natalizia si tiene in occasione di Santa Lucia, che secondo la tradizione, nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, in groppa al suo fedele asinello, portava dolciumi ai bimbi buoni e carbone a quelli cattivi. Come una volta così anche oggi nella piazza non mancheranno le delizie e qualche pezzo di carbone. Suggestiva è la stella di Natale che a partire dall’Arena, illuminerà tutta la piazza.

– ChocolArt, Viterbo. Dall'11 al 27 dicembre a Viterbo il palato potrà trovare le sue delizie. La chiesa di Sant’Egidio ospiterà la quinta edizione di ChocolArt a cura della Pasticceria Casantini in collaborazione con la Confartigianato ed il patrocinio del Comune diViterbo. La golosa manifestazione quest’anno avrà come filo conduttore la città di Viterbo che unirà degustazioni, laboratori, visite guidate e spettacoli. Nel corso della manifestazione saranno organizzate anche delle visite guidate abbinate ad imperdibili degustazioni.

18-20 dicembre

Bruno Cordioli
in foto: Bruno Cordioli

– Fiera del ceppo, Lucignano  (Arezzo). Torna anche quest'anno la Fiera del ceppo nel piccolo borgo molto caratteristico di Lucignano. Durante la festa si celebrano i prodotti tipici del territorio, come il cappone, il tartufo, il pecorino, salumi, miele, olio di oliva extravergine, tisane, spezie e dolci natalizi. Tutto questo ben di dio si consuma attorno al ceppo, un grosso tronco di legno che viene messo a bruciare nel cammino durante la veglia natalizia. Nei giorni della festa non mancheranno tanti intrattenimenti, come concerti, mercatini natalizi, il villaggio di Babbo Natale dotato di un trenino che percorre il tragitto all'interno delle mura medievali.

– Wow Spazio Fumetto, Cinisello Balsamo (Milano). Per gli appassionati di fumetti nel mese di dicembre ci sarà una rassegna interamente dedicata a loro. In particolare quest'anno il tema dell'evento spazierà molto, da Patty Smith a Giovanna D'Arco.  La mostra su quest'ultima eroina sarà aperta fino 24 gennaio 2016 e racconta il mito della pulzella d'Orléans attraverso fumetti di tutto il mondo, locandine cinematografiche, figurine Liebig e persino santini.

– Circo de los horrores (Napoli). Al Palapartenope, dal 17 al 20 dicembre, torna la compagnia luciferina con lo spettacolo "Cabaret maledetto". Lo spettatore sarà calato nell'Inferno, con tutte le sue atrocità, nefandezze e sensualità in uno show che si snoda tra balli voluttusi e acrobazie fiammeggianti. Il costo del biglietto va dai 18 ai 45 euro. I biglietti sono in vendita anche sul sito ufficiale.

25-27 dicembre

Umberto Rotundo
in foto: Umberto Rotundo

– Presepi viventi e non. In questo periodo cominciano ad essere allestiti alcuni dei presepi più belli d'Italia. Da nord a sud questa tradizione diventa una delle attrazioni più sentite durante le vacanze di Natale. Ogni anno vengono allestiti migliaia di presepi, nelle più svariate forme, nelle grandi città e nei piccoli paesini. Quella dei presepi viventi è una tradizione nostrana, nata proprio nel nostro paese. Ce ne sono tantissimi, ma quello più famoso è quello di Greccio, dove San Francesco d'Assisi decise di dare di nuovo vita alla Natività. Si tratta del primo presepe al mondo. Ma anche i presepi artigianali meritano una visita. Nel nostro paese sono tante le rappresentazioni di rilievo, grazie alle capacità artigiane. Ricordiamo il presepe luminoso di Manarola, che illumina tutto il borgo delle Cinque Terre, il presepe sommerso di Laveno, città sul Lago Maggiore in Lombardia, mentre sulla riviera romagnola si costruiscono dei presepi interamente con la sabbia.

– Sagra della zeppola, Positano. Per chi non è spaventato dai pranzi di Natale, anzi è ancora pronto ad abbuffarsi, può fare un giro a questa sagra, dove si può gustare un dolce veramente speciale. E' la festa della zeppola, una ciambella di pasta fritta cosparsa di granelli di zucchero, che dal 28 al 29 dicembre va di scena a Positano. L'atmosfera regalata dal mare d'inverno con le luci natalizie che lo circondano creano uno scenario unico al mondo e fanno di questa festa un'ottima occasione per visitare la città in occasione delle vacanze di Natale.

– A tavola con il Formaggio Monte Veronese (Verona). Dal 26 dicembre al 6 gennaio si celebra un formaggio tra i più celebri d'Italia. Il Formaggio Monte Veronese DOP verrà servito in diversi gustosi piatti come i tortelli ripieni, il risotto alla veneta e gli gnocchi di malga, ma anche con i secondi e con mostarde e marmellate. Tutto sarà accompagnato dagli ottimi vini del territorio veronese e dalle birre. Negli stessi giorni dell’evento, a pochi passi dalla Dogana Veneta, vi troverete nella magia del Natale, infatti, ci sarà il mercatino del Lago di Garda.