L'arcipelago delle Thousand Islands (in italiano "mille isole") forma un confine naturale tra USA e Canada: si estende sul fiume San Lorenzo per 80 km, dalla costa di New York allo stato canadese dell'Ontario. Si tratta di 1864 isole circondate dal verde, alcune abbastanza ampie da ospitare eleganti palazzi, altre così piccole da contenere appena un cottage in legno. La particolarità è che chiunque può avere il proprio isolotto privato. Tra bellissimi castelli, case di pescatori e lussuose ville di vip, ogni isola è un mondo a sé.

È possibile visitare le Thousand Islands con una crociera su un caratteristico battello, per un tour guidato tra castelli fiabeschi, fari e dimore storiche. Le isole si concentrano soprattutto tra Cape Vincent e Alexandria Bay in USA e tra Kingston e Rockport in Canada. La maggior parte delle isolette sono disabitate e costituiscono il Thousand Island National Park, uno dei più antichi parchi naturali canadesi.

Ogni isola si distingue per una caratteristica peculiare. La più grande è Wolfe Island, lunga 29 km e larga 9 con 1500 abitanti. Una delle più piccole è "Just Room Enough", a evidenziare che c'è spazio solo per una casetta in legno e qualche panchina. Tra le isole più famose c'è Deer Island, di proprietà della società segreta universitaria Skull & Bones, che vanta tra le sue fila potenti esponenti della politica e finanza americana. Colpisce Heart Island, un'isola a forma di cuore dove sorge lo splendido Castello di Boldt, insieme alla Power House e la Alster Tower, entrambe aperte al pubblico. Un altro elegante maniero, il Castello Singer, si trova sull'affascinante Dark Island. Il nome dell'edificio vi dice qualcosa? Ebbene, fu costruito nel 1905 dal proprietario della celebre azienda di macchine per cucire! Da segnalare anche le Zavikon Islands, due isolette collegate tra loro da un ponticello bianco, ritenuto il ponte più piccolo del mondo.

[Foto in apertura di Wikipedia]