Lo street food, il cibo da strada venduto da ambulanti e take away, non è soltanto una soluzione economica per risolvere il pranzo in un calorico spuntino, ma si tratta anche di un modo per assaggiare tra le specialità più buone e tipiche di un paese. Sono alimenti che in genere rispecchiano le produzioni agricole e le sensibilità culinarie di un popolo, offrendo così al turista una sorta di scorciatoia (saporitissima) verso il cuore stesso di una cultura. Tutti i paesi, in ogni caso, hanno da offrire una grande varietà di cibi da strada, dal dolce al salato, ma solo alcuni si candidano all'eternità nella memoria del turista. Non sempre, infatti, è facile affrontare la cucina di un paese straniero. Alcuni degli street food europei che mediamente piacciono a tutti sono stati selezionati da Wimdu, portale internazionale di prenotazione di alberghi, e raccolti in un'infografica elaborata dalla NeoMam Studios.

Nell'infografica è possibile trovare informazioni sia sugli ingredienti dei singoli piatti, che su calorie e prezzo. Si conferma l'assunto che vuole il cibo da strada economico, dato che i prezzi si aggirano per lo più tra gli 1 e i 2 euro, con un minimo raggiunto dal pastizzi a Malta ad un massimo di 7 euro dal tunnbrodsrulle in Svezia. E in Italia? Lo sappiamo bene: ogni regione italiana ha da offrire il suo gustoso street food tipico, ma dovendone scegliere uno, la Wimdu ha selezionato il crocchè, il cui prezzo è di solito di un euro. Di seguito l'infografica completa su cosa mangiare spendendo poco in Italia, Bosnia Erzegovina, Finlandia, Germania, Grecia, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Russia, Spagna, Svezia, Ucraina ed Ungheria.

Street food in Europa.
in foto: Street food in Europa.