Foto da Flickr
in foto: Foto da Flickr

Le cose da fare e da vedere nella Costiera Amalfitana sono tante, ma qui si può contemporaneamente andare in overdose di zuccheri grazie alle famose torte DeRiso, godere della spiaggia più grande della Costiera e scoprire dove nasce la Tramontana. Tutto questo sono Maiori e Minori, le due città che hanno poco da invidiare alle mete caraibiche. Maiori e Minori sono due paesi che racchiudono tanti tesori, dalla cultura, alle bellezze architettoniche, all'arte, le bellezze della natura, ma soprattutto un mare da fiaba. Le due città della Costiere Amalfitana si trovano una vicino all'altra, proprio a due passi da Amalfi, condividendone il fascino e le bellezze del paesaggio. A differenza dalle altre città della Costiera qui si respira un'aria  più rilassata ed anche nei periodi di maggior affluenza turistica la pace ed il relax accompagneranno la vostra estate in Campania. Il fatto che siano gioielli della Costiera è confermato dall'interessamento dell Unesco che ha dichiarato Maiori come Patrimonio dell'Umanità nel 1997. Questa città vanta la spiaggia più lunga della costa, un aspetto eccezionale considerando che tutte le altre sono calette nascoste tra alte scogliere a picco sul mare.

Cosa vedere a Maiori e Minori
Maiori e Minori: dove andare al mare
Come arrivare a Maiori e Minori

Cosa vedere a Maiori e Minori

Foto da Flickr
in foto: Foto da Flickr

Maiori e Minori sono custodi di tante ricchezze, tanto che una visita alle due città vi farà scoprire scorci e meraviglie uniche al mondo. Iniziando da Minori, la prima sorpresa che si incontra è l'Antica Reghinna Minor che ancora oggi custodisce una traccia preziosa del passato, la splendida Villa Marittima Romana del I sec. d.C che è un raro esempio di villa al mare, ed una delle testimonianze più belle della Costiera Amalfitana. Affacciata sul mare, conserva degli splendidi stucchi ed affreschi. Da vedere anche il Duomo dedicato a Santa Trofimena, una chiesa molto luminosa. Ma una visita a Minori non può terminare senza una visita alla casa della dolcezza: la pasticceria di Salvatore De Riso, a cui si deve l'invenzione della torta ricotta e pere e che propone un assortimento di dolci da far impazzire le papille gustative.

Dopo Minori la strada costiera porta a Maiori, un borgo meraviglioso che dall'alto sembra un ventaglio che si apre sul mare. Maiori è famosa soprattutto perchè qui si trova la spiaggia più grande della costiera. La città è dominata dalla rocca di San Nicola de Thoro-Plano. Da vedere anche la Collegiata di Santa Maria a Mare, dove si conserva la statua miracolosa della Vergine che secondo la leggenda arrivò qui galleggiando sulle acque, mentre nel complesso di Santa Maria Olearia si trovano cripte e catacombe dei primi monaci insediatisi in Costiera Amalfitana. Assolutamente da visitare il parco naturale di Capo d'Orso con i suoi suggestivi panorami e la ricchezza del suo ecosistema. Nelle vicinanze si può fare una passeggiata nella valle di Tramonti, che racchiude tredici frazioni incastonate in una verde vallata dei Monti Lattari. Da questo luogo proviene il termine Tramontana poichè gli amalfitani, che inventarono la rosa dei venti, chiamarono così il freddo che sembrava scendere direttamente da queste valli.

Maiori e Minori: dove andare al mare

Foto da Flickr
in foto: Foto da Flickr

Tra calette e piccoli sbocchi sul mare a Maiori si apre la spiaggia più grande della Costiera Amalfitana. E' quasi un chilometro di spiaggia che per questa zona è qualcosa di eccezionale. La spiaggia è di sabbia ed è pianeggiante, per questo si distingue dal solito panorama della Costiera. In realtà questa conformazione è stata creata dalla catastrofica alluvione del 1954 distrusse l'intero vecchio paese e ha creato la pianura di oggi. Altro luogo molto ambito per andare al mare a Maiori è la spiaggia di Erchie, che si trova nell'omonima frazione. Sono duecento metri di spiaggia delimitate da due caratteristiche torri saracene. Qui l'acqua è sempre limpida ed il sole resta a battere fino al tardo pomeriggio. Interessante è prendere parte ad un'escursione in barca per scoprire la magica Grotta di Pandora, che si può raggiungere dalle spiagge di Maiori, Capo d’Orso o Cala Bellavia.

Minori invece, presenta il caratteristico paesaggio della costiera, con piccole stradine che scendono verso la spiaggia, costeggiata in questo caso da un piccolo lungomare. Anche qui la spiaggia è sabbiosa ed il sole è presente tutta la giornata, solo che bisognerà accontentarsi di soli 250 metri di litorale.

Come arrivare a Maiori e Minori

 

Minori e Maiori si trovano a pochissima distanza l'uno dall'altro, poco prima di arrivare ad Amalfi. Per raggiungere questa zona in auto bisogna percorrere l'Autostrada A3, fino all'uscita di Castellammare di Stabia per percorrere percorrete la S.S. 145 che condurrà fino a Maiori e Minori. In alternativa si può prendere l'uscita Angri e proseguire per il Valico di Chiunzi e poi per Maiori.

I collegamenti pubblici sono assicurati dagli autobus e dai traghetti ed aliscafi del Metrò del Mare. La linea Sita, infatti, offre un servizio frequente da Napoli, Sorrento, Amalfi, Vietri e Salerno. Nel periodo estivo inizia il servizio di traghetti ed aliscafi. Dal Molo Beverello ogni 90 minuti parte un metrò del mare che in meno di 1 ora collega il porto principale del capoluogo campano con il porto della piccola cittadina di maiori.

Per chi arriva in aereo, l'aeroporto più vicino è quello di Napoli. Una volta giunti qui, i collegamenti con la costa amalfitana sono molti. Si può scegliere il taxi, dei servizi di navetta o i normali collegamenti con i mezzi pubblici che conducono fino alla stazione di Napoli. Da qui si può prendere l'autobus o la linea del mare che parte dal Molo Beverello.