Sembra un'astronave che si erge sulle montagne innevate, dominando il maestoso paesaggio delle Alpi. I costruttori l'hanno definita "l'ottava meraviglia del mondo". In effetti la nuova funivia del Monte Bianco è un capolavoro di tecnologia e design avveniristico che proietta nel futuro in un batter d'occhio. Questo prodigio hi-tech – chiamato "Skyway" – viaggia a una velocità di 9 metri al secondo, con cabine rotanti per mostrare al pubblico la magnifica visione delle Alpi a 360 gradi. La struttura possiede piloni di sostegno alti fino a 102 metri e una portata oraria di 800 persone sul primo tratto e 600 sul secondo. In soli 19 minuti è in grado di portare da La Palud (1300 mt) ai 3.466 metri di Punta Helbronner, con un cambio alla stazione intermedia del Pavillon a 2.200 metri. Da Punta Helbronner i visitatori – 80 distribuiti su quattro cabine – potranno salire su un'altra funivia, diretta verso Aiguille du Midi (3842 metri) e Chamonix-Mont Blanc (1030 metri) sul versante francese del Monte Bianco.

Un tratto della nuova funivia Skyway.
in foto: Un tratto della nuova funivia Skyway.

Arrivati a Punta Helbronner, una terrazza di 14 metri di diametro permetterà di ammirare lo splendido panorama del Monte Bianco, il Dente del Gigante ma anche le grandi cime della Valle d'Aosta come il Cervino e il Monte Rosa. Si tratta di un viaggio all'insegna dell'accessibilità, perché adesso anche i diversamente abili potranno accedere a Punta Helbronner, dove in caso di necessità la terrazza panoramica si trasforma in elisuperficie. Completano il tutto due ristoranti e una sala conferenze, oltre al locale commerciale della stazione del Pavillon. L'investimento è stato di circa 130 milioni di euro e di quattro anni di lavori. Il 30 maggio è avvenuta la pre-apertura a Courmayeur, ma la cerimonia ufficiale di inaugurazione dovrebbe tenersi tra il 22 e il 26 giugno alla presenza del premier Matteo Renzi. La nuova funivia nasce in sostituzione di quella realizzata tra il 1948 e il 1958, che sarà demolita solo al termine dei lavori.

Il 23 giugno 2015 il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha inaugurato Skyway e ha colto l'occasione per ricordare l'eccellenza italiana, capace di fare grandi opere anche nell'ingegneria, anche se – ha precisato – "spesso ce lo dimentichiamo". Una grandezza che si ricollega a quella di tempi antichi, tanto che questa struttura "mi ricorda i costruttori di cattedrali del Medioevo – ha ribadito il premier – che iniziavano opere che non sarebbero riusciti a finire, era qualcosa che dava senso alla vita".

[Aggiornato il 23 giugno 2015]