27 Agosto 2018
02:07

Sacro Monte di Varallo, un percorso tra arte e fede

Patrimonio dell’Umanità Unesco, il Sacro Monte di Varallo è un gioiello di arte e spiritualità, collocato in un percorso che si snoda nella natura. Il complesso monumentale si propone di narrare la vita di Cristo e della Madonna attraverso 44 cappelle affrescate e decorate con oltre 800 statue.
A cura di Angela Patrono
Sacro Monte di Varallo, Cappella e statua a Gaudenzio Ferrari – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Sacro_Monte_di_Varallo–Cappella_I_e_statua_a_Gaudenzio_Ferrari.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Sacro Monte di Varallo, Cappella e statua a Gaudenzio Ferrari – Foto Wikipedia

Immerso nei boschi della Valsesia, il Sacro Monte di Varallo si erge in tutto il suo mistico splendore: un capolavoro di perizia artigianale e maestria artistica che spicca come una gemma tra le vette alpine. Si tratta del più antico dei Sacri Monti edificato tra Piemonte e Lombardia e, a detta di molti, il più bello. Dotato di vie, piazze e giardini come una vera cittadella fortificata, il Sacro Monte domina il centro storico di Varallo da un promontorio panoramico, dalla cui sommità è possibile spaziare con lo sguardo sulla cittadina, sulla valle sottostante, sul fiume Sesia e perfino su una porzione del Monte Rosa. Insieme agli altri otto Sacri Monti situati tra Piemonte e Lombardia, nel 2003 il luogo è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità UNESCO.

Cappella della Salita al Calvario – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Varallo_Sesia_Sacro_Monte_di_Varallo_018.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Cappella della Salita al Calvario – Foto Wikipedia

L'idea del Sacro Monte venne concepita nel 1481 dal beato Bernardino Caimi, francescano dei Minori Osservanti. Ritornato dalla Terra Santa, dove era stato custode del Santo Sepolcro, il frate decise di riprodurre una Gerusalemme in scala ridotta sulla collina sopra Varallo. L'obiettivo era quello di creare un percorso pedagogico e devozionale in grado di instillare l'amore per le Scritture attraverso il coinvolgimento emotivo.

Fontana in Piazza della Basilica – Foto <a href="https://it.m.wikipedia.org/wiki/File:Sacro_Monte_di_Varallo–La_Fontana_in_piazza_della_Basilica.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Fontana in Piazza della Basilica – Foto Wikimedia Commons

Il complesso è costituito da una basilica e quarantaquattro cappelle che narrano episodi tratti dalle vite di Gesù e della Vergine, dall'Annunciazione all'Assunzione di Maria. La prima cappella, con il peccato di Adamo ed Eva, costituisce una sorta di antefatto. Il luogo ha un impatto emotivo talmente forte che lo scrittore e drammaturgo Giovanni Testori lo definì "gran teatro montano" per l'effetto scenografico delle cappelle, dove la sacra rappresentazione prende vita davanti ai nostri occhi.

Cappella dell’Annunciazione – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Varallo,_Sacra_monte,_Cappella_02–Annunciation_03.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Cappella dell’Annunciazione – Foto Wikimedia Commons

Le cappelle sono popolate da oltre 800 statue in legno e terracotta policroma e presentano affreschi dei maggiori pittori locali, tra cui Gaudenzio Ferrari. L'artista, scultore e architetto valsesiano, grande protagonista del Rinascimento piemontese, prestò la sua opera in ben 8 cappelle, tra cui quelle dell'Annunciazione e della Crocifissione, con esiti di vibrante freschezza e autentica emozione. Gaudenzio Ferrari quest'anno è celebrato con una mostra tra Varallo, Vercelli e Novara, occasione ideale per riscoprire le opere di questo artista piemontese ancora poco conosciuto dal grande pubblico.

Cappella della Crocifissione – Foto <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Varallo,_Sacra_monte,_Cappella_38–Crucifixion_of_Christ_03.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikimedia Commons</a>
Cappella della Crocifissione – Foto Wikimedia Commons

Ogni cappella racconta storie di ordinaria umiltà che si inseriscono alla perfezione nel contesto sacro. I personaggi raffigurati sono estrapolati dal contesto quotidiano e ognuno riveste un ruolo unico e speciale, come un tassello di un infinito mosaico: dalla tenerezza di una mamma col suo bimbo alla robusta schiettezza di un montanaro, passando per lo sguardo curioso di un cagnolino. Gli stessi Cristo e Maria sono ritratti come abitanti del borgo, autentici e alla portata di tutti, celestiali e terreni al tempo stesso. Colpisce la minuzia dei dettagli, l'espressività dei volti, la naturalezza dei gesti. Tutto è come sospeso nel tempo, in una sacralità percepibile nel raccoglimento e nel silenzio.

Gruppo di cappelle all’interno del parco del Sacro Monte di Varallo – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/File:Sacro_Monte_di_Varallo–parco_e_gruppo_cappelle_II–III–IV.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Gruppo di cappelle all’interno del parco del Sacro Monte di Varallo – Foto Wikipedia

È possibile arrivare al Sacro Monte in auto o attraverso un'apposita funivia. Il sentiero pedonale per raggiungere la cittadella è abbastanza agevole, nel giro di una ventina di minuti si arriva subito in vetta. Esiste anche un piccolo percorso per persone disabili. Nel corso dell'anno si tengono visite guidate in orari sia diurni che serali. Il calendario è arricchito da numerosi eventi musicali e letterari che rendono l'atmosfera ancora più suggestiva.

Santa Maria delle Grazie, Varallo – Foto <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_delle_Grazie_(Varallo)#/media/File:Varallo_Sesia_Santa_Maria_delle_Grazie_001.JPG" target="_blank" rel="nofollow noopener">Wikipedia</a>
Santa Maria delle Grazie, Varallo – Foto Wikipedia

Non dimenticate di visitare la deliziosa cittadina di Varallo, che custodisce la Chiesa di Santa Maria delle Grazie affrescata da Gaudenzio Ferrari, la Chiesa di San Marco, la Collegiata di San Gaudenzio e la Basilica dell'Assunta. Fu sempre Gaudenzio Ferrari ad affrescare la Cappella della Madonna di Loreto a Roccapietra, altro gioiello da non perdere.

Cappella della Samaritana al Pozzo – Foto <a href="https://www.flickr.com/photos/andrepax/13879116203/" target="_blank" rel="nofollow noopener">Andrea Passoni</a>
Cappella della Samaritana al Pozzo – Foto Andrea Passoni
Roccapietra, un piccolo gioiello tra arte e leggenda
Roccapietra, un piccolo gioiello tra arte e leggenda
10 curiosità sulla Basilica del Sacro Cuore a Parigi
10 curiosità sulla Basilica del Sacro Cuore a Parigi
Santuario di Mongiovino, dove l'arte parla il linguaggio del sacro
Santuario di Mongiovino, dove l'arte parla il linguaggio del sacro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni