30 Dicembre 2010
12:12

Top 10 dei viaggi più convenienti per il 2011

La Lonely Planet fa la mappa dei dieci luoghi più belli ed economici, da visitare nel 2011: nella lista anche Napoli.
A cura di Danilo Massa

Con un'economia stanca e in una situazione di crisi cronaca viaggiare diventa sempre più difficile. E se il 2010 non ha risposto alla crisi in maniera così positiva come alcuni hanno lasciato intendere, è pur vero che il desiderio di viaggiare resta sempre lo stesso. Anzi, se il viaggio è anche evasione, la crisi forse ne aumenta il desiderio. Ecco che dunque interviene una delle collane più famose al mondo per indicare a tutti gli amanti dei viaggi le mete più convenienti per il 2011. Insomma, un buon modo per avere le idee chiare e darsi il tempo di organizzare un viaggio come si deve in giro per il mondo.

Con grande sorpresa, c'è anche una città italiana nella classifica. Bisogna dunque avvisare che la classifica della Lonely Planet non è un semplice elenco dei posti più economici in senso assoluto, quanto una sintesi tra bellezza ed economicità del luogo.

1. Bangladesh: secondo la nota guida questo paese è "vergognosamente sottovalutato". Qui si può fare di tutto, dagli sport estremi alla visita di luoghi culturali assolutamente unici ed ovviamente spendendo poco o pochissimo. L'importante è sapersi muovere: con meno di un dollaro si può fare una colazione al sacco, una stanza a 10 dollari e una minicrociera di 24 ore sul fiume 15 dollari!

2. Nicaragua: qui, assicura la fonte americana, il viaggiatore può vivere anche con soli 15 dollari al giorno. Ovviamente in questo caso bisogna ridurre al minimo comodità e pretese. Eppure, se chiedete qualcosa in più dalla vostra vacanza, non disperate: i prezzi son comunque bassissimi! Il Nicaragua, come ci si può facilmente attendere da un paese dell'America Latina, offre una intensa vita notturna e di giorno magnifici panorami.

3. Washington D.C.: incredibile, ma vero. La capitale dello stato capitalista per eccellenza è nell'elenco delle mete economiche consigliate per il 2011. Il motivo è presto detto: le principali attrattive della città sono assolutamente gratuite. Insomma, pagatevi vitto e alloggio, ma per girare la città, i suoi edifici e monumenti, non dovrete spendere un solo dollaro. Bisogna solo abbinare un volo low cost!

4. Parigi: potrebbe sembrare provocatoria l'inclusione di Parigi nella top ten. E in parte è vero: la Lonely Planet vuole mostrare cosa fare a Parigi per spendere poco. Basta acquistare una baguette (1 €), un po' di formaggio e prosciutto e girare per la città… certe bellezze non necessitano di ticket di ingresso. La sera, poi, ci si può concedere anche una cenetta in una trattoria a 10 €. Forse qualcosa in più.

5. Namibia: con 50 dollari al giorno si può dormire, mangiare e spostarsi. Tra l'altro la rete interna di minibus è efficiente e i luoghi da visitare sono praticamente infiniti (ed ovviamente economicissimi). Dalla città, Botswana, fino alle riserve interne gli spostamenti risultano essere abbastanza facili e soprattutto economici. Qui l'attrazione principale non possono che essere paesaggi e parchi naturali!

6. Filippine: secondo la Lonely si tratta del luogo che si contende con la Thailandia il primato di terra contemporaneamente economica e con le migliori spiagge. Anche se la Thailandia è più inserita nei flussi turistici di massa, bisogna aggiungere che la possibilità di fare campeggio anche in spiaggia costituisce una libertà che può ulteriormente abbattere i costi di un paese già economico.

7. Argentina: non ci sono dubbi, questa è una terra spettacolare, capace di offrire, in tutta la propria ampiezza, panorami suggestivi per tutti i gusti. E, in aggiunta a ciò, la debolezza della finanza argentina, di cui certamente non c'è nulla di cui rallegrarsi, rende i costi reali ancora bassi. Possiamo apprezzare la movida notturna o le bellezze archittetoniche o gli spettacoli naturali!

8. Napoli: la presenza di una città italiana nella top ten è motivata dalla bellezza del capoluogo partenopeo, dai collegamenti con posti incantevoli come le isole del Golfo e le Costiere amalfitana e sorrentina e dalla possibilità di mangiare pasti completi a prezzi bassissimi. Il grande classico culinario, del resto, è sempre quello più buono ed economico: la pizza!

9.  Ucraina: anche se i costi per una vacanza nell'Europa Orientale sono decisamente in crescita, è pur vero che gli alloggi e trasporti costano ancora poco. Un albergo di media categoria, secondo la Lonely Planet, si attesta sui 50 dollari al giorno, mentre il treno da Kiev a Lviv ne costa meno di 10. Ed ovviamente si tratta di un paese pieno di storia e monumenti che può certamente soddisfare le esigenze del turista in cerca di intrattenimenti culturali.

10. Siria: è stupenda e costa poco. Si mangia il cibo tipico del luogo per pochi spiccioli (e non temete, vi sono cibi anche non agrodolci e per niente speziati) e si possono apprezzare i monumenti cittadini gratuitamente o spendendo pochissimo. Anche la spesa di oggetti domestici, oltre alla gioia di camminare per i suk, può costituire un affare davvero conveniente!

Top 10 Tripadvisor: le destinazioni estive più popolari e convenienti per gli italiani
Top 10 Tripadvisor: le destinazioni estive più popolari e convenienti per gli italiani
12.031 di Travel Fanpage
Le 10 peggiori seccature durante un viaggio in aereo
Le 10 peggiori seccature durante un viaggio in aereo
Le città più convenienti d'Italia: trionfano Sud e isole
Le città più convenienti d'Italia: trionfano Sud e isole
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni