in foto: John Flowler

Dopo aver trascorso l'intero anno a lavoro, appena arrivano le ferie non c'è niente di meglio che far le valige e ritagliarsi un po' di tempo per scappare lontani dal caos. Le zone di montagna in Italia sono un vero paradiso, meravigliose per fare delle lunghe passeggiate in estate ed ideali per chi ama la neve in inverno. In particolare le Dolomiti celano dei paesaggi fiabeschi dove stupirsi ad ogni angolo. Di questa meraviglia fa parte anche il Veneto che offre agli amanti della montagna non solo la zona delle Dolomiti ma anche altri luoghi ad alta quota. Una vacanza in montagna in Veneto è perfetta in ogni periodo dell'anno. Splendidi laghi alpini, rocce secolari, talvolta dalle forme bizzarre, montagne che sembrano nascere da mare: tutto questo rende un viaggio in Veneto ideale per una pausa all'insegna del relax, del benessere, dello sport e del divertimento.

Ma ha il suo punto forte è sopratutto in inverno, nella stagione dei mercatini di Natale, quando è possibile sciare immersi nella magia delle montagne innevate. Si parte dalle morbide Prealpi fino alle incredibili vette delle Dolomiti, per poi passare al versante veronese dove spicca il Monte Baldo e le montagne della Lessinia, su quello vicentino l'Altopiano di Asiago e quello dei Fiorentini. Spostandoci nel trevigiano ecco il Monte Grappa e le Prealpi trevigiane che insieme all'Altopiano del Cansiglio accolgono una delle foreste più vecchie d'Italia. La montagna in Veneto vi conquisterà, non solo per la bellezza, ma anche per le storie legate ai luoghi ed alle tradizioni che ancora vivono che renderanno una vacanza indimenticabile.

Le Dolomiti Venete
L'Altopiano di Asiago
Lessinia e Monte Baldo
La montagna vicentina

Le Dolomiti Venete.

Giuseppe Milo
in foto: Giuseppe Milo

Alcune delle cime più belle del mondo si trovano qui tra le vette delle Dolomiti Venete. Queste montagne incantate sorgono nella provincia di Belluno e la loro bellezza è chiara a tutti, infatti, nel 2009 sono state dichiarate Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco. Le Dolomiti Venete sono il paradiso degli sciatori con oltre 150 gli impianti di risalita, più di 450 chilometri di piste e ben 29 scuole di sci.

Cortina D'Ampezzo è la regina incontrastata delle Dolomiti ed è una delle mete invernali più prestigiose d'Europa. Cortina offre degli scenari incantati, con le alte vette che avvolgono la zona regalando un panorama montano difficile da ammirare altrove. Meta ideale per chi ama sciare con i suoi 140 chilometri di piste, con oltre trenta impianti di risalita, che fanno parte dell'enorme comprensorio di Dolomiti Superski, che abbraccia tutta la catena montuosa tra le provincie di Trento, Bolzano, Belluno. Nella zona di Cortina le piste del Faloria sono famose tra chi è appassionato di slalom per le condizioni ottime della neve, mentre gli anelli di Fiames sono il circuito più ricercato per chi pratica lo sci di fondo, con un panorama mozzafiato e piste sempre molto curate. Anche gli amanti dello snowboard troveranno a Cortina pane per i loro denti: oltre alle piste potranno divertirsi con le strutture dello snowpark nel canalone Franchetti. La città stessa di Cortina d'Ampezzo è un piccolo gioiello tutto da visitare. A partire dalle chiese, molto numerose ed affascinanti, tra cui la Madonna della Difesa, la Santissima Trinità, San Rocco e una piccola cappella, la Chiesetta di San Francesco, risalente al Trecento e rimasta praticamente immutata nei secoli. Non ci sono solo le chiese, però, a farla da padrone tra i monumenti di interesse storico: il Forte Tre Sassi, il Castello di Botestagno e il Castello de Zanna sono splendidi esempi di architettura militare da visitare all'interno della città.

Alleghe si trova sul Monte Civetta ed è in una posizione spettacolare a picco sulla parete nord dell'altura. Proprio su questo versante si trova la "parete delle pareti", il regno degli alpinisti. E' una cascata verticale di roccia che compie un balzo di oltre un chilometro di altezza ed un fronte di circa 4.000 metri. La zona è attraversata da alcune vie famose ed impegnative che richiamano numerosi appassionati di montagna. Se d'estate Alleghe è il regno degli alpinisti e degli amanti del trekking, in inverno arrivano gli appassionati della neve che qui trovano il Comprensorio Sciistico del Civetta, con una offerta di quasi 100 chilometri di piste. Infine, il Lago di Alleghe è una forte attrazione per il turismo di montagna e sulla sua superficie ghiacciata si può pattinare.

Arabba è situata ai piedi del Gruppo del Sella a 1602 metri di altitudine. E' un'ottima meta per delle rilassanti vacanze in montagna in Italia, dove si trova una dei maggiori comprensori sciistici, in inverno, innumerevoli passeggiate, percorsi automobilistici o in bicicletta, in estate. Se siete amanti della neve da provare assolutamente è la discesa dell'Armentarola, poichè conduce in un territorio incontaminato, dove contemplare dei panorami unici sulle dolomiti, senza però dimenticare che si tratta di una pista come rossa. Ma Arabba non è solo neve e passeggiate, infatti, nel piccolo centro si possono ammirare la chiesa parrocchiale dedicata a San Pietro e Paolo, il sacrario militare situato al Passo Pordoi, il museo Ladino di Livinallongo e le numerose chiesette e cappelle disseminate lungo la vallata.

Auronzo e Misurina sono i centri turistici più attivi della regione storica del Cadore. Auronzo, si trova proprio accanto alle vette più alte delle Dolomiti ed a pochi passi da Cortina. E' famosa per i suoi panorami spettacolari, per i boschi e per le Tre cime di Lavaredo che fanno da cornice al borgo. Auronzo è una località molto visitata sia in estate che inverno, quando i comprensori sciistici si animano. Auronzo offre impianti di risalita che si inerpicano fino alla quota di 1585 metri sulle pendici orientali del monte Agudo, da dove il panorama è splendido. Il lago di Misurina è uno dei motivi per cui la frazione di Auronzo è così frequentata. Dal lago partono numerosi sentieri e strade che portano ai massicci montuosi, ed al vicino lago d'Antorno. Durante l'inverno il lago si ghiaccia e ci si può camminare come pattinare, e vengono spesso organizzate partite di polo su ghiaccio. Particolare anche la leggenda legata alle origini del lago: si narra che nell'antichità il re Sorapiss per accontentare la figlia Misurina, viziata ma alla quale voleva un mondo di bene, chiese a una fata che viveva sul monte Cristallo di regalarle uno specchio magico che permetteva di leggere i pensieri altrui. Questa, dopo tante insistenze, acconsentì solo a patto che il re si facesse trasformare in una montagna per proteggere i suoi fiori dal sole. Sorapiss, trasformandosi, fece precipitare la figlia dalle sue stesse vette. Vedendola cadere cominciò a versare lacrime per la sua morte, le quali si raccolsero nel lago che prese il nome della figlia.

Zoldo Alto, è la zona più selvaggia delle Dolomiti Venete, fatta di panorami innevati e vedute verdeggianti che tolgono il fiato. Zoldo alto è racchiuso tra i massicci del Pelmo e del Civetta, ed è un punto di accesso privilegiato per il comprensorio sciistico Ski Civetta, un vero e proprio paradiso per gli amanti degli sport invernali. Qui è diffuso soprattutto lo sci di fondo, che si può praticare anche di notte grazie a due chilometri di pista illuminati, splendidi e ancora più suggestivi quando sono vegliati dalla luna piena. In estate la neve lascia spazio ad una variegata vegetazione che colora la montagna.

Il Marmolada è un massiccio molto noto agli sciatori di tutti i livelli ed è un importante punto di collegamento con gli impianti sciistici di un enorme carosello il Superski Dolomiti. Sorge tra le province di Belluno e Trento ed il più alto delle Dolomiti oltre che del Veneto. La vetta più alta si trova a 3342 metri sopra il livello del mare e l'intero complesso è ricco di chilometri di piste perfettamente innevate. Ai piedi della Marmolada Arabba e Malga Ciapela possono rappresentare il punto di arrivo e di partenza del Sellaronda, noto carosello sciistico delle Dolomiti. Gli impianti di risalita sono 28, le piste per la discesa 51 per un totale di 89 chilometri.

L'Altopiano di Asiago.

iv78x
in foto: iv78x

Asiago ed il suo Altopiano è un altro luogo ideale dove trascorrere delle piacevoli vacanze in montagna in Veneto. L'Altopiano, che comprende i comuni di Asiago, Conco, Enego, Foza, Gallio, Lusiana, Roana e Rotzo, offre un'atmosfera incantevole, ricoperta da una verde natura d'estate e da una soffice neve in inverno. L'altopiano di Asiago è da tutti considerato il regno dello sci nordico, con oltre 500 chilometri di percorsi che si inerpicano tra boschi incantati, nei quali sciare a contatto con la natura incontaminata. La stessa esperienza si può vivere con le ciaspole ai piedi. Inoltre ci sono anche piste di pattinaggio, dove ci si può divertire baciati dal sole e respirando l'aria purissima dell'Altopiano. Per gli sportivi più esigenti, il palaghiaccio di Asiago "Pala Hodegart" è il luogo ideale dove allenarsi, imparare, ma anche assistere alle emozionanti partite di hockey su ghiaccio o alle numerose esibizioni di pattinaggio artistico.

Roana, è uno dei centri sciistici e turistici dell’Altopiano dei Sette Comuni. Grazie alla sua vicinanza con la pianura è una meta frequentata durante tutto l'anno, sia per gli sport invernali che per quelli estivi e, inoltre, anche per le testimoniante storiche legate alla Grande Guerra, come il forte Verena che sorge sulla vetta dell'omonima montagna.

Lessinia e Monte Baldo.

Flickr
in foto: Flickr

Questa zona di montagna del Veneto si trova nelle Prealpi, situata per la maggior parte nella provincia di Verona e, solo parzialmente, in quelle di Vicenza e di Trento. La bellezza è leggendaria, panorami unici da vivere soprattutto nei mesi invernali, infatti, è uno dei luoghi più amati dove sciare in Italia.

In Lessinia, per gli appassionati dello sci nordico sono a disposizione circa 80 chilometri di piste dislocate nel comprensorio di Malga San Giorgio e Conca dei Parpari. La più affascinate è la Translessinia, un percorso che si snoda per circa venti chilometri dalla località sciistica di San Giorgio a Passo Fittanze. A San Giorgio di Bosco Chiesanuova si pratica lo sci alpino, mentre nel moderno Palaghiaccio si possono trascorrere piacevoli giornate scivolando sulle lame dei pattini.

Monte Baldo è poco distante da Lessinia, ed è reso unico dalla presenza del meraviglioso Lago di Garda. Le montagne si specchiano nell'acqua creando un effetto mozzafiato. Inoltre qui si trova una delle funivie più spettacolari del mondo, la Malcesine-Monte Baldo. La sua particolarità è che le cabine sono interamente rotanti e compiono un giro di 360° su se stesse permettendo ai passeggeri di avere una visione totale del panorama.

La montagna vicentina.

Flickr
in foto: Flickr

Spostandoci sul versante vicentino, si trovano dei piccoli paesi che sono il luogo giusto per chi cerca il relax, ma anche per chi ama le atmosfere invernali e non riesce a far a meno di sci e neve.

Tonezza del Cimone, è una località molto tranquilla adagiata su un'altura dalla quale partono dei percorsi da fare con gli sci che si snodano tra paesaggi incantevoli. Per chi ama lo sci nordico dalla località Pontara parte l'omonimo tracciato che si sviluppa in due separati anelli di diversa difficoltà, uno più semplice che si snoda tra gli alberi della Valle dei Ciliegi ed un secondo che attraversa fitti boschi. Questo itinerario in estate si trasforma nel percorso didattico-naturalistico Excalibur. Nelle vicinanze si trova l'Altopiano dei Fiorentini che offre ben cinque piste da discesa e comprende anche uno snow park dedicato a chi si diletta nelle acrobazie con la tavola.

Recoaro Terme, è il luogo ideale per chi cerca la quiete ed il relax. La località, situata ai piedi delle Piccole Dolomiti è celebre per per le acque curative. Oltre a rilassarsi in questa zona si possono anche praticare i classici sport invernali, infatti, spostandosi a Recoaro Mille si trovano impianti di risalita e piste da discesa adatte a tutti. Sulle montagne recoaresi, non manca anche la possibilità di uscire dai tracciati più frequentati e scoprire la magia del paesaggio incontaminato.