Santa Maria Maggiore è un piccolo ma accogliente paese dai tetti di pietra, conosciuto per le sue tradizioni, le persone cortesi ed il buon cibo. Considerata una delle principali località montane piemontesi questo borgo è rinomato anche per gli eventi che ogni anno ospita, per la sua posizione molto vicino alla Svizzera, al Lago Maggiore, perché sede di due importanti strutture museali e di numerosi edifici d'interesse artistico e storico.

Come arrivare a Santa Maria Maggiore
Il Museo dello Spazzacamino e la storia di Faustino Cappini
La Pinacoteca: Scuola di belle arti Rossetti Valentini
Passeggiando per Santa Maria Maggiore, attenzione ai dettagli
Cosa fare a Santa Maria Maggiore
Gli eventi da non perdere

Vigezzina / Centovalli [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]
in foto: Vigezzina / Centovalli [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]

Come arrivare a Santa Maria Maggiore

Santa maria Maggiore è raggiungibile in auto o in treno grazie ad un collegamento Domodossola/Locarno effettuato quotidianamente dalla linea ferroviaria Vigezzina/Centovalli. Durante il #fanpagetour appena trascorso ho avuto modo di prendere più volte questo mezzo di trasporto rimanendo piacevolmente stupita non solo dai panorami mozzafiato che il tragitto offre e dalla puntualità svizzera dei macchinisti nel rispettare gli orari ma anche dalla cordialità dei dipendenti che, durante il percorso, dopo aver svolto il loro lavoro, si soffermano a parlare con te delle attrazioni della valle.

Il Museo dello Spazzacamino e la storia di Faustino Cappini

Museo dello spazzacamino [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]
in foto: Museo dello spazzacamino [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]

I vigezzini sono famosi per essere stati un popolo di spazzacamini che, fin dai tempi più antichi, si spostavano in Italia ed in Europa alla ricerca di lavoro e di fortuna. Un museo dedicato a questo antico mestiere, l’unico in Italia, ha sede proprio a Villa Antonia, un bellissimo stabile situato nel piccolo centro di Santa Maria Maggiore. Inizialmente nato per ricordare lo sfruttamento dei bambini che fino alla prima metà del ‘900 erano costretti a lavorare in condizioni orribili, malnutriti e vestiti di stracci, oggi raccoglie molte testimonianze di questo lavoro fortunatamente rivalutato e ora molto tutelato. Qui sono conservate le divise, di varie epoche, indossate da generazioni di spazzacamini, gli attrezzi del mestiere come il riccio e la spatola, biciclette. Molti sono i racconti di povertà e solitudine che, tramite un suggestivo  percorso multimediale, accompagnano il visitatore alla scoperta di retroscena e tristi storie come quella di Faustino Cappini, diventato il simbolo di tutti gli spazzacamini. Ogni bambino, spesso venduto dalla propria famiglia per non avere una bocca in più da sfamare, dopo aver effettuato la pulizia della canna fumaria e per dimostrare al padrone di aver compiuto il lavoro, era obbligato a tirare fuori la mano dal comignolo gridando “spazzacamino”. Era il 1931 quando questo gesto costò la vita a Faustino, rimasto folgorato dai fili dell’alta tensione che correvano vicino al camino appena ripulito.

La Pinacoteca: Scuola di belle arti Rossetti Valentini

Scuola di belle arti Rossetti Valentini [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]
in foto: Scuola di belle arti Rossetti Valentini [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]

La Val Vigezzo non è rinomata solo per le sue storie di emigrazione legate al mestiere dello spazzacamino ma è conosciuta anche come la Valle degli Artisti. Era il 1400 /1500 circa quando alcuni pittori furono incaricati di adornare, con i loro dipinti, chiese e case del circondario. Sulla scia di questa novità nacquero diverse scuole di pittura, Santa Maria Maggiore ospita la prima, storica accademia creata da Giovanni Maria Rossetti Valentini. Aperta al pubblico per visite guidate offre corsi a pagamento dedicati a disegno, pittura con acquerello e intaglio del legno. Situata non distante dal centro del paese, oltre ad un'esposizione permanete di quadri improntata su ritratti, paesaggi ed un laboratorio dove gli studenti realizzano veri e propri piccoli capolavori, l’accademia organizza periodicamente anche interessanti concerti da camera. Per ribadire questo legame che la valle ha con l’arte, da quest'anno, in maggio, è stata lanciata una nuova interessante manifestazione: Mon Martre in Val Vigezzo. Le strade di Santa Maria Maggiore sono state il palcoscenico di tanti artisti e pittori che, giunti da varie parti d’Italia, armati di cavalletti, tele e tempere hanno dipinto le bellezze di questa ridente cittadina.

Passeggiando per Santa Maria Maggiore, attenzione ai dettagli

Passeggiando per Santa Maria Maggiore [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]
in foto: Passeggiando per Santa Maria Maggiore [@Fanpage.it/Ilaria Vangi]

Grazie alla loro architettura lineare, ai dipinti votivi e non che spesso le adornano (alcuni risalenti anche al 1400) ed ai tetti caratteristici, le case della piccola cittadina immersa nel cuore della Val Vigezzo vi rimarranno sicuramente nel cuore. Il Vecchio Municipio, la chiesa, la vecchia sede della corte di giustizia e poi le ville fatte erigere da chi ha trovato fortuna all’estero, ogni particolarità, ogni angolo, ogni pianta sembra far parte di un dipinto sapientemente studiato. Curiosità: in località Crana (frazione di Santa Maria Maggiore) nel 1666 nacque Giovanni Paolo Femminis, l'inventore della famosa Acqua di Colonia.  

Cosa fare a Santa Maria Maggiore

In molti scelgono di trascorrere le vacanze in montagna per disintossicarsi dalla città, rifugiarsi in piccole e caratteristiche baite, in campeggi immersi nel verde, per dedicarsi a lunghe passeggiate a piedi, in bici, a cavallo e magari, giocare anche a golf. Per gli appassionati di equitazione la cascina La Presacia realizza escursioni dedicate a grandi e piccini, ad esperti e meno esperti. Qui lavora Maurizio, un vero amante dei cavalli che, grazie alla sua capacità di “sussurratore” ha salvato dal macello Lola, una dolce cavallina esuberante di 20 anni. Per gli amanti del golf, invece, i campi del Santa Maria Golf Club (sfruttati durante l’inverno come piste da sci) offrono 9 buche immerse nel bosco, una posizione strategica dove, tra un par e l’altro, non è raro trovare qualche bel fungo porcino. Per i fanatici degli sport estremi, in località Crana, si erge fiero il monte Scheggia. Punta rocciosa, imponente, oltre ad essere meta di free climber da il nome ad uno dei due alberghi in cui ho soggiornato durante il #fanpagetour, l’hotel Scheggia, appunto! Consultando il sito dedicato a Santa Maria Maggiore potrete trovare tante altre informazioni utili che renderanno indimenticabile la vostra vacanza.

Eventi da non perdere: il raduno degli spazzacamini e il mercatino di Natale

 

Il raduno internazionale degli spazzacamini: ogni primo fine settimana di settembre l’associazione nazionale degli spazzacamini, in collaborazione con il comune e la pro loco, organizza quello che senza dubbio si può definire il tributo più importante alla valle che ha visto nascere questo mestiere. Durante questo breve periodo di tre giorni sono attesi a Santa Maria Maggiore circa mille addetti ai lavori che, vestiti in tema, partecipano a balli, sfilate e rievocazioni storiche. A fianco della pacifica invasioni di “uomini neri”, provenienti davvero da ogni parte del mondo, si ha la presenza massiccia di tanti turisti e curiosi che accorrono per assistere a questa simpatica manifestazione.

Raduno internazionale degli spazzacamini [Ufficio stampa Santa Maria Maggiore].
in foto: Raduno internazionale degli spazzacamini [Ufficio stampa Santa Maria Maggiore].

Mercatini di Natale: realizzati solitamente durante i giorni della festa dell’Immacolata Concezione (quest'anno dal 6 all'8 dicembre 2015), i mercatini di Santa Maria Maggiore sono certamente uno degli eventi più importanti legati alle festività natalizie. Trovare un albergo libero, non solo in città, ma anche nelle immediate vicinanze potrebbe risultare un’ardua impresa fin da adesso, non esagero dicendo che il Miramonti (il primo hotel in cui ho soggiornato) risulta già tutto esaurito per questo evento!