1.092 CONDIVISIONI
24 Agosto 2019
16:46

Castello di Fénis, un gioiello medievale immerso nella bellezza

Monumento simbolo della Valle d’Aosta, il Castello di Fénis è un gioiello che incanta per la sua architettura scenografica e i suoi splendidi affreschi. Dimora signorile della famiglia Challant, si tratta di uno dei castelli medievali meglio conservati d’Italia. Ecco perché visitare questa meraviglia.
A cura di Angela Patrono
1.092 CONDIVISIONI
Castello di Fénis – Foto Wikimedia Commons
Castello di Fénis – Foto Wikimedia Commons

Passare le vacanze in montagna in Valle d'Aosta è un modo per immergersi nella natura più incontaminata, ma anche per ammirare numerose testimonianze del passato, come gli antichi castelli disseminati sul territorio. Tra questi, il più celebre e importante è il Castello di Fénis. Ad appena un'ora da Torino, questo edificio fiabesco è uno dei castelli medievali meglio conservati d'Italia. La fortezza è stata per secoli la residenza signorile della famiglia Challant-Fénis. Il castello è situato in un punto privo di difese naturali; benché non sia stato concepito con funzioni difensive, presenta comunque una doppia cinta muraria merlata e numerose torri che gli regalano un fascino magico e senza tempo.

Castello di Fénis – Foto Wikipedia
Castello di Fénis – Foto Wikipedia

Il maniero venne realizzato in più fasi  tra il 1320 e il 1420 circa, ma i lavori ebbero un impulso fondamentale nel XIV secolo sotto la guida di Aimone de Challant, seguito poi da suo figlio Bonifacio, Maresciallo di Savoia, nei primi decenni del Quattrocento. La dimora rimase di proprietà dei Signori di Challant fino al 1716; tuttavia, nei secoli era già iniziato un lento declino che finì per ridurre la fortezza ad abitazione rurale. Fu nel XIX secolo che le sorti del castello vennero risollevate. Nel 1895 il Soprintendente Alfredo di Andrade ne avviò i restauri e lo donò allo Stato. Oggi il Castello di Fénis è tra i monumenti più visitati in Valle d'Aosta con circa 80.000 presenze all'anno.

Veduta interna del Castello di Fénis con gli affreschi – Foto Wikimedia Commons
Veduta interna del Castello di Fénis con gli affreschi – Foto Wikimedia Commons

Attraverso una visita guidata, potrete addentrarvi nelle sale del castello e percorrere scaloni monumentali, per soffermarvi davanti a meraviglie come il camino più alto d'Europa, o capolavori come gli affreschi quattrocenteschi, realizzati nel 1416 dalla bottega del pittore piemontese Giacomo Jaquerio nel cortile e nella cappella del castello. Tra le decorazioni pittoriche del cortile spicca l'affresco con San Giorgio e il Drago. Nella Cappella, uno degli ambienti più suggestivi del castello, troviamo l'affresco con la Madonna della Misericordia. Ai piedi della Vergine, che copre i fedeli con il suo mantello, possiamo riconoscere varie figure dell'epoca, come il papa e l'imperatore ma anche alcuni membri della famiglia Challant, come il committente Bonifacio e suo fratello insieme alla giovane moglie.

Affresco con la Madonna della Misericordia – Foto Wikipedia
Affresco con la Madonna della Misericordia – Foto Wikipedia

Alcune curiosità: nel 1985 sono stati girati nel maniero gli esterni del film Fracchia contro Dracula di Neri Parenti. Nel 2006, invece, il castello è stato usato come ambientazione per alcune scene della miniserie televisiva La Freccia Nera. Nei dintorni non perdete un altro luogo di interesse, il MAV, Museo dell'artigianato valdostano di tradizione: si trova a Villa Montana, a breve distanza dal castello.

Ingresso del Castello di Fénis – Foto Wikipedia
Ingresso del Castello di Fénis – Foto Wikipedia
1.092 CONDIVISIONI
Montalcino: un viaggio tra vino e fascino medievale
Montalcino: un viaggio tra vino e fascino medievale
Zavattarello: borgo medievale incastonato tra le montagne
Zavattarello: borgo medievale incastonato tra le montagne
Atmosfere di altri tempi nel borgo di Millesimo
Atmosfere di altri tempi nel borgo di Millesimo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni