Sulla costa dell'Adriatico spicca una delle più importanti città in provincia di Bari: è Molfetta, un comune di 60.000 abitanti che fa quasi concorrenza al capoluogo per la varietà delle sue attrattive turistiche. Parlare di cosa vedere a Molfetta significa apprezzare il suo magico borgo antico, l'atmosfera marittima che si respira a ogni angolo e la sua natura incontaminata. A Molfetta c'è tutto ciò che serve per una vacanza al mare in Puglia: spiagge attrezzate, clima mite, grande possibilità di movimento. E anche gli amanti dello shopping e del divertimento saranno accontentati! Ecco cosa vedere a Molfetta senza perdersi neppure un briciolo delle sue attrazioni.

Storia di Molfetta
Spiagge a Molfetta
Cosa vedere e cosa fare a Molfetta
Mappa di Molfetta e come arrivare
Dove dormire a Molfetta: i prezzi

Storia di Molfetta

Duomo di San Corrado (Foto di Pramzan)
in foto: Duomo di San Corrado (Foto di Pramzan)

Il territorio di Molfetta ha origini antichissime, che si perdono nell'alba dei tempi. La città è infatti abitata fin dal Neolitico. Sono state ritrovate tracce di necropoli e capanne dell'età preistorica nella zona del Pulo, che dimostra la presenza di insediamenti umani tra il VI e il III millennio a.C. Fondata dagli Illiri, Molfetta fu poi colonizzata dai Greci, e sotto i Romani divenne una civitas autonoma e indipendente. Passò in seguito sotto il dominio di numerosi conquistatori: normanni, svevi, angioini, aragonesi e spagnoli, oltre a numerose famiglie nobiliari. Durante il Medioevo la città divenne un porto fiorente: questo le consentì di essere al centro di scambi commerciali con le Repubbliche marinare e con la Grecia. Dall'XI secolo Molfetta è anche sede vescovile, ruolo che le ha sempre garantito un grande prestigio rispetto ad altri centri pugliesi.

Spiagge a Molfetta

Foto di Cinzia
in foto: Foto di Cinzia

Le spiagge a Molfetta non saranno rinomate come quelle di altri luoghi di vacanze in Puglia, ma sono comunque ideali per prendere il sole in un ambiente rilassante e attrezzato con tutti i comfort. Ne sono un esempio i lidi più famosi sulla costa molfettese: Lido Belvedere, Spiaggia Prima Cala, Lido Scoglio d'Inghilterra. Uno dei più belli, dal mare limpido e pulito, è il Villaggio Lido Nettuno, situato nell'Oasi naturale di Torre Calderina, dove diverse specie di flora e fauna coesistono in un habitat sicuro e protetto. Se si è fortunati, è possibile avvistare perfino gruppi di delfini nell'acqua antistante l'oasi! Varie associazioni ambientali sono in prima linea per tutelare il delicato ecosistema del territorio, e nel miniclub del Lido Nettuno si organizzano laboratori di riciclo creativo per i più piccoli, incentivando così le vacanze al mare con bambini. La spiaggia propone un'infinità di iniziative per grandi e piccini: aerobica, beach volley, piscina, scivolo. Infine, il Lido Algamarina organizza attività come corsi di yoga e zumba, ed è dotato di piscina e attrezzature sportive.

Il litorale di Molfetta è quasi interamente privatizzato. Sono davvero poche le spiagge libere a Molfetta, che presentano ciottoli e ampie zone di scogliera, ottime per il relax ma non esattamente adatte ai bambini. Tuttavia il Comune si è fatto portavoce di iniziative originali: a Cala San Giacomo nascerà presto la prima spiaggia per cani a Molfetta, nonché prima dog beach in provincia di Bari. Una mossa, questa, che denota un'attenzione particolare per gli amici a quattro zampe: c'è una costante sensibilizzazione sul tema delle spiagge per cani in Italia, e quella di Molfetta è una vittoria non da poco.

Cosa vedere e cosa fare a Molfetta

Torrione Passari (Foto di Cinzia)
in foto: Torrione Passari (Foto di Cinzia)

Cosa vedere a Molfetta? La città è un vero scrigno a cielo aperto che racchiude numerose attrattive tutte da scoprire. Una su tutte, il centro storico di Molfetta, unico in tutta Italia poiché presenta il caratteristico impianto a spina di pesce, tipico dell'età normanna. La fisionomia del borgo antico si colora di sfumature suggestive nel riflesso della luna sul mare, o nelle creazioni delle botteghe artigianali dove il tempo sembra essersi fermato.

Visitare Molfetta significa restare a bocca aperta nell'ammirare il Torrione Passari, costruito nel mare, o il faro più antico della Puglia. Le vere protagoniste del centro storico di Molfetta, però, sono le chiese. Un capolavoro imperdibile è il Duomo di Molfetta, simbolo indiscusso della città. Non ci sono parole per descrivere questo gioiello, la più grande chiesa romanica pugliese a cupole in asse, coronata da due torri campanarie. Il Duomo è dedicato a San Corrado ed è stato edificato tra il XII e il XIII secolo. La sua facciata principale è rimasta incompiuta, ma trasmette un senso di solennità e imponenza con la sua pietra bianca, le bellissime torri e il panorama sul mare. La facciata che volge a Mezzogiorno invece è riccamente decorata, con le statue di San Corrado e San Nicola. Insomma, una bellezza che si nutre di contrasti e risulta ancora più intrigante. Il suo fascino è ancora più intenso con i colori del tramonto, sia in estate che in inverno.  Una curiosità: il Duomo custodisce un'acquasantiera raffigurante un saraceno che tiene un bacile in cui nuota un pesce, simbolo cristiano.

Duomo di San Corrado (Foto di don Tommaso)
in foto: Duomo di San Corrado (Foto di don Tommaso)

Sulla sponda opposta del porto, alle spalle del Duomo, è possibile scorgere un'altra splendida chiesa, la Basilica della Madonna dei Martiri che ospita interessanti attrattive come il Presepe permanente, il Museo della pietà popolare e l'Ospedale dei Crociati risalente all'XI secolo. Da non perdere, inoltre, la Cattedrale barocca dell'Assunta e le chiese di San Pietro, Santo Stefano, del Purgatorio e di S. Domenico, che ospita alcune tele di Corrado Giaquinto. Molto interessante è anche il Calvario, un tempietto neogotico di forma ottagonale che si slancia verso l'alto su tre piani. Alle spalle della costruzione c'è la chiesa di San Bernardino. Interessante è anche il palazzo vescovile dove si ospita il museo diocesano.

La relazione millenaria tra Molfetta e il mare è un innegabile punto di forza della città. È un'esperienza magnifica passeggiare a Molfetta di sera, scorgendo il luccichio del mare nel porto popolato di pescherecci. Tra le mille opportunità di cosa vedere a Molfetta c'è una chicca da non perdere, il Museo Etnografico del Mare, dedicato proprio all'attività di pesca che da sempre è stata fonte di sostentamento per i molfettesi. Questa Mostra Permanente si trova nei locali della Fabbrica di San Domenico e sorprende per le numerose testimonianze sull'attività dei pescatori molfettesi che vanno dai cimeli antichi all'evoluzione delle tecniche nel corso dei secoli.

La storia antichissima di Molfetta, occupata fin dal Neolitico, trova conferma nel grande sito archeologico a soli 2 km dal centro urbano. Si tratta del Pulo, una dolina, ossia una valle carsica, dalle pareti puntellate di grotte e sentieri scoscesi. Qui sono stati trovati numerosi reperti risalenti al Neolitico, come insediamenti di capanne, vasi e strumenti rudimentali. La zona è da vedere anche per il suo valore naturalistico, in quanto ospita più di 150 specie vegetali. Ma non finisce qui: sulla strada provinciale per Ruvo c'è l'Area dei Dinosauri di Molfetta, dove sono state ritrovate diverse orme dei giganti preistorici.

Ingresso di Miragica (Foto di Iceyes)
in foto: Ingresso di Miragica (Foto di Iceyes)

Molfetta non è solo storia è cultura: è anche svago e divertimento. Se state pensando a cosa fare a Molfetta, la scelta è molto ampia, sia che siate in coppia, in comitiva o in famiglia con bambini. Per passare una serata speciale, i ristoranti di Molfetta offrono il meglio dell'enogastronomia pugliese con prodotti a base di pesce fresco. Siete amanti dello shopping? Fate un salto all'Outlet Village di Molfetta, che ospita 400 negozi con le migliori griffe: un vero fashion district dove è piacevole smarrirsi. Se amate l'adrenalina pura visitate Miragica, il parco divertimenti di Molfetta con tante attrazioni per grandi e piccini.

La distanza tra Molfetta e Bari è di circa 25 km. La città di Molfetta si trova in posizione strategica ed è l'ideale per visitare Bari o fare escursioni nelle zone limitrofe. A 9 km sulla costa nord troviamo un'altra interessante cittadina sul mare come Bisceglie, mentre a circa mezz'ora di distanza si possono raggiungere splendide località come Barletta e Trani. Sempre a una trentina di minuti troviamo luoghi dell'entroterra come Andria, Corato e Ruvo con la sua meravigliosa cattedrale.

Mappa di Molfetta e come arrivare

Un modo semplice ed economico di arrivare a Molfetta da Roma, Pescara, Ancona o dalla Campania, è prendere un treno diretto Intercity. In alternativa, è possibile scendere alle stazioni di Bari o Barletta e prendere un treno regionale che parte ogni 30 minuti circa. In auto bisogna entrare in A14/E55 e in seguito imboccare la SP112 e la SS16bis. Come arrivare a Molfetta da Cosenza, invece? Bisogna imboccare la SS19 ed entrare in A3/E45, uscendo sulla SS534 e imboccando la SS106dir, continuando sulla SS7. In seguito basta prendere la SP112 e la SS16bis. Se pensate di arrivare a Molfetta in aereo, il principale aeroporto, il Karol Wojtyla di Bari, è a 22 km di distanza.

Dove dormire a Molfetta: i prezzi

Foto di Daniele Testa
in foto: Foto di Daniele Testa

A Molfetta ci sono molte strutture, spesso situate in posizione strategica, nei pressi del centro storico, dove dormire in tutta serenità. Alcuni b&b sono vista mare e consentono di godere di un panorama stupendo, ma anche di sapere in maniera approfondita cosa vedere a Molfetta. Il prezzo per notte in doppia in un hotel 3 stelle è intorno ai 90 euro, mentre in un b&b le tariffe per una matrimoniale variano dai 45 agli 80 euro. In agriturismo si può arrivare a spendere soli 40 euro a persona in doppia con formula b&b, mentre siamo sui 60 euro se si preferisce la mezza pensione.

Hotel a Molfetta

B&B a Molfetta

Agriturismi a Molfetta

(La foto in apertura è di Daniele Testa)