modica

[Modica, foto di Ilaria]

Tante sagre e feste animano le piazze di molte località italiane, che nel mese di marzo iniziano a colorarsi per l'arrivo della Primavera. Nel secondo week end di Marzo sono tante le occasioni per conoscere meglio ciò che ci circonda e per scoprire specialità tipiche della gastronomia italiana. Nelle piazze dei paesi, nelle strette vie degli antichi borghi sorseggerete ottimi vini e scoprirete il sapore dei genuini prodotti della terra. Ma non solo: alcune sagre saranno un'occasione per fare un salto indietro nel tempo. In un attimo vi ritroverete ad assistere a tornei cavallereschi, a passeggiare con dame e cavalieri in costumi d'epoca e a riscoprire il gusto di antichi sapori in piatti tipici del passato.

FRANCE-PEOPLE-CHOCOLATE-FAIR

Choccobarocco, Modica – (dal 7 al 10 Marzo) Un grande evento dedicato al cioccolato , con tanti appuntamenti eno gastronomici e culturali. Il centro storico di Modica, con le sue architetture ed il suo fascino barocco, sarà invaso da stand e tante attrazioni dolci. Il tema centrale è la degustazione del cioccolato, in tutte le sue form, accompagnata dalla lavorazione dal vivo del prodotto nelle botteghe artigiane dove, grazie ad un mattarello in pietra, viene sciolta la massa di cacao a bassa temperatura prima di essere sistemata, dopo aver aggiunto lo zucchero e le spezie, nei classici contenitori di alluminio per la battitura prima del confezionamento. Il Chocobarocco di Modica è uno degli eventi più golosi e interessanti d'Italia. Il programma è stato esposto a ottobre, durante l'Eurochocolate di Perugia, e la manifestazione avrà inizio il 7 marzo e si protrarrà fino al 10 marzo.

Antica Fiera di San Gregorio, Morciano – (dal 9 al 17 Marzo) Si tratta di una mostra mercato, durante la quale per una settimana si riscoprono le tradizioni rurali del territorio romagnolo, la cultura locale, attraverso esposizioni, eventi, mostre mercato, enogastronomia, degustazioni. Come tantissimi anni fa, anche oggi nei giorni della festa di San Gregorio, in paese si tiene una grande mostra mercato agricola, con attrezzature, bestiame, articoli e prodotti per l'allevamento, animali da cortile, specialità eno gastronomiche come il pecorino, il vino, l'olio extravergine di oliva.

monte san vito

[Monte San Vito, foto di Luca Boldrini]

Sagra del carciofo, Uri – (dal 9 al 10 Marzo) Ogni anno, la seconda domenica di Marzo, si tiene la Sagra del Carciofo di Uri, in provincia di Sassari. Il carciofo di Uri, con marchio Dop ottenuto dall'Unione Europea, viene presentato in questa Sagra con molteplici varianti, in combinazione con tanti prodotti locali, a partire dal vino, dall'olio di oliva e dai formaggi. La sagra è una vetrina dove vengono messe in mostra tutte le bellezze locali, non solo culinarie, ma anche di artigianato, eventi flkloristici per dare risalto ad usi e costumi del territorio, intrattenimenti in musica, visite guidate, danze, e molto altro.

Sagra del Castagnolo, Monte San Vito – (10 Marzo) La grande festa di San Vito prevede delle grandi sfilate di gruppi mascherati, musica, giochi popolari e soprattutto il tanto atteso lancio della salsiccia con paracadute. Il Castagnolo è l'antico dolce di Carnevale e la sua sagra ha una tradizione molto antica e deriva dall'usanza dei contadini di alleggerire il lungo periodo di sacrifici che precede la Pasqua con una grande festa in cui lasciarsi andare ai peccati di gola. La Sagra del Castagnolo si divide oggi in tre parti. Nel primo pomeriggio si svolge una sfilata di gruppi mascherati, al secondo pomeriggio si può invece ascoltare musica dal vivo, partecipare ai giochi organizzati dai gruppi mascherati, e, soprattutto, gustare i tipici dolci del luogo compreso il dolce omonimo della festa. In tarda serata si svolge l'ultimo e più divertente capitolo della festa: il lancio delle salsicce con il paracadute.

festa della polenta

[Foto di Roberto Marinello]

Sagra del polentone, Monastero Bormida – ( 10 Marzo) Una festa centenaria questa della polenta che viene festeggiata ogni seconda domenica del mese di Marzo in Piemonte. L'evento nasce da antiche cerimonie propiziatorie legate all'arrivo in paese dei magnin, coloro che stagnavano le pentole, e secondo una leggenda si lega a un atto di generosità del Marchese Del Carretto, che sfamò con polenta, frittata di cipolle e salsiccia un gruppo di calderai stremati dalla fame, i quali regalarono al paese l'enorme paiolo di rame in cui viene tuttora cotta la gigantesca polenta, che viene servita al pubblico con salsiccia e frittata di cipolle.

Fiera del Tredecin de Marz, Milano – (10 Marzo) Una festa milanese dedicata ai fiori, che annunciano l'arrivo della primavera e ricordano l'ingresso di San Barnaba a Milano nel 51 d.C., e narra che il santo con la sua croce ha abbattuto tutti gli idoli pagani presenti in città e abbia poi conficcato la croce stessa in una pietra segnata da tredici tacche a raggio. Attorno a questa in seguito è sorta la chiesetta di San Dionigi, detta del Tredesin de Marz, e questo episodio verrà ricordato con un'infiorata e una lapide latina. Questa festa si celebra ogni anno la domenica più vicina al 13 Marzo nelle vie del quartiere di Porta Romana.