Ci sono città in Italia che hanno un fascino tutto nascosto e per niente rivelato al mondo, fino a quando non si decide di farci capolino e scoprire una realtà che non ci aspettavamo: Osimo è una di queste. Il comune, in provincia di Ancona, è uno dei gioielli delle Marche, in realtà tra i più famosi per chi è appassionato di vacanze in Italia. Ed è un'ennesima testimonianza di quanto questa regione abbia da offrire dal punto di vista turistico, per quanto sia meno blasonata di regioni vicine come l'Umbria e l'Abruzzo. Se decidete di fare tappa a Osimo per un weekend di primavera, stagione migliore per visitarla, vi accorgerete di quanto sia ricca questa terra anche solo affacciandovi dai suoi giardini panoramici della città, dai quali potrete avere una bellissima visuale dell'entroterra marchigiano, dalla riviera adriatica fino agli appennini.

Osimo da vedere

Foto di Bruno Severini

Osimo si trova infatti una posizione invidiabile, situata su una collina, anzi due, che oltre al panorama regalano anche un clima mite in primavera; d'estate le temperature sono invece piuttosto afose, ma per rinfrescarvi c'è la vicina riviera del Conero, a soli 30 minuti di auto. Possiamo considerare come periodo perfetto per una gita nelle Marche i mesi di maggio e giugno, quando il caldo invoglia a un bagno ma non tormenta gli animi durante i nostri spostamenti tra le varie città. Osimo può infatti essere inserita in un itinerario che dalla costa si sposta verso l'interno, questo ovviamente a seconda del tempo che avete a disposizione. In tre giorni potete concedervi un tuffo in riviera, per poi spostarvi nel borgo; e potete dedicare la visita ai comuni vicini come Recanati, paese natale di Giacomo Leopardi; Loreto con il Santuario della Santa Casa; Castelfidardo e Macerata. Giocando bene con i tempi potete anche spingervi fino a Genga, nel Parco Regionale della Gola Rossa e di Frasassi, dove ci sono alcune tra le grotte più belle di Italia.

Grotte di Osimo

Foto di Claudio Giacomelli

Le grotte di Osimo, però, hanno tutto un altro fascino: questo perché con tale nome non vengono identificate caverne naturali o altro, ma una vera e propria città sotterranea. Anche Osimo, come molte città di Italia, ha la sua controparte parallela nel sottosuolo. Ma attorno ad essa vige un alone di mistero che l'ha permeata per secoli: poco si sa dell'origine del complesso dedalo di gallerie, cunicoli e stanze che si dipanano sotto terra anche per più livelli. E questo perché esistono scarsi documenti e testimonianze relative alla città ipogea, proprio per proteggerne il suo segreto. Può darsi infatti che essa fosse stata realizzata come sistema difensivo, nascondiglio o per la fuga dell'intera comunità; ma venne anche utilizzata a scopo abitativo, nonché come sistema di cisterne e fonti d'acqua. Ma l'aspetto più misterioso è quello legato al suo utilizzo da parte di congreghe e ordini. Sappiamo infatti che era luogo di incontro dei Templari e dell'Ordine dei Cavalieri di Malta, grazie ai numerosi bassorilievi raffiguranti il loro stemma ritrovati sulle pareti. Ma non mancano anche altre figure di tipo religioso, così come simboli magici ed esoterici che fanno pensare che le grotte siano state teatro di rituali eretici. Forse non sapremo mai cos'è accaduto là sotto nel corso dei secoli, e questo aumenta ancora di più il fascino misterioso di questa città: una visita alla Osimo sotterranea è d'obbligo.

Duomo di Osimo

Foto di Parsifall

Da vedere a Osimo, però, non c'è solo la città sotterranea. Il meglio lo troviamo in superficie, a partire dal suo bellissimo centro storico racchiuso all'interno di una cinta muraria che, vista dall'alto, sembra assumere la forma di un piede sinistro sulla collina. Ma anche al di fuori delle mura si sviluppano due bellissimi quartieri storici che sono il Borgo San Giacomo, e il Borgo Guarnieri. Divertitevi a scoprire le numerose chiese, a partire dal Duomo di San Leopardo, risalente addirittura al VII secolo, e poi trasformatosi in una chiesa gotica nel XII secolo. Ammirate la bellezza delle nobili ville patrizie. Ripercorrete la storia del borgo all'interno del Museo Archeologico, il Museo Civico e il Museo Diocesano. Ma soprattutto divertitevi con il fitto programma di eventi che la città offre tutto l'anno, soprattutto in estate. Non si contano le sagre e le feste religiose. Il Teatro la Nuova Fenice ha un cartellone sempre ricco. Lo skate park attira gli acrobati della tavole e gli amanti del pattinaggio freestyle da tutta Italia. Per non parlare dei raduni degli amanti dei motori come i quad o addirittura le Ferrari, come potete vedere nel video qui sotto. Insomma Osimo è assolutamente una città da visitare, se non da vivere.