La Capitale è uno scrigno di bellezze, di storia e di un patrimoni da vivere e vedere. Ma a dire il vero Roma non è solo questo, infatti, nella Capitale c'è anche il mare. Per chi è in vacanza a Roma e vuole staccare un po’ dalle bellezze può spostarsi di qualche chilometro per trovare uno splendido litorale, che sicuro non sarà come quello dei Caraibi, ma è un mare vero. Se si pensa al mare di Roma, la prima città a cui vola il pensiero è Ostia, una località balneare sorta recentemente, agli inizi del ‘900. Ostia è un quartiere di Roma che si è aperto al turismo balneare, prolungando la dolce vita capitolina in riva al mare. È tra le mete più frequentate dai romani grazie al fatto che ci si arriva facilmente ed in breve tempo, sempre se il traffico lo permette. Soprattutto in estate viene presa d'assalto dagli amanti del mare e da chi cerca una breve fuga fuoriporta. Scavi archeologici, lidi, spiagge libere e tanti localini in cui mangiare bene, ecco tutto quello che ha da offrire il quartiere di Ostia.

Cosa vedere | Lido di Ostia | Gli scavi | Mangiare ad Ostia | Come arrivare

Spiaggia di Ostia.
in foto: Spiaggia di Ostia.

Cosa vedere ad Ostia

La Rocca di Ostia (o castello di Giulio II).
in foto: La Rocca di Ostia (o castello di Giulio II).

Il motivo principale per cui si va ad Ostia è il mare. Eppure il quartiere di Roma ha anche tante altre cose da offrire, come il borgo antico e quello dei pescatori. Il primo è il centro storico della città dove sorge anche una bella chiesetta molto caratteristica dedicata a Sant'Aurea. Entrando nell'antica porta del borgo ci si trova in un'atmosfera quasi incantata, sovrastato dal Castello di Giulio II. Anche il borgo dei pescatori merita di essere visitato, poiché sembra riportare nella Roma del tempo che fu. Fondato nell'830 da Gregorio IV per proteggere il borgo dalle invasioni saracene, è stato ampliato successivamente con la costruzione di un grande torrione, oggi inglobato nel castello, e la realizzazione di un fossato nel quale veniva fatta scorrere l’acqua del Tevere. Il borgo e il castello furono restaurati lungo tutto il ‘900 e oggi costituiscono, assieme ai limitrofi scavi, un’interessantissima zona da visitare, soprattutto nel mese di settembre quando si svolge la famosa sagra della tellina.

Altra cosa da vedere ad Ostia è il porto turistico con il vicino idroscalo che ormai è diventato simbolo di Ostia Lido. Durante un giro nel quartiere di Ostia non può assolutamente mancare una passeggiata sul lungomare costeggiato da palme, fino al pontile pontile con la rotonda che si affaccia proprio sul mare. Quando il mare è agitato, però, state attenti a non avvicinarvi troppo alla ringhiera poiché le onde si schiantano sulla roccia sottostante inondando parte della rotonda. Anche se molti ci vanno apposta per provare questa emozione, ma in inverno può essere pericoloso. Da visitare anche la nuova area pedonale vicino al Pontile dove in Piazza Anco Marzio si trova anche la statua dedicata al poeta bolognese Pier Paolo Pasolini, scomparso proprio nella zona dell'idroscalo, e Tor San Michele. Ostia permette anche una rilassante passeggiata nella natura, infatti, la celebre pineta è perfetta per chi vuole rilassarsi all'ombra di una fitta vegetazione. Questa vasta aria si può distinguere nella Pineta delle acque rosse situata nella parte nord del Lido di Ostia, e la più estesa Pineta di Castelfusano situata a sud. La principale ricchezza naturalistica del parco di 1100 ettari è costituita dal sistema boschivo di lecci e pini: oggi, dopo il furioso incendio del 2001 che ha cancellato 360 ettari di pineta, è sede di un'interessante sperimentazione forestale.

Ostia è un ottimo quartiere anche per lo shopping. Tanti i negozi su Via delle Baleniere e zone limitrofe. Per risparmiare è possibile dare un'occhio al mercatino delle Repubbliche marinare, che va dal Lungomare Toscanelli a Corso Duca di Genova. La stessa zona dell'idroscalo è ricca di negozi cresciuti sotto la rigenerante linfa del viavai estivo, sebbene qui gli esercizi commerciali siano soprattutto ristoranti, gelaterie e bar rivolti al popolo della movida.

Spiagge sabbiose e mare ad Ostia Lido

Il litorale di Ostia, luogo prediletto dai romani in estate. Foto di: Wikipedia.
in foto: Il litorale di Ostia, luogo prediletto dai romani in estate. Foto di: Wikipedia.

Ostia è conosciuta come il mare di Roma è in questo ha la sua attrazione principale. In particolare il Lido di Ostia da qualche anno è diventato il punto di approdo preferito dei romani per trascorrere una piacevole giornata al mare. Lungo il litorale, si susseguono gli stabilimenti balneari tutti attrezzatissimi, adatti a famiglie, ma anche a giovani grazie all'ormai consolidato must dell'aperitivo in spiaggia. Accanto a questi lidi, però ci sono anche molte spiagge libere,  la più vicina, per chi viene da Roma si trova a Piazzale Magellano, detta al Curvone. Nelle vicinanze c'è la Spiaggetta e quella del famoso bar Hakuna Matata. Proseguendo verso sud si incontra una piccola spiaggetta a ridosso del canale dei Pescatori, anche se qui è sconsigliato fare il bagno. Una delle migliori spiagge libere di Ostia è quella dei Cancelli e Capocotta, delle vere e proprie oasi naturalistiche con dune di macchia Mediterranea. Così incantevoli che sono stante anche protagoniste di molti film e di video musicali, come quello degli U2, “all I want is you” e quello di Jovanotti “tanto, tanto, tanto”.

Ad Ostia con il cane. Altra spiaggia libera molto conosciuta nel centro di Ostia, questa volta andando verso nord, è il Faber Beach. Anche chi non riesce a viaggiare senza l'amico a quattro zampe ad Ostia può trovare il posto giusto, infatti, è stata allestita un'area riservata e recintata dedicata ai cani. Si chiama Bau Beach e si trova davanti la fermata dell’autobus. Gli stabilimenti balneari offrono la possibilità di fare tante attività e tutti i comfort necessari: attrezzature per lo sport, ristorazione, intrattenimento musicale e aree relax. Tra gli stabilimenti più famosi ricordiamo il Kursaal, famoso per il celebre trampolino progettato da Pier Luigi Nervi, il lido Elmi e Battistini, lo stabilimento Roma, con un'ampia terrazza.

Bisogna sottolineare che le spiagge di Ostia sono soggette a molte critiche, infatti, i dati di Goletta Verde le hanno messe sotto accusa per il mancato rispetto dell'obbligo di mantenere almeno il 50% di litorale libero. Questo è un primato negativo per uno dei litorali più importanti di Roma, che non rispetta la legge regionale volta a favorire l'uso del demanio marittimo per finalità turistiche e ricreative. Dietro alle concessioni, tra l'altro, indaga la magistratura per capire come sia stato possibile "regalare" tratti di suolo pubblico e permettere che, camminando sul lungomare, il mare sia stato praticamente irraggiungibile allo sguardo. I sigilli posti allo stabilimento Kursaal sono solo l'ultimo capitolo di una storia – raccontata ora dalla magistratura – che all'ostiense appariva da un po' di tempo evidente, come sa essere evidente qualsiasi violenza.

Gli scavi di Ostia antica

Ostia possiede uno dei siti archeologici più importanti del mondo. Foto di: Flickr.
in foto: Ostia possiede uno dei siti archeologici più importanti del mondo. Foto di: Flickr.

Ad Ostia oltre al mare c'è una delle aree archeologiche più importanti del mondo. Non solo il centro della Capitale è ricco di testimonianze che parlano una lingua antica, ma anche il quartiere che affaccia sul mare ha una vasta area archeologica che rientra a pieno titolo tra le cose da non perdere a Roma. Gli scavi di Ostia sono formati da un vasto complesso di strutture imponenti, che mostrano un'antica città romana, con archi, volte, abitazioni, teatri, terme, piazze, templi, botteghe e locali pubblici. Camminando per le strade di questa città ferma nel tempo si può immaginare l'aspetto originario di questo insediamento, sorto allo sbocco del Tevere, forse già prima del IV secolo a.C. Naturalmente lo scenario che si presenta ora non è propriamente simile a quello antico, soprattutto perchè il corso del Tevere si è spostato a seguito di un alluvione.

La zona visitabile, portata alla luce dagli scavi, è di circa 34 ettari, e rappresenta più della metà dell'area effettivamente edificata. Anzi dai risultati dell'ultima indagine archeologica condotta dalla Soprintendenza speciale è emerso che il perimetro di Ostia Antica è addirittura più esteso di quello di Pompei. Tra le cose più interessanti da vedere  ci sono i resti del Teatro, delle Terme di Nettuno con gli splendidi mosaici, della Caserma dei Vigiles, il Mitreo dei Sette Cieli e la Domus di Amore e Psiche. All'interno del sito archeologico si può visitare il Museo ostiense che conserva i capolavori rinvenuti durante gli scavi.

Ostia: mangiare e bere

Essendo vicino al mare ad Ostia la specialità sono soprattutto i piatti a base di pesce. Foto di :Taverna Ventuno.
in foto: Essendo vicino al mare ad Ostia la specialità sono soprattutto i piatti a base di pesce. Foto di :Taverna Ventuno.

Cosa c'è di meglio che un week end estivo al mare di Roma e prima di tornare gustare gli squisiti piatti della tradizione romana. Ostia offre un'ampia offerta di ristoranti e locali che nella maggior parte dei casi propongono cucina genuina a prezzi popolari. Insomma, per chi vuole mangiare ad Ostia c'è l'imbarazzo delle scelta, si può prenotare in uno dei rinomati ristoranti a base di pesce fresco con vista mare, oppure ci si può fermare a degustare i piatti tipici della tradizione romana in una piccola trattoria di Ostia antica. Tra i posti più consigliati dove mangiare ad Ostia si può segnalare la Trattoria Pizzeria "Amici Miei", che offre tante specialità a base di carne e primi di pasta fatta in casa di mare e monti, un mix tra cucina romana e napoletana. Poi c'è la "La Casetta", dove la specialità è sempre la carne, il Ristorante Ratatouille, nuovo ma dai sapori che richiamano l'antica cucina di una volta.

Molto bello è il ristorante Neri Beach Village, che si trova direttamente sulla spiaggia a 50 metri dal mare, molto suggestivo al tramonto, quando si gustano le specialità sotto le stelle. Una serata piacevole ed in compagnia si può passare al RIZcafe, un ristorante e wine store dove mangiare a base di pesce e bere dell'ottimo vino. Se amate le passeggiate al mare e il buon pesce, potete trascorrere la serata al Red Fish. Qui si può gustare un buon calice di vino con finger food e antipasti a base di pesce fresco. Di sera la città si anima e i pub, le discoteche e gli stabilimenti diventano un punto di ritrovo dei ragazzi in cerca di divertimento.

Come arrivare ad Ostia

In auto. Il quartiere di Ostia dista meno di 30 chilometri dal centro di Roma e se il traffico è scorrevole ci si arriva anche in 15-20 minuti. Questo purtroppo non succede in estate, quando il traffico è così intenso che dal centro al litorale di Ostia ci si impiega anche un'ora e più. Se viaggiate in auto la strada più comoda che da Roma conduce ad Ostia è via Cristoforo Colombo, se però è trafficata meglio optare per le strade secondarie, vale a dire la via Ostiense e La Via del Mare. Quest'ultima è più tranquilla, perché è una strada interna che passa attraverso pinete e campi, ma è una delle più pericolose in quanto ricca di curve. Una difficoltà di cui probabilmente non si rendono conto i romani che conoscono bene la zona, è che, percorrendo la Cristoforo Colombo, non si capisce dove svoltare per entrare ad Ostia. Non solo le indicazioni sono insufficienti per un turista, ma questa via a scorrimento veloce è stata progettata come un'autostrada: due carreggiate di senso opposto e ognuna con due corsie, più ulteriori due corsie che che fiancheggiano le due carreggiate, che fungerebbero da corsie di decelerazione. Di fatto non si capisce dove si trovino le uscite e dove portino.

In autobus. Ostia è raggiungibile anche con i mezzi pubblici, infatti molti pullman passano per il litorale e nelle vicinanze c'è una fermata di uno speciale treno, detto "trenino" dai romani. Se si arriva in aereo, l'aeroporto più vicino è il Leonardo da Vinci che si trova a Fiumicino a soli 10 minuti di macchina da Ostia.

Con metro e treno. Ostia è servita da una ferrovia le cui prime fermate risalgono al periodo fascista (1924). È la ferrovia Roma-Lido, che per i romani è il "trenino" descrivendone così – con sintesi ed efficienza – la natura di treno urbano. La caratteristica di questa strada ferrata è la sua inaffidabilità, che si esprime in corse saltate e lentezza. Da tempo le amministrazioni locali hanno detto di essere disposte a rinnovare l'importante sistema ferroviario e sembra che sia davvero venuto il momento di un ammodernamento. Il "trenino" è utile per muoversi da un punto ad un altro di Ostia (fermate dopo Acilia: Ostia Antica, Lido di Ostia Nord, Marina di Ostia, Lido di Ostia Centro, Stella Polare), ma soprattutto incrocia importanti stazioni della linea B della metropolitana: Piramide ed Eur Magliana. In questo modo è possibile arrivare da Roma Termini ad Ostia effettuando un solo cambio.

Da Termini e Fiumicino. Da Fiumicino parte il treno espresso ‘Leonardo Express’ che collega l’aeroporto direttamente con la stazione Termini, da dove parte la metropolitana che conduce fino a Porta S. Paolo o a Eur Magliana che dove si può prendere il "trenino" che porta fino alla fermata di Lido. Oltre alla metro è possibile raggiungere Ostia direttamente con l'autobus di linea Fiumicino-Lido di Ostia che si prende all'esterno del Terminal.