Italia dall'alto

Con la primavera in arrivo guardiamo tutti ansiosamente a qualche week end fuori porta per scoprire la nostra bellissima Italia (e sperando nel bel tempo). Ma quando giriamo tra stradine, scalinate, vicoli, portici e quant'altro caratterizza l'urbanistica delle nostre città, dal piccolo borgo al grande capoluogo… ebbene, come possiamo avere una visione d'insieme della loro bellezza? Non si può, a meno di salire su un punto panoramico e ottenere una visione d'insieme. Ma per essere parte di questo punto di vista privilegiato, dobbiamo raggiungerlo direttamente dall'interno della città stessa. Ecco perché ci siamo divertiti a raccogliere qualche immagine di alcune famose città italiane, riprese dagli osservatori dei loro edifici più simbolici e monumentali. Sarebbe bello che la nostra galleria coprisse tutto lo stivale ma chissà, potrebbe esservi di ispirazione per andare alla ricerca del vostro punto di osservazione per le città che amate di più, durante le vostre vacanze in Italia.

Bologna: Torre degli Asinelli

Torre degli Asinelli, Bologna

 [Foto di Marika Bortolami]

Non potevamo che iniziare con la città più turrita di Italia. Nell'XI secolo Bologna era costellata da un centinaio di torri, tanto da sembrare quasi una Manhattan medievale. Simbolo di lotte di potere e strumento difensivo, purtroppo oggi ne sono rimaste ben poche. Le due torri più famose sono quelle della Garisenda e degli Asinelli. Ed è proprio su quest'ultima che saliamo per affacciarci su  piazza Ravegna e la chiesa dei Santi Bartolomeo e Gaetano. Le due torri si fiancheggiano l'una con l'altra, a ricordarci le antiche rivalità nobiliari, e pendono in maniera evidente: senza dubbio da non perdere, tra le cose da vedere a Bologna.

Bologna dalla Torre degli Asinelli

[Foto di Luca Volpi]

Verona: Torre dei Lamberti

Verona, Torre dei Lamberti

[Foto di Pablo Cabezos]

La Torre dei Lamberti svetta alta sul panorama della città di Romeo e Giulietta, e tiene testa al campanile del duomo, di poco più basso. Come sempre, anche questa torre era il simbolo di ricchezza e di potere di una nobile famiglia che ha dominato la città nell'XI secolo. Oggi la torre ci permette di guardare dall'alto il brulichio del mercato di piazza Erbe, e ammirarne la struttura che resta immutata dai tempi della Verona romana.

Verona, veduta dalla Torre dei Lamberti

[Foto di BestKevin]

Venezia: Campanile di San Marco

Piazza San Marco, Venezia

 [Foto di Studio eLBee]

Forse il campanile italiano più famoso del mondo, la cui immagine fa da portavoce della fama della città lagunare. Non per niente i veneziani lo chiamano el parón de casa, il padrone di casa. Con i suoi 98 e passa metri è anche uno dei campanili più alti d'Italia, e ci dà la possibilità di allargane lo sguardo ben oltre la piazza San Marco, sconfinando fino all'estremità della laguna. In una visita a Venezia la scalata alla sua icona più popolare è d'obbligo.

Venezia dal campanile di San Marco

[Foto di  Foto di François Philipp]

San Gimignano: Torre Grossa

Torre Grossa, San Gimignano

[Foto di Andy Hay]

San Gigimignano è un altro borgo da favola che rende bene l'idea di come appariva una tipica città medievale, grazie al suo ottimo stato di conservazione. La Torre Grossa è l'unica di cui sia consentita l'accesso al pubblico. Per cui non fatevi sfuggire l'occasione: qui la vista si sofferma ben poco sul piccolo borgo, e si estende sull'orizzonte sconfinato delle splendide campagne senesi.

San Gimignano dalla Torre Grossa

 [Foto di Guillaume Baviere]

Siena: Torre del Mangia

Torre del Mangia, Siena

[Foto di Gary Ashley]

Spostiamoci di poco, per passare direttamente al capoluogo. La Torre del Mangia è più di una semplice torre: è un vero e proprio personaggio. Il suo nome le deriva dal soprannome dato al campanaro originale, chiamato dai senesi Mangiaguadagni per i suoi sperperi. E successivamente all'automa meccanico che ne ha preso il posto, i cui costi di manutenzione richiedevano ingenti spese. Purtroppo oggi non c'è più la statua a battere i rintocchi delle campane. Ma il meraviglioso panorama su Piazza del Campo e tutta la campagna toscana è rimasto immutato nei secoli. Come la fisionomia della torre, talmente popolare che ha ispirato repliche in tutto il mondo.

Siena dalla Torre del Mangia

[Foto di Steve Jurvetson]

Cremona: Torrazzo

Torrazzo, Cremona

 [Foto di ho visto nina volare]

Un nome curioso per quello che è allo stesso tempo la torre e il campanile più alto d'Italia: ben 112 metri, con 502 scalini da salire per raggiungerne la cima. Ne vale decisamente la pena, però: la città lombarda appare in tutto il suo sfolgorante splendore da questa posizione così privilegiata. Inoltre l'edificio storico presenta anche un bellissimo orologio astronomico su una delle sue facciate. Raggiungete Cremona durante la sua celebre festa del torrone, e completate la visita con la scalata al suo monumento più bello.

Cremona dal Torrazzo

[Foto di ho visto nina volare]

Pisa: Torre pendente

Torre di Pisa

[Foto di M4rvin]

Come poteva mancare nella nostra galleria la torre più famosa d'Italia? La sua altezza di appena 56 metri la mette un po' in ridicolo rispetto alle altre torri che abbiamo visto fin'ora. Ma la torre di Pisa ha una fama che altri edifici al mondo dello stesso tipo si sognano. Da sola, assieme a una ristretta cerchia di monumenti, rappresenta iconicamente il nostro paese: turisti da ogni angolo del pianeta affrontano ore di viaggio solo per potersi mettere in posa con la torre pendente sullo sfondo. Che tra l'altro è solo una delle meraviglie di Piazza dei Miracoli: non per niente è il campanile della magnifica Cattedrale di Santa Maria Assunta. Ed è su questa, e altre cose da vedere a Pisa, che si posa il nostro sguardo una volta saliti i 296 scalini per raggiungere la cima.

Pisa dalla Torre

[Foto di xlibber]

Firenze: Cupola del Brunelleschi

Firenze, Cupola del Brunelleschi

[Foto di Tanel Teemusk]

Diamo un taglio a torri e campanili per il momento, e cerchiamo un altro punto di osservazione. Non ci discostiamo molto comunque, perché saliamo sempre su un monumento religioso: il Duomo di Firenze, il cui motivo più impressionante è la maestosa cupola del Brunelleschi. Capace di dominare da sola tutto il panorama della città, ce lo restituisce salendo sulla sua cima, fino alla lanterna. Oltre a godere del paesaggio che contorna una delle più belle (e famose) città del mondo, ci si trova a poggiare i piedi su un mistero leggendario: ancora oggi, infatti, gli studiosi non hanno trovato una spiegazione definitiva su come il Brunelleschi abbia progettato la cupola.

Firenze dalla Cupola del Brunelleschi

[Foto di Artur Staszewski]

Milano: Duomo

Duomo di Milano

[Foto di mendhak]

L'Italia non manca certo di cattedrali spettacolari. Ma se è difficile decretare quale sia la più bella di tutte, sicuramente si può individuare subito quale sia la più famosa: il Duomo di Milano, senza dubbio. Il capolavoro gotico spicca in maniera ancora più prominente in una città che si distingue per i suoi grattacieli ed edifici moderni. Nonostante il panorama che si osserva dalla cima del duomo sia decisamente metropolitano, non perde in fascino quando si è circondati da statue, guglie, archi e pinnacoli.

Milano dal Duomo

[Foto di Oleg Sidorenko]

Napoli: Certosa di San Martino

Napoli, Certosa di San Martino e Castel Sant'Elmo

[Foto di Dr. Conati]

La Certosa di San Martino di Napoli è appena più sotto rispetto al Castel Sant'Elmo. Quest'ultimo viene genericamente indicato come il punto migliore da cui poter osservare il panorama sul golfo. Ma noi consigliamo la certosa per il magnifico Museo Nazionale ospitato al suo interno, per cogliere due piccioni con una fava. Una visita a Napoli non può dirsi completa senza salire sulla collina di San Martino al Vomero: uno dei belvedere più belli di Italia, da cui ammirare un panorama senza eguali per potersi innamorare follemente di questa città.

Napoli, veduta dalla Certosa di San Martino

[Foto di Simonetta Di Zanutto]

Lucca: Torre Guinigi

[Foto di LivornoDP]

E concludiamo la nostra galleria tornando nuovamente in cima a una torre, forse la più bella d'Italia. Il perché? Per il piccolo ma delizioso giardino pensile che corona la cima della Torre Guinigi di Lucca. Al vostro arrivo vi attenderanno dei lecci che rendono questo edificio inconfondibile nello skyline della città toscana. Non solo quindi un balcone da dove affacciarsi per scattare foto panoramiche, ma uno spazio tranquillo per rilassarsi e immergersi nella tranquillità. Per riflettere ancora su quanto sia bello il nostro paese.

Lucca dalla Torre Gunigi

[Foto di Puybrun]

[In apertura: foto di bongo vongo]