Lago di Tunisi.
in foto: Lago di Tunisi.

Immaginate un luogo senza tempo, dove passato e futuro si annullano per lasciare spazio a un eterno presente. Spiagge a perdita d'occhio, deserti sconfinati ma anche oasi suggestive, rovine millenarie e un'ospitalità squisita. Troppo bello per essere vero? Uomini di poca fede… Quel luogo è realtà. È la Tunisia, paese a cavallo tra Oriente e Occidente, che, per la sua posizione strategica nel cuore del Mediterraneo, può essere considerata il punto di fusione ideale tra Europa e Africa. Situata nell'area del Maghreb, nell'Africa mediterranea, la Tunisia è un'allegra miscela di colori e sapori, che risente di varie contaminazioni culturali pur restando fedele alla propria identità. Numerosi sono i popoli che si sono avvicendati sul territorio lasciandovi tracce storiche indelebili. A partire dai Berberi, popolazione autoctona del deserto, per proseguire con la gloriosa civiltà cartaginese dei Fenici, i Romani, i Bizantini, i Vandali, gli Arabi, gli Ottomani e per ultimi i colonizzatori francesi. Visitare la Tunisia è un'esperienza sensoriale a tutto tondo, che si riflette nei colori cangianti delle dune del Sahara, nella dolce cadenza delle due lingue nazionali, l'arabo e il francese, nei profumi intensi degli agrumeti e nel sapore speziato di un cous cous. Il suo clima mediterraneo permette di visitarla praticamente tutto l'anno, anche se l'alta stagione è preferibile per praticare sport nautici e immergersi nel suo mare cristallino. In più, data la sua vicinanza geografica con l'Italia, arrivarci è semplicissimo.

Come arrivare a Tunisi
Preventivo economico
Preventivo medio
Preventivo alto

Come arrivare a Tunisi

Panorama Cartagine [Foto di Stefano Losardo]
in foto: Panorama Cartagine [Foto di Stefano Losardo]

La nostra prima tappa, nonché punto di partenza per l'esplorazione del paese, sarà la capitale Tunisi. Per raggiungerla basta prendere un traghetto da Civitavecchia, Genova, Salerno o Palermo a una tariffa di andata che varia dagli 80 ai 300 euro a seconda della sistemazione scelta. In alternativa ci sono voli Alitalia o Tunisair a un costo a/r di circa 300 euro. Sono diverse, inoltre, le compagnie di crociera che nell'itinerario prevedono una tappa a Tunisi, come Costa, Pullmantour e MSC, per prezzi che si aggirano in media dai 300 ai 1500 euro.

Ed eccoci finalmente a Tunisi, città dove le influenze europee e africane convivono piacevolmente in un frizzante mix di suggestioni visive. La sua architettura dal gusto eclettico vi sorprenderà: edifici in stile liberty, caffè francesi e chiese cristiane coabitano insieme a splendide moschee e dimore da sultani. Imperdibile la Medina, lo storico e labirintico mercato dichiarato patrimonio dell'umanità dall'Unesco. Venditori di stoffe, profumi, vasellame faranno a gara per attirare la vostra attenzione nei suk. E dopo una contrattazione all'ultimo sangue, sarà un sollievo sorseggiare una tazza di tè verde con pinoli dietro la Moschea Zitouna, meraviglia ricostruita nel IX secolo con le rovine dell'antica Cartagine. Vale la pena una visita anche alla Cattedrale di san Vincenzo de' Paoli, che presenta una curiosa mescolanza di tre stili: gotico, nordafricano e bizantino. Una tappa obbligata è quella al Museo del Bardo, che ospita una delle più ampie collezioni di mosaici romani e paleocristiani. Per non parlare della gloriosa Cartagine, patrimonio dell'Umanità e città romano-fenicia delle guerre puniche, raggiungibile in 20 minuti con un treno metropolitano della linea TGM. Dalla collina di Byrsa è possibile dominare l'intero panorama e scorgere, oltre alle rovine della grande civiltà classica, l'imponente Cattedrale di San Luigi, costruita dai francesi nel 1890. Merita una visita il Museo archeologico di Cartagine, con una sezione punica di grande interesse, mentre le Terme di Antonio colpiscono per la loro vastità e magnificenza. Prima di avventurarvi in suk e musei, però, sappiate che la moneta nazionale è il dinaro (un euro, secondo il cambio valuta attuale, vale 2,18 dinari). Ma qual è il prezzo di una vacanza in Tunisia? Vi proponiamo tre soluzioni su misura a seconda del budget per godervi due settimane di vacanza in questo magnifico paese. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche.

Preventivo economico

Sidi Bou Said [Foto di grolli77]
in foto: Sidi Bou Said [Foto di grolli77]

Per chi desidera divertirsi e risparmiare allo stesso tempo, la Tunisia riserva più di un'attrattiva. Se non avete troppe pretese, gli ostelli della gioventù possono fornire un valido alloggio: nel centro storico di Tunisi, uno dei più indicati è il Tunis-Medina, intorno ai 5 euro a persona a notte. A pranzo e cena c'è l'imbarazzo della scelta: sono molti i ristoranti economici dove spendere non più di 6 euro a persona e deliziarsi con un buon cous cous alla carne, come al Mahdaoui o al Sémaphore, nel cuore della Medina. A pochi passi da Tunisi non mancano le attrattive balneari: con un semplice collegamento ferroviario si può raggiungere la bella spiaggia sabbiosa di La Marsa, villaggio che si anima soprattutto d'estate con ristorantini e locali all'aperto. E a soli 10 km dalla capitale c'è Sidi Bou Said, una località sul mare ispirata agli antichi borghi andalusi, dove i colori bianco e blu dominano sulle facciate di ogni edificio e risaltano nel pomeriggio, accesi dai colori del tramonto che regala uno scenario pittoresco. Inebriati dall'inconfondibile profumo di gelsomino, potrete passeggiare sulle spiagge libere o sorseggiare un tè alla menta al Café des Nattes, celebre per aver ispirato artisti e letterati come Paul Klee, André Gide e Simone de Beauvoir. Da vedere, il Centro delle musiche arabe e mediterranee (ingresso 2 euro), splendido palazzo con una ricca collezione di strumenti musicali arabi tradizionali, e il Dar el Annabi (ingresso 2 euro), dimora storica con una terrazza che offre una vista mozzafiato. Per una cena economica optate per locali come il Raies Labhaar, che vi consentirà di apprezzare le specialità del posto a soli 5 euro a persona.

La tappa successiva sarà Sousse, raggiungibile in 45 minuti di treno (solo 1 euro a persona) e caratteristica per il Ribat, una splendida fortezza-monastero dell'VIII secolo, per il Museo con mosaici dalle più importanti catacombe e la Grande Moschea. Partendo da Sousse potete rifarvi gli occhi ammirando El Jem, il colosseo meglio conservato dopo quello di Roma, una meraviglia imponente dalla capienza di 30.000 spettatori. Dall'anello superiore si gode una vista mozzafiato che abbraccia tutta l'arena. Un'emozione unica! E nei pressi di Biserta, sulla strada per Tunisi, c'è il Parco Nazionale d'Ickeul, una riserva naturale a ingresso gratuito, dove nidificano ben 180 specie di uccelli, anche rari.

Sbeitla – Tempio degli Dei [Foto di Wikimedia Commons]
in foto: Sbeitla – Tempio degli Dei [Foto di Wikimedia Commons]

Accompagnati da una guida e viaggiando in auto o in taxi, vale la pena di visitare diversi siti archeologici di valore. A cominciare dalle rovine di Utica, antica necropoli punica che combatté al fianco di Cartagine, al costo di soli 1,50 euro. In treno si può raggiungere Jandouba (158 km da Tunisi) punto di partenza per la visita di Bulla Regia, sito archeologico costituito da ville romane con splendidi pavimenti musivi e terme spettacolari. Anche qui l'ingresso è di soli 1,50 euro. Altra tappa obbligata è Dougga, che ospita un mausoleo libico-punico, archi, statue, templi e mausolei ben conservati. In più, la vicina città di Sbeitla conserva molte testimonianze di epoca romana e paleocristiana. In tutto, viaggio escluso, due settimane di vacanza low cost potranno venirvi a costare non più di 300 euro. Perché non approfittarne?

Preventivo medio

Deserto del Sahara [Foto di Mark Abel]
in foto: Deserto del Sahara [Foto di Mark Abel]

Se oltre al divertimento preferite la comodità, a Tunisi è facile trovare hotel dalle tariffe variabili tra i 17 e i 25 euro a testa, come l'Hotel Naplouse, situato in una zona tranquilla e dotato di aria condizionata. Da qui è d'obbligo una tappa al M'Rabet, antico caffè moresco dall'atmosfera suggestiva e rilassante, e anche piuttosto economico: circa 10 euro per un pasto. Per una cucina più ricercata, però, è meglio optare per il Dar-bel-Hadj o l'Essaraya, dove a un prezzo contenuto (fino a 20 euro) si possono gustare piatti a base di carne e pesce nella migliore tradizione tunisina, concludendo il pasto con il boukha, un'acquavite a base di fichi. Tappa successiva, un tè in una dimora tipica come il Dar El Béhi, palazzo del XIII secolo restaurato con ceramiche del ‘600, dove sorseggiare un tè con pasticcini (costo, circa 3 euro) e ammirare le più pregiate ceramiche tunisine.

Rinfrancati da un pasto di tutto rispetto, siamo pronti a partire per un itinerario che ci riserverà mille emozioni: un'avventurosa traversata nel deserto del Sahara. Prima di vivere questo tour mozzafiato, è bene sapere un po' di cose. Prima di tutto, non vi avventurate mai nel deserto senza una guida specializzata e, se possibile, evitate di recarvi nel deserto in alta stagione, quando il clima è troppo torrido. Molti hotel organizzano itinerari guidati di due giorni nel deserto in pullman per 100 euro a testa, quindi se siete fortunati cogliete al volo l'occasione! Come prima tappa nel deserto, Matmata vi lascerà a bocca aperta per il suo paesaggio lunare, fatto di crateri scavati nella roccia che ospitano intere tribù di berberi, chiamati "uomini blu", per via del loro caratteristico abbigliamento. Questo sorprendente scenario ha ispirato anche la fantasia di George Lucas, che nel 1977 ha scelto di girare proprio qui i primi film della trilogia di Star Wars. Ed è ancora possibile visitare il set cinematografico, rimasto intatto: basta fare una sosta al Sidi Driss Hotel, ormai luogo di culto per i fan di tutto il mondo. Non perdete l'occasione di posare davanti alla grande scritta bianca "Matmata" che ricorda molto quella della collina di Hollywood! Inoltre a Matmata è possibile mangiare nelle tipiche case trogloditiche, assaporando squisiti menù a base di olive e harissa, cous cous di agnello e dolci alle mandorle.

Grande Moschea di Kairouan [Foto di Tab59]
in foto: Grande Moschea di Kairouan [Foto di Tab59]

Douz, la "porta del deserto", ci condurrà nel cuore del Sahara, fatto di oasi, palmeti e incontri inaspettati. Come quelli con qualche piccola volpe del deserto, o con gli autoctoni dell'etnia M'raz, che viaggiano sulle dune a dorso di cammello indossando il tipico abbigliamento beduino. E per circa 20 euro potremo anche noi provare il brivido di una gita in cammello, ovviamente scortati da una guida. Da non perdere i mercatini di artigianato beduino e la visita del grande lago salato Chott el-Jerid, vasto oltre 7000 km. Proseguendo, ci fermeremo nell'oasi di Chebika, vero e proprio paradiso terrestre, con splendide cascate che ancora una volta hanno stregato Hollywood, costituendo il set naturale del film Il paziente inglese. Interessante anche Tozeur, cittadina resa famosa in Italia da una canzone di Franco Battiato e Alice (I treni di Tozeur), antico avamposto berbero che vanta un palmeto esteso per 110 kmq. Tra le sue attrattive si segnala il il Museo Dar Charait, il secondo dopo il Museo del Bardo di Tunisi.

Qui potremo trovare una vasta collezione di ceramiche, una galleria d'arte e una riproduzione della vita tunisina di ieri e di oggi. La tappa finale sarà Kairouan, quarta città sacra musulmana per ordine di importanza (dopo La Mecca, Medina e Gerusalemme) nonché patrimonio Unesco. La Grande Moschea, che risale al VII secolo, è davvero uno spettacolo per gli occhi. Nonostante la sala della preghiera sia chiusa ai turisti, è possibile salire i 100 gradini che portano all'imponente minareto. Anche da qui è passata la cinepresa hollywoodiana: nel 1981 Steven Spielberg vi ha girato I predatori dell'arca perduta, primo film della serie di Indiana Jones. Così, per circa 600 euro, potrete godervi un emozionante tour avventura tra le dune, in compagnia di amichevoli beduini e per giunta sui luoghi dei capolavori di Hollywood. Se vi sembra poco…

 Preventivo alto

Notte ad Hammamet [Foto di Wikimedia Commons]
in foto: Notte ad Hammamet [Foto di Wikimedia Commons]

Non badate a spese? Allora potete permettervi una cena al Dar el Jeld di Tunisi, forse il ristorante più famoso di tutto il paese. Qui verrete accolti con un servizio impeccabile e potrete assaporare sei diversi tipi di cous cous, varie salse di verdure e squisiti dolci di pistacchio o datteri, a un prezzo che parte dai 20 euro a persona. E a stomaco pieno fare shopping è ancora più divertente. Quasi di fronte al ristorante c'è Le Diwan, dove acquistare profumi, spezie e stoffe pregiate. E per dormire, non c'è niente di meglio di un residence di lusso come il Dar el Medina, situato nel cuore di Tunisi, ad un costo a partire dai 160 euro in singola.

Spiaggia di Djerba (foto di Alex and Mac)
in foto: Spiaggia di Djerba (foto di Alex and Mac)

La linea costiera della Tunisia è lunga 1300 km e costituisce un'appetitosa alternativa per le vostre vacanze estive. Se volete godervi la frizzante movida della Tunisia e nello stesso tempo coccolarvi, allora la scelta giusta è Hammamet: un paradiso naturale con spiagge da favola, raggiungibile in taxi turistico dall'aeroporto di Tunisi per circa 50 euro. Qui potrete alloggiare in lussuosi hotel 5 stelle pagando circa 60-70 euro a testa. Molti hotel, come il Sindbad, sono dotati di spiaggia privata, sauna e bagno turco, l'ideale per una vacanza all'insegna del riposo e del divertimento. Ad Hammamet Yasmine, zona attrezzata per i turisti, è possibile praticare sport acquatici come parasailing o moto d'acqua, visitare parchi a tema e divertirsi tra negozi folkloristici e locali notturni. Per qualcosa di più autentico e genuino, visitate la Medina vecchia, dai suggestivi colori bianco e blu, situata sul mare. Ma non mancano le opportunità culturali: d'estate la città si riempie di suoni da tutto il mondo con l'International Festival, una competizione musicale dal respiro internazionale. Nei dintorni, inoltre, c'è il sito archeologico di Pupput, che conserva le vestigia di un'antica città romana.

Tramonto a Djerba [Foto di Nicolas Karasiak]
in foto: Tramonto a Djerba [Foto di Nicolas Karasiak]

Cercate un luogo fuori dalle consuete rotte turistiche? Ecco allora Monastir, con un mare mozzafiato e chilometri di spiagge attrezzate per gli sport acquatici. Altro paradiso naturale è Port el Kantaoui, un villaggio sul mare per tutta la famiglia, tra fiori, colori, spiagge sabbiose e parchi acquatici. Nella costa settentrionale tunisina c'è anche Tabarka, cittadina portuale dalla costa rocciosa e frastagliata, rinomata come centro spa e sede di numerosi festival musicali estivi. E poi c'è Mahdia, detta "la città delle due lune" perché situata tra due baie bianchissime, con una vivace Medina e un centro storico da scoprire. E non può mancare un tour nelle isole Kerkennah, un arcipelago selvaggio a soli 20 km dalla costa. Un luogo di fascino e tranquillità, tra spiagge sconfinate e acque turchesi, dove si potrà perfino veleggiare tra le isole a bordo di una feluca, l'antica imbarcazione orientale.

Djerba [Foto di Yan R.]
in foto: Djerba [Foto di Yan R.]

Se preferite una meta più classica, non può mancare una tappa a Djerba, la splendida isola citata anche nell'Odissea come terra dei Lotofagi, i mangiatori di loto, il fiore dell'oblio. Quando approderete a Djerba, infatti, perderete immediatamente la cognizione del tempo. La to-do list è infinita: fare shopping nei mercatini del capoluogo Houmt Souk, camminare su spiagge sabbiose come Sidi Mahrez, visitare luoghi di attrazione come la sinagoga di El-Griba e il Borja Kastil, fortezza romana in mezzo al mare. Se siete tentati di soggiornare in questo paradiso, una sistemazione in resort all inclusive è sotto i 100 euro a persona. Insomma, tra alloggio, sostentamento e divertimento, due settimane di vacanza in Tunisia vi verranno a costare tra i 1000 e i 2000 euro. Ma ne varrà la pena.

[La foto in apertura è di Tounsi ben Tounsi]