Eventi di Natale a Londra

Londra e il Natale: binomio perfetto. Se siete particolarmente amanti del periodo più festoso dell'anno, dovete assolutamente concedervi una vacanza nel Regno Unito: qui, e soprattutto nella capitale inglese, il Natale si comincia a festeggiarlo da novembre. Niente di particolarmente sorprendente, ormai tv e commercianti ci hanno abituato da tempo anche in Italia a pubblicità e volantini che reclamizzano la "magica atmosfera del Natale". Non siamo degli ingenui, ma continuiamo a essere degli eterni bambini, e a vedere questo come il periodo più magico dell'anno. Anche se si tratta solo di aprire il portafogli. Ma d'altronde le gite ai mercatini e lo shopping natalizio non sono forse la cosa che più ci piace fare nel nostro tempo libero durante il periodo natalizio? Perché non farlo allora nella città più grande d'Europa? Una metropoli multietnica e colorata che festeggia il Natale in grande stile, ma che sa anche essere semplice e sincera. Ecco quindi tutti gli eventi principali da conoscere per passare le vacanze di Natale a Londra per il 2015.

Cosa vedere
Eventi
Mercatini di Natale
Prezzi
Clima

Cosa fare a Londra a Natale

Le luci e gli addobbi di Natale a Londra sono particolarmente pomposi. Immaginate le luminarie più belle che potete vedere nel nostro paese e adattatele a una città di queste dimensioni: il risultato non può che essere stupefacente. Il simbolo delle decorazioni natalizie londinesi è senza dubbio l'albero di Natale in Trafalgar Square, tra le più belle piazze del mondo a Natale. Per questo 2015, l'albero verrà acceso il 3 dicembre, alle 18. L'8 dicembre, alle 17.30, vi sarà la fiaccolata per la benedizione del presepe sui gradini della chiesa di St Martin-in-the-Field, situata sul lato est della piazza. Dal 7 al 23 dicembre vari gruppi corali della città si esibiranno in carole natalizie per raccogliere fondi a scopo caritatevole: le performance si terranno dalle 16 alle 20 nei giorni feriali, e dalle 14 alle 18 nei weekend, tranne il 10 e il 16 dicembre. L'albero verrà rimosso il 3 gennaio 2016.

La tradizione dell'albero di Natale di Trafalgar Square va avanti dal 1947. L'albero è un dono annuale della Norvegia al Regno Unito. Durante la Seconda Guerra Mondiale le truppe naziste invasero il paese scandinavo, che dovette arrendersi: la famiglia reale dovette fuggire con i suoi governanti e le forze di difesa a Londra, dove stabilirono un governo in esilio. L'Inghilterra diede rifugio ai norvegesi per cinque anni, durante i quali i soldati di entrambi i paesi combatterono fianco a fianco. L'albero è quindi un grande simbolo di gratitudine, oltre che di fratellanza tra popoli. La stessa cerimonia del taglio è un evento di rilievo a Oslo, dove ogni anno a novembre si sceglie l'abete migliore, descritto dai boscaioli come "la regina della foresta": alto oltre 20 metri e vecchio di quasi 60 anni. L'albero viene abbattuto alla presenza dei bambini di scuole locali, che intonano canzoni per l'occasione. Per celebrare la cerimonia londinese il 4 dicembre, alle 19.30 nella chiesa di St Martin-in-the-Field, si terrà l'annuale Royal Norwegian Christmas Concert.

Albero di Natale a Trafalgar Square. Foto di geekgirlnyc
in foto: Albero di Natale a Trafalgar Square. Foto di geekgirlnyc

Ma le luci di Natale a Londra prendono piede già dagli inizi di novembre. Oxford Street, la grande via commerciale della città, apre le danze inaugurando le luci più famose della città (ma non le più belle) con l'annuale evento musicale che vede esibirsi vari artisti della musica inglese. I grandi magazzini di lusso Selfridges sono sicuramente l'edificio più illuminato di tutta la strada, rischiarata da un totale di 750.000 lampadine a LED. Ma non saranno le sole a dare luce a una sfilza di negozi. Le vicine Bond Street, Regent Street e South Molton Street adornano con le luci le loro vetrine di lusso.

Covent Garden, la superba piazza del mercato e degli artisti di strada, si adorna di splendide decorazioni, caratterizzate da enormi palle di Natale. Durante il periodo natalizio si tengono vari eventi e attività. La Lego ogni anno sponsorizza una diversa attrazione: per il 2015 si tratta del Santa's Express, un'enorme trenino a vapore, con tanto di fumo vero, ovviamente tutto realizzato con i mitici mattoncini, 500.000 in totale: sarà presente fino al 29 dicembre.

Luci di Natale a Covent Garden. Foto di Aurelien Guichard
in foto: Luci di Natale a Covent Garden. Foto di Aurelien Guichard

Il Natale a Carnaby Street, il cuore commerciale di Soho, è cominciato con un grandioso "shopping party". Altre luci di Natale a Londra particolarmente belle le troviamo a Duke York Square e Sloane Square; Islington, dove troneggiano le iconiche ali d'angelo, accompagnate da un mercatino natalizio dal 4 al 23 dicembre; e Greenwich, che inaugura le luminarie con una processione di lanterne tenuta dai bambini delle scuole del luogo. Il 2015 vede per la prima volta anche le luci di Natale su Strand, la via si dipana da Trafalgar Squale e che rappresenta il centro del nuovo circuito commerciale conosciuto come Northbank.

Volete acquistare un giocattolo per i vostri figli? C'è un solo posto dove andare per avere la scelta più vasta della città. È il leggendario Hamleys di Regent Street: dal 1760 questo enorme negozio rende felici tutti i bambini di Londra, e lascia a bocca aperta i genitori. Hamleys si colloca su sette piani e copre una superficie di 54.000 m²: ha insomma le dimensioni di un grande magazzino, ma è esclusivamente dedicato ai giocattoli. I prodotti di punta sono naturalmente i peluche, che vanno dal classico orsacchiotto agli elefanti giganti. Nonostante l'enormità del negozio è molto facile orientarsi, poiché i giochi sono tutti divisi per categorie da "Arti e mestieri" a "Attività all'aria aperta", ecc… Qui ce n'è in abbondanza per passare un intero pomeriggio con i vostri piccoli. Hamley's è una delle mete da non perdere in una vacanza a Londra con i bambini.

Eventi

Tra tutti gli appuntamenti di Natale a Londra, senza dubbio l'evento più importante è l'Hyde Park Winter Wonderland. L'evento si tiene dal 20 novembre 2015 al 3 gennaio 2016 (ma è chiuso il 25 dicembre) nel parco più grande di Londra centro. Per essere sicuri di non perdervi, entrate dall'ingresso del Marble Arch (dove c'è la fermata della metro), il famoso lato dello Speakers' Corner. L'ingresso è totalmente gratuito, e il "paese delle meraviglie" comprende la terra delle sculture di ghiaccio e neve, un vasto mercato natalizio e il villaggio di Babbo Natale. Tra le attività a pagamento troviamo la grande ruota panoramica, giostre varie e i due circhi della famiglia Zippos. Vi è poi la più grande pista di pattinaggio all'aperto del Regno Unito, accessibile a tutte le età e ai disabili. Per l'elenco completo delle attività, gli orari e i prezzi consultate il sito di Winter Wonderland.

Col Natale a Londra cominciano i coriper le strade. Foto di BitchBuzz
in foto: Col Natale a Londra cominciano i coriper le strade. Foto di BitchBuzz

Per il secondo anno consecutivo possiamo portare i nostri bambini anche al Winterville: la risposta dell'est londinese al Winter Wonderland si tiene nel Victoria Park dal 26 novembre al 23 dicembre 2015. Anche qui ingresso totalmente gratuito e attrazioni a pagamento: tra queste la pista di pattinaggio, la ruota panoramica, la grotta di Babbo Natale e le pantomime. Ma il Winterville è orientato molto anche agli adulti, che potranno scegliere tra i numerosi eventi ospitati nella Spiegeltent: vi saranno spettacoli circensi, musica live, cabaret e discoteca. In collaborazione con il Backyard Cinema vi saranno anche le proiezioni di diversi film. Potete trovare tutte le informazioni sul sito ufficiale di Winterville.

Vi piace pattinare sul ghiaccio? La scelta delle piste di pattinaggio è numerosa, e va ben oltre quella del Winter Wonderland. Recatevi al Natural History Museum per una pista all'aperto di 1.000 m² contornata da alberi addobbati a festa (fino al 3 gennaio 2016). Leggermente più grande quella di Canary Wharf, e comprende anche un percorso tra alberi illuminati (fino al 27 febbraio 2016). Sotto l'occhio vigile del London Eye potete scivolare sul ghiaccio dell'Eyeskate, aperta nei Jubilee Gardens (fino al 3 gennaio 2016). Anche l'Hampton Court, la residenza reale di Enrico VIII, ha allestito la sua pista all'aperto, dove si tengono anche corsi dai 5 ai 16 anni (fino al 4 gennaio 2016). Stessa cosa per la pista della Somerset House, il palazzo dei Tudor situato su The Strand e affacciato sul Tamigi (fino al 10 gennaio 2016). Ai piedi della storica Tower of London, potete pattinare con un occhio sulla fortezza che ospita i gioielli della corona (fino al 3 gennaio 2016). Se soffrite il freddo all'aperto può interessarvi la pista di pattinaggio indoor del centro commerciale Westfield London (fino al gennaio 2016). Più lontano dal centro è invece la pista di pattinaggio del Wembley Park (fino al 3 gennaio 2016).

Pista  di pattinaggio al Natural History Museum. Foto di Ajith
in foto: Pista  di pattinaggio al Natural History Museum. Foto di Ajith

Anche Hogwarts celebra il Natale: The Making of Harry Potter, i set originali cinematografici della serie dedicata al celebre maghetto, sarà tutto decorato a festa. I Warner Bros. Studios di Leavesden realizzano, come ogni anno, "Hogwarts in the Snow", riadattando il giro turistico per l'atmosfera delle festività. Ad attendervi all'ingresso vi sarà un enorme albero di Natale, e la stessa Sala Grande è addobbata esattamente come si mostrava nei film. I tavoli saranno pieni di leccornie e piatti natalizi, naturalmente tutti realizzati in resina, ma che sembrano talmente veri da farvi venire l'acquolina. Anche il castello di Hogwarts ha una nuova veste, quella imbiancata dalla neve finta che gli conferirà tutto un altro fascino. E un addetto del tour vi mostrerà e farà provare con mano come si realizza la neve cinematografica. Il tour temporaneo di Hogwarts in the Snow sarà dal 13 novembre 2015 al 31 gennaio 2016.

Mercatini di Natale

Siete degli inguaribili romantici e ai negozi fashion preferite le bancarelle di strada? Siete nella città giusta: Londra ha numerosi mercati storici che si tengono praticamente in ogni quartiere, generalmente il week end. Notting Hill, Brick Lane, Southwark, Camden Town… Ogni quartiere ha il suo luogo di aggregazione per chi acquista in mezzo alla strada. In una citta così dedita al commercio in tutte le sue forme non poteva quindi mancare la controparte natalizia.

Passare il Natale a Londra è perfetto se si va in vacanza con i bambini. Foto di Garry Knight
in foto: Passare il Natale a Londra è perfetto se si va in vacanza con i bambini. Foto di Garry Knight

I Kew Gardens di Richmond, i giardini botanici reali Patrimonio dell'Umanità Unesco, ospiteranno il Sentiero Illuminato: una serie di installazioni luminose realizzate da artisti da tutto il Regno unito. Il percorso potrà essere visitato dal 25 novembre 2015 al 2 gennaio 2016, dalle 17.00 alle 22. Non sarà però aperto tutti i giorni: consultate il sito dell'evento per maggiori dettagli. Il biglietto d'ingresso se prenotato in anticipo è di £16 per adulti, £10 dai 4 ai 16 anni, gratis sotto i 4 anni e disabili. Il biglietto non include il villaggio di Natale, comprensivo di mercatini, giostrine per bambini, la grotta di Babbo Natale: l'ingresso si paga sul posto con denaro contante.

La South Bank è pregna di atmosfera natalizia. Foto di Chris J
in foto: La South Bank è pregna di atmosfera natalizia. Foto di Chris J

Il mercatino di Natale della Southbank si tiene come sempre in puro stile tedesco, con le capannette in legno tipiche della tradizione del Christkindlmarkt. Sarà presente dal 21 novembre al 24 dicembre sulla passeggiata del lungofiume denominata Queen's walk. Potrete trovare una vasta offerta di doni e giocattoli, così come di cibi e bevande tipicamente natalizie: vin brulé, bratwurst e pan di zenzero. Vi sono piccole bancarelle dedicate ai semplici doni per chi non può spendere tanto.

Altri piccoli mercatini si tengono in differenti parti della città, spesso solo per pochi giorni. Tra questi citiamo il Greenwich Market (dal 20 novembre al 24 dicembre) che si concentrerà sui prodotti e le decorazioni realizzate da artigiani locali. Il Crafty Fox Christmas Market di Peckham (12-13 dicembre), nel sudest, è invece la versione natalizia dell'omonimo mercato di Brixton (5-6 dicembre) dedicato all'artigianato: in questo caso i manufatti sono tutti possibili doni natalizi.

Prezzi del Natale a Londra

Il costo della vita a Londra, si sa, è altissimo. Soprattutto se paragonato ai nostri standard. Ci sono naturalmente molti modi per risparmiare, ma non riguardano certamente lo shopping natalizio. In questo periodo scordatevi offerte da parte dei negozi, poiché chi vive a Londra spende volentieri per i beni di lusso. E persino sulle bancarelle non si tratta: il prezzo esposto è quello e non si scappa. Non parliamo poi di mangiare: i ristoranti tendono a essere molto cari, soprattutto in pieno centro turistico: un pranzo può costare dalle 20 alle 30 sterline a testa.

Mercatini di Natale a Londra. Foto di Garry Knight
in foto: Mercatini di Natale a Londra. Foto di Garry Knight

Una buona idea per risparmiare a Londra è quindi conciliare le due cose. Perché dove c'è mercato c'è street food. E anche se non avremo la comodità di un coperto in un locale riscaldato, avremo sicuramente un menu diversificato. La scelta delle bancarelle alimentari è infatti molto variegata e riflette la multietnicità di Londra. Si passa con facilità da noodles con pollo a panini con salsicce tedesche. Ma il palato lo si addolcisce definitivamente con la pasticceria inglese: se la cucina inglese non brilla certo per varietà, può almeno bearsi di delizie come muffin, mince pie e christmas pudding. Un pranzo completo all'aperto, che prenda a piene mani da diverse bancarelle per coprire antipasto, primo, bevanda e dolce può venirvi a fare intorno ai £15. Che, lo riconosciamo, non è comunque poco ma questa è Londra.

Il costo dei trasporti pubblici è la prima voce che dovete considerare giunti nella capitale inglese. E questo dipende dalla vostra permanenza. Se siete in città per un week end basterà comprarvi dei pass giornalieri che coprano la Zona 1 e 2 della metro: il costo è di £12 al giorno. Se siete a Londra per almeno una settimana allora l'unica è prendersi la Oyster Card: la famosa travel card che si ricarica manualmente e che ci permette di acquistare abbonamenti. In questo caso la cosa più conveniente è caricare un abbonamento settimanale, al costo di £32.10, con il quale potremo muoverci in metro (Tube) e bus. Ma anche se rinunciamo all'abbonamento e vogliamo pagare ogni singolo viaggio, la Oyster Card è la scelta migliore: consente infatti di dimezzare i prezzi dei singoli biglietti che senza la travel card avrebbero un costo eccessivo. Per farvi un esempio: un biglietto di corsa singola in metro all'interno della Zona 1 costa £4.80, con la Oyster costa £2.30. Per saperne di più consultate il sito dei trasporti pubblici di Londra.

Clima a Londra a dicembre

Inverno a Londra: cadrà la neve quest’anno? Foto di Paul
in foto: Inverno a Londra: cadrà la neve quest’anno? Foto di Paul

Ma quali sono le condizioni meteorologiche di Londra tra i mesi di novembre e dicembre? Contrariamente alla fama di città grigia e scura che si porta da due secoli, Londra vanta un clima più variegato di quello che si pensi. Ecco, variegato è la parola giusta: l'imprevedibilità del tempo è tale che in una giornata si può sperimentare ogni tipo di evento atmosferico, dalla pioggia sottile alla raffica di vento. Una cosa e certa: farà freddo. Per quanto non manchino le giornate di sole in inverno, non illudetevi di poter abbandonare il cappotto. Il gelo comincia a farsi sentire agli inizi di novembre e si intensifica a metà gennaio. Il freddo secco si alternerà a un'umidità elevata, per cui canottiere e calzini di lana sono raccomandati. Gli inverni degli ultimi tre anni sono stati particolarmente freddi, ma a parte qualche sporadico episodio non ci sono state intense nevicate. Non vogliamo quindi illudervi: le possibilità di un bianco Natale sono molto basse. Voi pero non fatevi demoralizzare: non si può mai sapere.

[In apertura: le luci natalizie di Regent Street. Foto di Filippo Diotalevi]